Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 22 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:617 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1355 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:697 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:896 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:951 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1144 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1480 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1472 Crotone

Dal furto di identità digitale, agli attacchi informatici degli hacker

Oggi, a nostro modesto avviso, il vero pericolo informatico è il cosiddetto “furto di identità digitale” ad opera degli hacker. Peraltro, non a caso, in Italia, secondo l’Osservatorio Crif , sono stati registrati 26mila casi di frodi creditizie, a seguito di furti di identità digitale. In sostanza, agli hacker, ormai, interessano solo le nostre vite online, ovvero, i dati sempre, più, digitali del nostro conto in banca, in genere, tutte le informazioni che mettiamo in Rete, da semplici cittadini e da quando siamo sul posto di lavoro. Un’indagine del “Financial cyber threats “, nel 2013, ha messo in evidenza due filoni principali di cyber attacco: i programmi creati per rubare i file dei portafogli virtuali e le applicazioni progettate per installare, su pc infetti, il software che genera “bitcoin”(leggi:moneta virtuale). Ma c’è di più. Una delle cause principali con cui i cyber criminali riescono ad accedere alle informazioni personali, è l’estrema facilità di accesso, attraverso documento cartacei o in forma digitale e attraverso i dati e profili scaricabili dai social network. Ancora, va rilevato che circa la metà dei casi di frodi creditizie, il 52,5%, viene scoperta entro 12 mesi, mentre il restante 47,5% negli anni successivi(cfr.www.ilsole24ore.com./finanza del 3.6.2014). Ma oggi, qualcosa sta cambiando. La tecnologia consente di eseguire una completa verifica antifrode su un documento d’identità attraverso una semplice foto fatta con uno smartphone. Nel nostro Paese, il Garante della Privacy fornisce le istruzioni per una perfetta “armatura digitale”: sul sito istituzionale del Garante della Privacy c’è la nuova guida che aggiorna quella del 2009, sulle problematiche dei social network e sulle precauzioni da prendere per difendere i propri dati personali. E dulcis in fundo, noi diciamo che il problema si potrà risolvere con l’identità digitale sulla quale, anche, l’Unione europea sta, già, lavorando a livello normativo e molti operatori si stanno già attrezzando.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI