Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:658 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:192 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:483 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:516 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:735 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1128 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1120 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1490 Crotone

Battuta d’arresto per l’Orizzonte Catania

Panchina Orizzonte

Battuta d’arresto per l’Orizzonte Catania, sconfitta 8-6 sul campo del Rapallo PN nella nona giornata della Serie A1 femminile.

Non si sbloccano dunque fuori casa le catanesi, che avevano iniziato bene il match vincendo il primo tempo per 3-2. Le liguri hanno però ribaltato il risultato nella seconda frazione, vincendola 2-0, per poi allungare grazie al 3-2 ottenuto nel terzo parziale. Ininfluente ai fini del risultato finale l’1-1 del quarto tempo.

Tra le rossazzurre, due reti a testa per Capitan Tania Di Mario e Valeria Palmieri, una ciascuno per Claudia Marletta e Roberta Grillo.

Delusione a fine partita per il coach dell’Orizzonte Catania, che sofferma l’attenzione sugli errori compiuti dalla sua squadra: “Abbiamo giocato una bruttissima partita – dice Martina Miceli – , dimostrando pure oggi di non essere ancora una squadra da trasferta. Avevamo cominciato bene la gara, poi quando ci siamo trovati davanti alla prima difficoltà siamo andati nel pallone. Abbiamo commesso troppe ingenuità singole, tutte davvero brutte, e quando c’era bisogno di giocare da squadra, con la massima tranquillità, abbiamo perso la testa e sono venuti fuori tutti i nostri difetti. È proprio in questi momenti che si vede quanto siamo ancora lontani dall’essere una squadra di categoria superiore. È facile giocare bene quando fila tutto liscio, ma quando le cose vanno male e si deve trovare il tiro per riaprire la partita o il passaggio decisivo quando la palla 'pesa cinque chili' se non si ha il giusto spirito emergono tutti i difetti e si chiude il cervello. Purtroppo sono cose che avevamo messo in preventivo all’inizio dell’anno, ma speravo di aver fatto dei passi in avanti e invece non è assolutamente così. Abbiamo giocato come a Firenze due giornate fa, crollando alla prima difficoltà e andando nel panico più totale. Dobbiamo continuare a lavorare ed è proprio quello che faremo”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

Rapallo PN: Lavi, Abbate 1, Zerbone, Avegno 1, Sessarego 1, Sgrò , Tankeeva, Criscuolo S. 3, Mori, Criscuolo C., Cotti 2, Ioannou, Risso. All. Antonucci.

Orizzonte Catania: Harache, Greenwood, Distefano, Santapaola, Di Mario 2 rig., Grillo R. 1, Palmieri V. 2, Marletta 1, Aiello G., Riccioli, Lombardo S. All. Miceli.

Arbitri: Collantoni e Romolini.

Superiorità numeriche: Rapallo 4/5, Orizzonte 4/11 + 2 rigori.

Note: uscita per limite di falli nel quarto tempo Ioannou (R). Espulsa per scorrettezze nel quarto tempo Palmieri (O).

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI