Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 11 Agosto 2020

Oltre un migliaio di visitatori a Catania per l’inaugurazione di Art Factory 04

AF 1, sx Arionte, Bianco, Licandro. Alle spalle, olio su tela di Guttuso LA GIUBBA ROSSA (1985)

 

Oltre un migliaio di visitatori, ieri sera alle Ciminiere di Catania, per l’inaugurazione di Art Factory 04, la quarta fiera d’arte moderna e contemporanea organizzata da Daniela Arionte e dall’associazione Dietro Le Quinte Arte Contemporanea in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, diretta da Virgilio Piccari. L’esposizione, con ingresso gratuito, prosegue da fino a domenica (venerdì e sabato ore 11-23, domenica 11-22).

Decine le gallerie giunte da tutte le parti d’Italia per quella che è la più grande vetrina siciliana proiettata sul mondo dell’arte. Spazio ai grandi maestri del passato – come Renato Guttuso: al maestro di Bagheria un allestimento esclusivo con 19 magnifici pezzi fra oli e chine giunti da Roma – o ancora come Trento Longaretti (98enne artista di Mantova che ancora dipinge ispirato dai temi della famiglia e dei profughi) e poi lo straordinario e poliedrico artista Duilio Cambellotti (1876 - 1960) del quale, provenienti dall’omonimo Archivio e Fondo, sono esposte per Art Factory anche due interessanti scenografie per l’Aiace e il Prometeo realizzate nel 1925 per le tragedie al Teatro Greco di Siracusa.

Grande spazio anche ai contemporanei – e fra questi molti i siciliani seguiti da storiche gallerie d’arte del nord Italia – e ai talenti emergenti, cresciuti e forgiati nelle accademie. A tagliare il nastro, con la Arionte, erano il sindaco Enzo Bianco accompagnato dall’assessore alla Bellezza Orazio Licandro. Tra i visitatori, fra cui centinaia di giovani, collezionisti, storici e critici dell’arte, docenti e allievi dell’Accademia di Belle Arti di Catania, anche loro protagonisti di Art Factory in un’ala del Padiglione F1 delle Ciminiere. “La più grande soddisfazione – ha raccontato Daniela Arionte al sindaco Bianco – è stata la convocazione al Photofestival attualmente in corso a Milano di Giulia Fraticelli e Alessandro Romeo, i due giovani vincitori della sezione Young Factory 2013 cui quest’anno abbiamo dedicato uno spazio autonomo per una loro personale e un catalogo realizzato da noi. Una conferma che Art Factory sa essere un vero trampolino di lancio per chi ha davvero talento”.

Accanto ai nomi affermati nel panorama internazionale dell’Arte sono anche gli emergenti con tre mostre coordinate da Daniele Alonge, artista e curatore indipendente. Si tratta di Street View (rassegna video di Street Art contemporanea italiana), Trinacria Contemporary (personale di Gaetano Longo, Angelo Spina e Vlady Art) e Refreshing Art (collettiva di 10 emergenti italiani). Per la sezione Young Factory, accanto all’esposizione dei giovani in concorso quest’anno sono le personali della Fraticelli (Cor Cordis”, viaggio nel tormentato universo femminile) e di Romeo (Sinestesie della Memoria”, testimonianze dal Jüdisches Museum di Berlino). Venerdì 9 (ore 11 e ore 16.30) e sabato 10 (ore 11.30) in programma tre seminari che dell’arte affrontano i temi della comunicazione, tutela, valorizzazione ed economia e vedranno protagonisti autorevoli esponenti del mondo delle accademie, dell’università, delle istituzioni e della stampa. Venerdì 9 (ore 20), concerto di Rock’n Roll e Festa della birra, con birre artigianali prodotte da due giovani birrai e imprenditori di Ramacca. Sabato alle 20, con ingresso gratuito, focus su Catania con lo sguardo di Donatella Finocchiaro, regista del documentario “Andata e ritorno”. Ulteriori informazioni sul sito www.artfactoryfair.it.

AF 9, (Galleria Veniero)


  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI