Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 13 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:397 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1139 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:494 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:776 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:830 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1028 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1372 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1361 Crotone

Da un Paese senza futuro per i giovani ad alcune opportunità nel Sud

In primis, diciamo che l’Ocse sottolinea l’accentuata divaricazione tra generazioni con il tasso di occupazione tra le persone della fascia 55-64 anni cresciuto di 23 punti tra il 2000 e il 2016, mentre quello dei giovani è registrato in calo, di 11 punti. In conseguenza, la povertà relativa, in Italia, è salita per i giovani, mentre, è diminuita per gli anziani. Pertanto, quello che emerge è un quadro d’insieme allarmante, con la questione giovanile sempre più centrata in una società che spesso la disconosce,qq oppure, la sottovaluta almeno, a giudicare, da alcune scelte della politica nazionale. A questo punto, a nostro modesto avviso, bisogna costruire le condizioni socio-economiche: per dare un lavoro non precario ai giovani e valorizzare le loro competenze nell’intero Paese Italia. Intanto, per dovere di cronaca, dobbiamo dire che, alcune opportunità, per i giovani del Mezzogiorno, si stanno muovendo. Sempre, secondo la legge di bilancio nazionale, sarà conservata la decontribuzione, ad hoc, per le Regioni meridionali, che vale il 100 per cento dei contributi; come indicato dal ministro della Coesione, De Vincenti si applicherà ai lavoratori sotto i 35 anni, ed a quelli con sei mesi di precedente disoccupazione.  Ancora, in Puglia, in particolare, a Lecce, l’economia del sociale sta rappresentando la risposta giusta per  i lavoratori del domani. Vediamo come. L’Università del Salento ha come tema le aziende del sociale, ovvero, con il progetto “White economy” ha creato opportunità per tanti giovani: gli studenti incontrano le imprese e presentano le loro idee innovative. A Galatina (Lecce), è nata la Consulta dei giovani: si tratta di uno strumento efficace ed operativo tramite il quale, i giovani potranno elaborare idee e progetti per costruire un futuro migliore. A Carmiano(Lecce), è sorto il Centro “Ambarabà”, che ospita adolescenti, dai 12 ai 17 anni, stimolando, in loro, una scintilla creativa, che li ha fatti mettere in gioco, sperimentando se stessi e la loro personalità; portandoli ad acquisire consapevolezza e a coltivare le proprie aspirazioni e le proprie abilità lavorative future.  In conclusione, diciamo che c’è da augurarsi che queste opportunità per un futuro dei giovani del Mezzogiorno, non rimangano “a macchia di leopardo” ma, si estendano, in tutto, il Paese Italia.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI