Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:808 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:264 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:556 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:587 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:815 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1184 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1172 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1547 Crotone

Amantea - Al Parco della Grotta è di scena la grande opera

Da Sx Fernando Suarez Paz, Cecila Suarez Paz, Filippo Arlia

Sabato 18 luglio alle ore 22, presso il Parco della Grotta, andrà in scena per la prima volta in Calabria l'opera argentina "Maria de Buenos Aires" musicata da Astor Piazzolla su libretto di Horacio Ferrer. Si tratta di un'opera tango la cui prima rappresentazione risale al 1968 al “Planet Theatre” di Buenos Aires. Lo spettacolo, organizzato dal Conservatorio di musica “Tchaikovsky”, è un fuori programma del “Festival del Mediterraneo”. Per la regia di Gianmaria Romagnoli e le coreografie di Bibiana Reynoso, l'Orchestra Filarmonica della Calabria, diretta dal maestro Filippo Arlia, accompagnerà la messa in scena di questa autentica eccellenza del panorama musicale internazionale. Straordinaria sarà la partecipazione di Fernando Suarez Paz, violinista e direttore d'orchestra argentino, storico della “National Symphony Orchestra” e dell'Orchestra Filarmonica di Buenos Aires, ma soprattutto membro del “Nuovo Tango Quintet” proprio al fianco di Astor Piazzolla per dieci anni.

«Autentica espressione del genio creativo di Piazzolla – spiega lo stesso Arlia – “Maria de Buenos Aires” è certamente una delle pagine più felici del compositore. La trama, dedicata da Piazzolla alla cantante Milva, è piuttosto surreale. Ispirata a una leggenda metropolitana del primo ‘900, unisce sapientemente sacro e profano. La sfortunata Maria, nata in un sobborgo degradato di Buenos Aires, decide di divenire una passeggiatrice. Mal veduta dai tenutari di un bordello, questi ultimi, riuniti in una messa nera, decidono della sua morte. Lo spettro della defunta Maria, continuerà a vivere per le vie della città. Ritornata vergine, per opera di un poeta folletto, viene ingravidata e alla presenza di tre magi muratori, darà alla luce una bimba di nome Maria, metafora non solo della rinascita personale, ma della stessa Argentina. Il genere di musica che accompagna l'opera è quello del “nuevo tango”, a cui Piazzolla deve la sua notorietà. Un appuntamento unico e imperdibile, espressione di una proposta culturale di alto profilo, soprattutto in una regione in cui vien dato poco spazio a spettacoli di siffatta natura. Il costo di ingresso è di euro 10, ridotto di euro 7».

«Siamo felici ed entusiasti di questa proposta – spiega il vice sindaco Giovanni Battista Morelli – che consente di accogliere per la prima volta l’opera ad Amantea in un contesto scenografico naturale che già di per se è espressione d’arte. L’Orchestra Filarmonica della Calabria, inoltre, è riuscita a gestire al meglio l’allestimento proponendo un ticket d’ingresso che permetterà a tutti di apprezzare questa grande esibizione».

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI