Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 02 Dicembre 2020

Orlando:" Gestione dei rifiuti, si può uscire dal tunnel"

Ieri mattina, presso il complesso monumentale dello Steri si è svolto un convegno organizzato dall’Anci Sicilia, dal Comune di Palermo e dalla Rap durante il quale, oltre al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il presidente Rap, Sergio Marino, sono intervenuti il Vice Presidente di Utilitalia (ex federambiente) Filippo Brandolini, il rappresentante di Ama Roma Leopoldo D’amico, il Presidente  di Amiu Puglia Gianfranco Grandaliano nonchè Ignazio Capuano, presidente di Comieco.

Durante il suo intervento il Presidente dell'Anci Sicilia e sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha affermato: "Dobbiamo essere piú formiche che cicale, ma le formiche non possono impazzire considerando che nonostante tutti gli sforzi possibili mancano quelle direttive e quelle azioni a livello regionale che sono necessarie a completare il ciclo della raccolta e dei conferimenti". "Quindici giorni fa assieme al ministro dell'Ambiente Galletti a Roma - ha aggiunto Orlando -  abbiamo affrontato le problematiche relative alla raccolta dei rifiuti e dello smaltimento nel Mezzogiorno. L'iniziativa di oggi a Palermo serve anche a dimostrare che dal tunnel si può uscire e che non c'é più l'Amia, società  naufragata per una gestione fallimentare, falsi in bilancio e ruberie. Da un anno a questa parte la Rap sta affrontando in modo sistematico la gestione dei rifiuti a Palermo e si sta attrezzando con nuovi mezzi".

Dettagliata e densa di contenuti la relazione del presidente di Rap Sergio Marino che ha illustrato la bontà dell’azione di Rap in questo primo anno di attività in vigenza di contratto di servizio soffermandosi più volte sulla necessità di sinergia tra azienda e cittadini.
L’assessore all’Ambiente Cesare Lapiana, invece,ha fatto notare l’assenza di rappresenti della Regione a questo convegno che poteva essere uno spunto per confrontarsi a 360 gradi con i rappresentanti dei comuni sui diversi problemi che affliggono la Regione e tra questi la mancanza di un piano regionale sui rifiuti.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI