Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 01 Marzo 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:380 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:349 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:568 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:685 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1067 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1156 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2489 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2739 Crotone

Appello ai comuni di Simeto Ambiente: evitare pericolosi ritorni al passato

A lanciare l’appello, rivolto ai Comuni della società Simeto Ambiente, è il direttore tecnico della stessa società, Carmelo Caruso. “Abbiamo avviato un percorso che non può e non deve essere interrotto – evidenzia il direttore Caruso -, per il bene delle nostre comunità, per dar corso a quanto l’Unione Europea ci impone, per garantire la salvaguardia dei nostri territori. Con sforzi immani abbiamo ottenuto traguardi inimmaginabili, fino a qualche anno fa. Comprendiamo le difficoltà ma la strada più breve non è detto sia la migliore. Anzi, in questo caso, è proprio l’opposto”.

Il riferimento è legato alla possibile scelta di un ritorno al sistema della raccolta dei rifiuti, attraverso il riposizionamento dei cassonetti dell’indifferenziato, come accaduto a Santa Maria di Licodia.

La scelta dell’Amministrazione di piazzare, seppur in una sola postazione, nella zona Vigne, i cassonetti dell’indifferenziato, per andare incontro alle esigenze dei residenti, ha mostrato cosa può accadere. L’area in poco tempo si è trasformata in una discarica (trovate anche carcasse d’animale), con un calo verticale della raccolta differenziata.

“Il ritorno ai cassonetti significherebbe cancellare quanto di buono fatto fino ad oggi – continua il direttore Caruso -, vanificare i passi avanti compiuti. Se oggi siamo ad una media semestrale del 43,15% è perché insieme, ATO, Amministrazioni comunali, cittadini si sono impegnati su un percorso comune”.

Ed intanto, sempre sul fronte rifiuti, i commissari liquidatori degli ATO siciliani, si sono ritrovati a Mazara del Vallo, dov’è stato deciso di seguire con attenzione il percorso delle SRR, ed arrivare nel più breve tempo possibile all’immediata operativa della nuova gestione. Da qui la decisione di ritrovarsi ancora il prossimo 31 luglio alle ore 10.30, presso la sede dell’ATO PA5, a Termini Imerese.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI