Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 28 Giugno 2017

Il prof. Vitale al 4° seminario della Scuola di Liberalismo

Al 4° seminario della Scuola di Liberalismo “Ludwig von Mises” 2017 di Catanzaro, il 17 febbraio 2017, con inizio alle ore 15, interverrà il prof. Alessandro Vitale, che tratterà il tema: «La politica e la “legge dell’apprendista stregone”». Il seminario si svolgerà presso l’aula “O” della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro.

L’espansione lenta ma inesorabile del potere politico e del suo controllo, diretto o indiretto, di sfere sociali sempre più vaste, inglobate nello Stato e sottoposte alla sua onnipresente regolamentazione, ha prodotto anche una soggezione della legge e del diritto alla decisione politica e un conseguente, dilagante interventismo dello Stato in tutti gli ambiti occupabili e controllabili con una legislazione inarrestabile. A quest’ultima ben si adatta la metafora dell’ “apprendista stregone”, figura della ballata Der Zauberlehrling, composta nel 1797 da W. Goethe e rappresentata in opere musicali (P. Dukas) e filmiche (la più celebre: il film d’animazione Disney, Fantasia, 1940).

Tutte le forme escogitate per limitare il potere finiscono “macinate” in questa macchina inarrestabile, che è oggi il vero “apprendista stregone”. Il potere politico è così solo formalmente limitato dalla legge “universale e astratta”, che può diventare anche furto, contraffazione monetaria, schiavitù, che un potere violento può rendere “legali”. Le radici di  questa devastazione del diritto - studiate a fondo da Bruno Leoni - sono rinvenibili nell’epoca moderna a partire dall’opera di Thomas Hobbes, poi proseguita nella dottrina del positivismo giuridico. Nel corso degli ultimi secoli però l’analisi e la denuncia di questa pericolosa degenerazione hanno brillato nell’analisi di molti pensatori e teorici di grande lucidità, fra i quali si possono ricordare, per la loro importanza, H. Spencer, A. Jay Nock, B. Leoni appunto e anche G. Miglio, che con le loro opere continuano a parlarci e a metterci in guardia.

Il prof. Alessandro Vitale insegna Analisi della Politica Estera, Geografia Economica e Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche Economiche e Sociali e Economic Geography in quella di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano. Ha insegnato in Università italiane e straniere, partecipato a convegni e tenuto conferenze in Università inglesi, statunitensi e dell’Europa Centrale e Orientale. È stato responsabile dell’Osservatorio Europa Centrale e Orientale dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI, Milano) e ricercatore del Non Governmental Peace Strategies Project (dir. Amb. G. Picco - ONU). Free lance correspondent di Radio Free Europe/Radio Liberty (Praga), è stato allievo e ha lavorato con Gianfranco Miglio nelle ricerche sulla teoria federale. Ha pubblicato, con altri o individualmente, I Concetti del Federalismo (1995), L’Unificazione impossibile (2000), El Primer Israel (Buenos Aires, 2007), La Russia postimperiale (2009), L’Europa alle frontiere dell’Unione (2010) e più di 250 articoli, studi e recensioni, usciti in sei  lingue e in otto Paesi. Il 27 agosto 2010 ha ricevuto a Soverato il Premio Internazionale Liber@mente.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI