Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 27 Luglio 2017

Presentato alla Stampa Estera il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli

Un forziere di meraviglie che racconterà 70 anni di arte e una straordinaria carriera, ma "non solo un museo", come sottolinea presentandolo alla sede della Stampa Estera a Roma Gianni Letta, "piuttosto un luogo vivo per la trasmissione dei saperi e dei mestieri", memoria storica di un'epoca e di un'avventura artistica unica e nello stesso tempo scuola di formazione per i giovani. Accanto a lui il ministro della cultura Franceschini applaude. 

Il Centro, fa notare, è "atto dovuto ad uno dei più grandi intellettuali italiani". La sua arte "è di tutti" e il riconoscimento è "dovuto da tutti", ribadisce il ministro ricordando un plauso non sempre unanime in Italia per il regista di Fratello Sole e Sorella Luna. Atteso anche da Giancarlo Giannini, voce narrante in un filmato dedicato a Inferno, il film rimasto un sogno nel cassetto, il grande regista, che non mai ha nascosto l'amarezza per gli ostacoli e le difficoltà che hanno rallentato a lungo la realizzazione del suo sogno, oggi purtroppo non c'è, costretto a casa dagli acciacchi dei suoi ormai 94 anni. 

"Contavamo proprio di averlo tra noi, ma non è stato possibile", spiega Letta ai Giornalisti Italiani e Stranieri , "Speriamo di averlo con noi il 31 a Firenze". Anche Claudio Baglioni, elegantissimo in lino beige, avrebbe voluto abbracciarlo oggi. Zeffirelli lo scelse giovanissimo nel 1972 come voce cantante di Francesco in Fratello Sole, Sorella Luna: "io allora come artista non ero conosciuto se non dai parenti", scherza lui con il pubblico prima di lanciarsi convincere ad un'improvvisata versione live di Dolce Sentire, celeberrima hit di quella colonna sonora. "Il provino si fece a Roma e fu una specie di talent per scegliere il migliore - rivela - io tremavo, Zeffirelli mi abbracciò, mi diede forza, oggi quell'abbraccio avrei voluto restituirglielo io". 

Poi canta alla stampa estera  e commuove, ripreso con il telefonino anche dal ministro in prima fila. Tant'è, ospitato nel Complesso di San Firenze, grande edificio barocco nato come convento di Padri Filippini e poi a lungo sede del Tribunale, il Centro Zeffirelli con i suoi oltre 3.700 metri quadrati e un investimento iniziale complessivo di 3,3 milioni si candida a luogo di incontri e cultura, ideale, spiegazione dalla sua Fondazione, per ospitare mostre, spettacoli, dibattiti, concerti. 

Il comune di Firenze ne ha concesso l'uso con un affitto a tariffa agevolata, la Fondazione Zeffirelli ha finanziato la ristrutturazione dei locali e poi ci sono stati gli aiuti privati, da quello dell'imprenditore russo Mickhail Kusnirovich a quello del finanziere canadese americano Robert Friedland. Alla fine, a disposizione del pubblico dopo l'inaugurazione del 31 luglio l'apertura è fissata al 1 settembre ci saranno un Museo il cui allestimento è stato curato dal figlio Pippo Corsi Zeffirelli con 250 opere esposte solo una parte della sterminata produzione del maestro, il resto verrà esposto a rotazione nonché l'Archivio e la Biblioteca, con stanze per la consultazioni e per la didattica.

Da settembre partiranno le attività del Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, volano internazionale d’iniziative espositive, didattiche e formative per le arti dello spettacolo. Un progetto ambizioso e utopistico, divenuto realtà grazie al mecenatismo della Fondazione Franco Zeffirelli Onlus, al supporto del Comune di Firenze e con l’impegno economico dell’imprenditore russo Mikhail Kusnirovich e della famiglia del finanziere canadese americano Robert Friedland. La cerimonia inaugurale avrà luogo il prossimo 31 Luglio, nella sede del Complesso di San Firenze alla presenza di illustri personalità dello spettacolo, della politica e della finanza. Roma, 6 luglio 2017 - 

Aprirà le porte al pubblico il prossimo primo settembre il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, ospitato nello storico Complesso di San Firenze a Firenze. Si tratta del realizzarsi del sogno del grande Maestro, lungamente vagheggiato nel corso di una straordinaria, trionfale carriera durata quasi 70 anni. L’inaugurazione ufficiale di questo luogo che non ha eguali al mondo per il ruolo espositivo, formativo, documentario, avrà luogo lunedì 31 luglio, alla presenza di esponenti dei mondi che Zeffirelli ha incrociato nella sua lunga vita: teatro, cinema, opera lirica e musica; ma anche politica e cultura. 

L’ubicazione del Centro - in origine convento dei Padri Filippini e, più recentemente, sede del Tribunale a pochi passi da Palazzo Vecchio - lo candida a luogo d’elezione ideale per accogliere annualmente un ampio calendario di spettacoli, mostre, concerti e incontri, in un continuum con la tradizione storico-artistica della città. Una tradizione che, fra l’altro, nel Rinascimento, ha dato origine al melodramma, riportando in auge l’antica drammaturgia greca, di cui fra il XX e il XXI secolo Franco Zeffirelli è uno dei massimi interpreti e innovatori. 

Promosso e fortemente voluto dal Maestro in prima persona, il Centro Internazionale, attraverso il suo Archivio, la Biblioteca e il Museo, raccoglie e mette a disposizione della sua città e del mondo l’intero patrimonio artistico e culturale di una carriera lunga quasi settant’anni. L’attività espositiva, didattica, formativa, di ricerca concertistica e cinematografica si estenderanno su due piani, contando su una superficie di circa 3.700 metri quadrati. Il Museo, ubicato al primo piano dell’edificio, ospiterà oltre 250 opere di Zeffirelli tra bozzetti di scena, disegni e figurini di costumi che il Maestro ha realizzato e collezionato sin dai propri esordi. 

Il percorso espositivo vero e proprio – suddiviso cronologicamente nella successione delle sue sale in ‘Teatro di prosa’, ‘Opera in musica’ e ‘Cinema’ – illustra per temi gli sviluppi degli allestimenti teatrali e delle produzioni cinematografiche, integrandosi alle foto di scena e a una documentazione che si sofferma su singoli aspetti, dai palcoscenici più importanti, agli autori prediletti del Teatro e dell’Opera in musica. Alla Mostra permanente si affiancheranno periodicamente esposizioni temporanee che, realizzate in collaborazione con altre istituzioni, fondazioni pubbliche e/o private a cadenza semestrale, metteranno in luce l’apporto delle più autorevoli personalità artistiche alle messinscene e produzioni cinematografiche di Franco Zeffirelli, dagli scenografi e costumisti quali: Renzo Mongiardino, Lila de Nobili, Danilo Donati, Piero Tosi, ad altre figure della storia dello spettacolo italiano dal Rinascimento a oggi. Le esposizioni saranno presentate e accompagnate da conferenze tenute da esperti e cultori della materia e da altri autorevoli relatori, che illustreranno il lavoro svolto, e – con l’assenso del distributore – dalla proiezione di alcuni film nella Sala Musica. 

“Tutte le carte, gli appunti e i bozzetti che riguardano il mio lavoro fanno parte del mio archivio che ho scelto di destinare a Firenze – ha affermato Franco Zeffirelli, presente alla conferenza stampa - creando una Fondazione perché la mia città, depositaria di valori artistici e culturali impagabili e ineguagliati possa disporre di un patrimonio delle arti dello spettacolo. Una testimonianza rivolta soprattutto alle nuove generazioni, non come mia esaltazione ma come summa di una metodologia di lavoro, dalla prima idea alle fasi di sviluppo sino all’andata in scena, offrendo loro l’indicazione di regole imprescindibili – fuori dalle mode – per conseguire l’autenticità di uno spettacolo che si rispetti. Cerco così di saldare un debito di riconoscenza con il dovere primario, conquistato nella vita con il mio lavoro, di considerare Firenze una macchina di civiltà, di cultura, di tradizione e di conoscenza che Dio ha regalato al mondo. 

Questo riconoscimento non è solo dettato dalla documentazione di tutta l’attività che ho svolto e che sono orgoglioso di consegnare ai miei concittadini, ma è un atto che mi auspico possa contribuire a mantenere vivo l’impegno di custodire i nostri tesori e le nostre anime, seguendo attraverso secoli di progressi, di scoperte e di conquiste, la linea forte e semplice indicata dai fiorentini di un tempo dei quali dobbiamo sentirci eredi e prosecutori.” L’Amministrazione comunale fiorentina, accogliendo in un immobile di sua proprietà, ubicato nel cuore della città, nel Complesso di San Firenze l’intera testimonianza dell’operato memorabile di Franco Zeffirelli, renderà così omaggio a un concittadino che ha portato alto il nome della sua Patria nel mondo. 

L’inaugurazione ufficiale avverrà il prossimo 31 luglio all’interno del Complesso di San Firenze, alla presenza delle autorità nazionali e locali e di importanti personaggi del mondo dello spettacolo, amici e collaboratori del Maestro. Un elenco particolareggiato sarà divulgato nell’imminenza dell’evento. Durante il vernissage del 31 luglio si terrà la performance del Coro “Voices of Haiti”, un progetto fortemente voluto dalla Fondazione Andrea Bocelli, volto alla valorizzazione del talento come ulteriore espressione del proprio potenziale. Il coro, formato da 60 talentuosi bambini haitiani provenienti dalle baraccopoli di Port au Prince, insieme al Maestro Andrea Bocelli, si esibirà in un repertorio vario e internazionale; altre sorprese sono allo studio per rendere omaggio ad un gigante della cultura e dello spettacolo. 

Il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo si pone quale promotore d’iniziative espositive e didattiche, sia per la divulgazione della cultura legata all’arte dello spettacolo, sia per la formazione di studenti nell’ambito delle discipline del Teatro di prosa, dell’Opera in musica e del Cinema, nella scia della tradizione rinascimentale delle arti e dei mestieri di cui Firenze è culla nei secoli. Per realizzare tali multiformi attività, il Centro dispone di una sala destinata a concerti e proiezioni cinematografiche, di aule per lo svolgimento dei corsi di perfezionamento e di laboratori. Il progetto è nato e si è concretizzato grazie alla Fondazione Franco Zeffirelli Onlus, che ha messo a disposizione l’Archivio, la Biblioteca e tutte le opere che documentano la lunga attività nel mondo dello spettacolo del Maestro e ha sostenuto le spese dei lavori di ristrutturazione degli ambienti a essa destinati. L’investimento iniziale complessivo ammonta a 3,3 milioni di Euro. 

Il Comune di Firenze, proprietario dell’immobile, in virtù delle attività culturali che vi si svolgono, ha deliberato la concessione di un canone d’affitto agevolato. Inoltre hanno partecipato all’iniziativa con il loro generoso contribuito l’imprenditore russo Mikhail Kusnirovich, che ha sostenuto il progetto anche attraverso i suoi brand, i Magazzini Gum in Piazza Rossa a Mosca e Bosco dei Ciliegi; la famiglia del finanziere canadese-americano Robert Friedland e gli sponsor tecnici Targetti S.p.A. e Illum S.r.l. . 

Di estremo interesse è anche la partnership fra la Fondazione Franco Zeffirelli onlus e l’OSCE - l’Organizzazione per la Cooperazione e la Sicurezza in Europa - la più grande organizzazione di sicurezza intergovernativa del mondo, che si occupa di stabilità, ambiente, diritti umani, pace e democrazia di circa un miliardo di persone attraverso il dialogo politico. Per la prima volta in assoluto, attori professionisti, in rappresentanza della Fondazione, hanno partecipato alla simulazione di un’attivitá contro il traffico di esseri umani che ha avuto luogo a Vicenza, presso il CoESPU, dal 5/9 giugno 2017. Essi hanno interpretato il ruolo di trafficanti o di vittime per innescare una reazione efficace e coordinata da parte degli stakeholders. Quando la recitazione si mette al servizio della tutela dei diritti umani.

Il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, promosso dallo stesso Maestro, raccoglie e mette a disposizione della sua città e del mondo l’intero patrimonio artistico e culturale di una carriera lunga quasi settant’anni. Un patrimonio straordinario, che è costituito dal fondo – dichiarato “di particolare interesse storico” da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – nel quale sono confluiti tutti i documenti, dai bozzetti agli studi per gli allestimenti teatrali e cinematografici, dalle note di regia alle sceneggiature, dalle foto di scena a un cospicuo carteggio e alle rassegne stampa, a testimonianza della sua attività nel mondo dello spettacolo internazionale, dal dopoguerra a oggi

Rosa Maria Di Giorgi, Vicepresidente del Senato : “Sono felice che il progetto del Maestro si realizzi finalmente. Ho seguito con cura tutto il percorso che è iniziato alcuni anni fa con più amministrazioni comunali fiorentine. Ora il Sindaco Nardella ha preso la decisione finale in merito alla sede e cosi può realizzarsi il sogno di Zeffirelli e l’auspicio di un’intera città che rende il dovuto omaggio a uno dei suoi figli che tanti onori raccolto in tutto il mondo. Con affetto tanti auguri Franco.” 

Dario Nardella, Sindaco di Firenze: “Siamo entusiasti ed onorati di inaugurare il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo che raccoglierà la grande eredità professionale del maestro Franco Zeffirelli, un centro dedicato all’immane mole di materiale raccolto nei decenni di successi nel cinema, scenografia, teatro, lirica e che accoglierà un museo, una biblioteca, corsi di regia, sceneggiatura, scenografia, fotografia, costume, recitazione. Da oggi l’ex tribunale di San Firenze non sarà più un bellissimo contenitore vuoto nel centro di Firenze ma diventerà un punto di riferimento per tutti quei giovani che vogliono intraprendere la strada dello spettacolo e sarà un vero e proprio gioiello culturale nel cuore della città.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI