Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:543 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:592 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1110 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1797 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1109 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1272 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1309 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1517 Crotone

Con le ceneri è iniziata la quaresima

Il mercoledì delle ceneri all'ospedale Civile

 

Con il rito dell’imposizione delle ceneri ha preso il via ieri pomeriggio, anche negli ospedali Civile e Maria Paternò Arezzo di Ragusa, il periodo quaresimale. La celebrazione eucaristica tenutasi in Cappella, rivolta a malati, medici, operatori sanitari e fedeli, ha fatto registrare una consistente partecipazione. L’iniziativa è stata promossa dall’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute in collaborazione con la cappellania ospedaliera e con i volontari dell’Avo. Subito dopo, il direttore dell’Ufficio diocesano, don Giorgio Occhipinti, si è recato nei reparti per benedire i malati. Domani, venerdì 7 marzo, si proseguirà con la Via Crucis. L’appuntamento è alle 16 al Civile (la Via Crucis sarà preceduta alle 15,30 dalla preghiera della Divina misericordia). Anche in questo caso, la cerimonia religiosa sarà animata dai componenti della cappellania ospedaliera e dai volontari dell’Avo. Durante il rito dell’imposizione delle ceneri, di cui è stato spiegato l’elevato significato religioso, don Occhipinti ha citato le parole di Papa Francesco riservate alla Quaresima 2014, riprendendo le stesse durante l’omelia della santa messa. “In ogni epoca e in ogni luogo – ha detto don Occhipinti rifacendosi a quanto detto dal Santo Padre – Dio continua a salvare gli uomini e il mondo mediante la povertà di Cristo, il quale si fa povero nei Sacramenti, nella Parola e nella sua Chiesa, che è un popolo di poveri. La ricchezza di Dio non può passare attraverso la nostra ricchezza, ma sempre e soltanto attraverso la nostra povertà, personale e comunitaria, animata dallo Spirito di Cristo. Ad imitazione del nostro Maestro, noi cristiani siamo chiamati a guardare le miserie dei fratelli, a toccarle, a farcene carico e a operare concretamente per alleviarle. La miseria non coincide con la povertà; la miseria è la povertà senza fiducia, senza solidarietà, senza speranza. Il Papa ci dice che la Quaresima è un tempo adatto per la spogliazione; e ci farà bene domandarci di quali cose possiamo privarci al fine di aiutare e arricchire altri con la nostra povertà. Non dimentichiamo che la vera povertà duole: non sarebbe valida una spogliazione senza questa dimensione penitenziale. Diffidiamo dell’elemosina che non costa e che non duole”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI