Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 10 Agosto 2020

Beni culturali: Bianco e Nicolais inaugurano illuminazione e app per Terme Achilliane

terme 1

Gran folla all'apertura dell'importante struttura termale d'epoca  romana. Il Sindaco, "La sinergia tra istituzioni è vincente". Il  Presidente del Cnr, "Aiutiamo l'Italia che vuole crescere, e Catania,  grazie alla collaborazione del Comune, è in prima fila". Led che  consentono di ammirare anche gli angoli meno conosciuti nel monumento e  un'applicazione scaricabile sugli smartphone per la visita "immersiva"

La nuova illuminazione a led delle Terme Achilliane, posta sotto la  piazza Duomo e tra i più interessanti impianti di età romana, è stata  inaugurata dal sindaco di Catania Enzo Bianco, dal presidente del Cnr  Sergio Nicolais, dalla sovrintendente ai Beni Culturali Fulvia Caffo,  dal direttore dell'Ibam Daniele Malfitana e dall'assessore alla Cultura e  al Turismo Orazio Licandro a conclusione di un progetto che ha portato  anche alla realizzazione di un'app che consente la visita "immersiva"  del monumento.
"Circa vent'anni fa, durate la mia prima sindacatura - ha detto Bianco  durante la conferenza stampa nel Palazzo degli elefanti che ha  preceduto l'inaugurazione - scesi per la prima volta nelle Terme  Achilliane con l'intento di recuperarle alla città. Le aprimmo per  qualche tempo, anche se in seguito furono nuovamente invase dall'acqua e  dovettero essere chiuse. Adesso si potranno visitare ammirando tutta la  loro bellezza grazie a un'intensità luminosa non invasiva, diventando  uno strumento importante per il nostro turismo. Tutto questo grazie a  un progetto frutto della forte sinergia tra il Comune e il Cnr. È  proprio la sinergia tra istituzioni l'idea vincente".
"Il nostro compito istituzionale - ha confermato Nicolais - è quello  di dare una mano all'Italia che vuol crescere. Stiamo cercando di  interpretare al meglio l'idea di Smart City coniugando la vocazione  umanistica con quella tecnologica e quello di Catania, grazie alla  splendida collaborazione con il Comune, è uno dei migliori esempi di  questa interazione. Nel caso delle Terme Achilliane siamo riusciti a  dimostrare quanto si può fare con la tecnologia per esaltare la bellezza  di un sito. E non parliamo solo dell'illuminazione. Questa è solo la  prima parte di un progetto che prevede la ricostruzione virtuale,  basandosi su uno studio squisitamente scientifico, delle Terme com'erano  in passato".
È stata infatti creata un'app (in italiano e in inglese) sulle terme  sia per Ios che per Android, quindi per IPhone, Ipad e Smartphone. È  disponibile su Google play oppure scaricabile dal sito www.cataniaarcheologica.it.  L'app, coniugando rigore scientifico e capacità comunicative, offre una  nuova esperienza di visita del monumento consentendo di esplorarne ogni  angolo, grazie alle tecniche tipiche dell'archeologia immersiva. A  realizzare il progetto è stato un team multidisciplinare di archeologi,  informatici e fotografi e il progetto di visita immersiva è stato  illustrato da Danilo Pavone e Alessio Iabichella. Il costo complessivo  dell'operazione è stato di poco meno di 40.000 euro, risorse previste  all'interno del Pon DICeT LivingLab Di Cultura e Tecnologia Smart Cities  and Communities and Social Innovation finalizzato alla valorizzazione  del patrimonio culturale della città di Catania.
Nel corso della conferenza stampa il sindaco Bianco ha sottolineato  l'importanza della sinergia anche con altri soggetti, primo fra tutti la  Sovrintendenza, per il rilancio dei beni culturali di Catania come  l'anfiteatro romano, ricordando come con il Cnr "si stia realizzando una  struttura per la visita virtuale della città sempre più interessata a  conoscere e a far conoscere la propria magnifica storia anche ai  turisti".
"Stiamo provando a valorizzare - ha detto l'assessore Licandro - ciò  che in pochi conoscono. Va sottolineato tra l'altro che Catania è, dopo  Roma, la maggiore città italiana per importanza di siti archeologici  romani. La più bella vittoria è stata comunque la presenza di  un'autentica folla venuta a visitare, per l'inaugurazione, le Terme  Achilliane, a dimostrazione di come l'interesse per la cultura sia in  costante crescita a Catania".

terme taglio nastro


Nel corso dell'incontro con i giornalisti, il Sindaco ha ricordato  come la Soprintendenza abbia già chiesto alla Regione di aderire alla  Catania Card ideata dal Comune, presentata pochi giorni fa e che entrerà  in funzione nei primi di febbraio e come altre istituzioni - per  esempio l'Università che ha inserito l'ex Convento dei Benedettini e  l'Orto Botanico - già abbiano aderito e facciano parte del circuito. La  visita alle Terme, peraltro, ne fa già parte perché il bene è gestito  dall'Arcidiocesi che ha aderito al progetto.
Le strutture dell'impianto termale, costruito nel II secolo d.C. e  ancora ben conservate, scoperte nel XVI secolo e messe in luce nel 1767  da Ignazio Paternò Castello Principe di Biscari, sono state ora dotate  di un nuovo sistema d'illuminazione a basso impatto ambientale  sviluppato con tecnologie led di ultima generazione. La nuova  illuminazione, curata e diretta da Marzia Paladino con la collaborazione  del team di ricercatori e tecnici dell'Ibam, è stata inserita fra gli  eventi dell'International Year of Light and Light-based Technologies  2015, un'iniziativa sostenuta dall'Unesco.
Attraverso lo studio degli  angoli di emissione della luce, della distanza, dei flussi e  dell'intensità luminosa, è stato possibile ottenere una corretta  percezione dei colori e dei contrasti cromatici. La precisione dei led  utilizzati permette ora di distinguere in modo più chiaro anche le  diverse stratificazioni nella costruzione dell'edificio. Inoltre,  permette di creare, tra giochi e alternanze di ombre, ambienti dal  diverso impatto emotivo.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI