Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:609 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:180 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:471 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:504 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:721 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1118 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1110 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1483 Crotone

Caso Uss, Nordio: Ho pienamente rispettato la legge

Artem Uss, l’imprenditore russo figlio di un oligarca vicinissimo a Putin evaso dai domiciliari in costanza della richiesta di estradizione avanzata dagli Stati Uniti, «è stato messo ai domiciliari con un provvedimento di cinque righe» solo perché aveva «una moglie e una casa» a fronte del provvedimento di quattro pagine «documentatissimo» e «ampiamente motivato» con il quale la Procura della Corte di Appello di Milano si era opposta alla richiesta dei domiciliari facendo presente che Uss aveva «conti bancari in tutto il mondo» e «appoggi internazionali» che rendevano alto il rischio di fuga. È la ricostruzione fatta dal ministro della Giustizia Carlo Nordio nel corso della informativa urgente del governo alla Camera.

Uss era stato arrestato il 17 ottobre scorso a Malpensa e aveva trascorso alcuni mesi in carcere per poi ottenere i domiciliari a Basiglio, nel Milanese, dai quali è fuggito il 22 marzo. Sia il Ministero, sia il Dipartimento della Giustizia statunitense avevano sollecitato il mantenimento della misura del carcere.

"Gli americani erano esterrefatti dopo la concessione degli arresti domiciliari ad Artem Uss alla luce dell'informativa del dipartimento di Giustizia Usa che segnala l'altissimo pericolo di fuga". Lo ha ricordato il ministro della Giustizia, Carlo Nordio riferendo in aula sul caso dell'evasione dell'uomo d'affari russo. "Anche la Federazione Russa ha presentato una richiesta di estradizione per Artem Russ: si sono accavallate e incrociate due richieste di estradizione, quella degli Stati Uniti e quella della Federazione Russa" ha evidenziato il Guardasigilli. Poi il ministro ha aggiunto: "Sono in corso approfondimenti per l'attivazione della procedura di congelamento dei beni nei confronti di Artem Uss".

Il ministero della Giustizia ha avviato un procedimento disciplinare contro i giudici della Corte d'Appello di Milano, incolpando di "grave e inescusabile negligenza" per aver concesso il 25 novembre 2022 gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico al 40enne imprenditore russo Artem Uss, poi evaso.

Come riportato da Corriere della Sera e La Repubblica, il ministro Carlo Nordio, addebita ai tre giudici di aver deciso i domiciliari "senza prendere in considerazione" circostanze che, indicate nel parere della Procura generale di Milano, contraria ai domiciliari, avrebbero potuto portare a disporre il carcere.

In sostanza l'accusa del ministro è di "non aver valutato" elementi dai quali emergeva "l'elevato e concreto pericolo di fuga".

Nell'ordinanza che concedeva i domiciliari i giudici concludevano che il pericolo di fuga continuava a essere concreto, ma anche che potesse essere contenuto aggiungendo agli arresti domiciliari il braccialetto elettronico. Una decisione in cui il ministro ravvisa una "grave e inescusabile negligenza".

Oggi intanto c'è stato oggi l'incontro tra Giorgia Meloni e il ministro Nordio sul caso della fuga di Uss. L'incontro era stato annunciato nei giorni scorsi dalla premier.

I giudici della quinta sezione penale della Corte d'Appello milanese, che hanno firmato l'ordinanza del 25 novembre scorso con cui sono stati concessi i domiciliari con braccialetto elettronico a Uss, non hanno ancora materialmente ricevuto l'atto di avvio dell'azione disciplinare a loro carico del ministro della Giustizia Carlo Nordio. Da quanto si è appreso stamani in Corte d'Appello, il documento con cui il Ministero ha avviato il procedimento disciplinare, che deve passare anche attraverso la presidenza della Corte d'Appello, oltre che per la Procura generale della Cassazione, non è ancora stato notificato ai giudici, che hanno saputo oggi dai media dell'azione nei loro confronti. L'atto dovrebbe arrivare nella loro disponibilità nelle prossime ore. I giudici nei confronti dei quali è stata promossa l'azione disciplinare, per una "grave e inescusabile negligenza" nella concessione dei domiciliari, sono Monica Fagnoni, Micaela Curami e Stefano Caramellino.

"Una regola fondamentale della materia disciplinare, immediata traduzione del principio della separazione dei poteri - ricorda il presidente dell'Anm, Giuseppe Santalucia - è che il Ministro e il Consiglio superiore della magistratura non possono sindacare 'l'attività di interpretazione di norme di diritto e quella valutazione del fatto e delle prove'. Sarebbe assai grave se questo limite, argine a tutela dell'autonomia e dell'indipendenza della giurisdizione, fosse stato superato. Da quanto leggo da un informato articolo di stampa - prosegue - l'addebito disciplinare muove censure al merito della decisione, contesta gli apprezzamenti dei fatti operati dal Collegio giudicante e non pare focalizzare l'attenzione sui profili di potenziale responsabilità disciplinare che, secondo la legge, sono costituiti esclusivamente dalla negligenza inescusabile". Lo dice all'ansa il presidente dell'Anm Santalucia a proposito dell' azione disciplinare del ministro Nordio sul caso Uss. "Lo strumento disciplinare - aggiunge - non può tener luogo degli ordinari mezzi di impugnazione e far confusione su questo piano di netta distinzione sarebbe quanto mai dannoso".

"È un esercizio dell'azione disciplinare a furor di popolo, anzi di governo, che crea un precedente molto grave in termini di invadenza del potere esecutivo sull'autonomia e indipendenza della giurisdizione". Il leader delle toghe progressiste di Area, Eugenio Albamonte, non fa sconti al ministro della Giustizia Carlo Nordio che ha avviato l'azione disciplinare nei confronti dei giudici del caso Uss. E giudica questa iniziativa di Nordio un "modo per scaricare sugli altri le proprie responsabilità".

"Una inedita, non consentita e pericolosa interferenza" nel lavoro dei giudici. Per Magistratura democratica è "gravissima" l'iniziativa del ministro Nordio nei confronti dei giudici del caso Uss.Usare la "leva del disciplinare per "operare pericolosi condizionamenti " dei giudici "rende i cittadini più esposti ed indifesi, costituendo, una sostanziale aggressione alle libertà costituzionali fondamentali". Md auspica che "tutta la comunità giuridica riconosca la gravità del momento e reagisca compatta Sotto attacco non ci sono solo i giudici di Milano, ma la libertà e l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla giustizia".

 

Fonte Ansa e varie agenzie

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI