Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 16 Gennaio 2021

Il Sud da “Questione meridionale” a “Questione Nazionale”

In primis, diciamo che dal 1861 gli italiani continuano nella convinzione che il Mezzogiorno, del Paese Italia, rappresenti un freno alla piena partecipazione dell’intero Paese al tavolo dei grandi decisori dell’economia occidentale. Il Sud, da una visione storica, che coincideva con il Regno delle due Sicilie, fu politicamente smantellato, sostituendo la classe dirigente borbonica con soggetti ben disposti verso il vincitore sabaudo e con l’invio di funzionari piemontesi. Ancora, bisogna ammettere che sono passati 155 anni dall’Unità d’Italia e che il Mezzogiorno rimane, ancora, oscurato da una nuvola di pregiudizi. Vediamo perché. L’industrializzazione è stata gestita in modo, spesso, senza criterio; le infrastrutture dei servizi e trasporti non hanno mai raggiunto un livello di piena sufficienza; molti giovani meridionali emigrano al Nord per mancanza di sbocchi professionali. A questo punto, va detto senza mezzi termini, che la storica “Questione meridionale” esiste, ancora, costituendo, nei fatti, un importante problema di interesse nazionale.  Pertanto, a nostro modesto avviso, occorre creare un sistema efficiente che riesca a mettere insieme i governi territoriali del Mezzogiorno con il governo centrale.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI