Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2019

Fondazione D'Ettoris: in …

Mag 23, 2019 Hits:128 Crotone

il nuovo romanzo di Mario…

Mag 23, 2019 Hits:139 Crotone

Alleanza Cattolica: …

Mag 23, 2019 Hits:130 Crotone

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:206 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:501 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:509 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:683 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:640 Crotone

Venezuela, terreno di scontro tra Usa e Russia

Russia e Stati Uniti affilano le armi per il Venezuela. Ieri, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha mandato un messaggio molto chiaro nei confronti del governo di Nicolas Maduro. Su Twitter, il presidente degli Stati Uniti ha detto che la sua amministrazione segue “da vicino” la “terribile” situazione nel Paese sudamericano e ha detto che gli Usa “stanno facendo tutto il possibile” per aiutare la popolazione, mantenendo “aperte molte opzioni”. Il presidente ha evidenziato poi che il suo governo ha “molte opzioni aperte”. Secondo "occhi della guerra", questo elemento delle opzioni aperte è stato poi approfondito durante un’intervista a Fox in cui il presidente americano ha dichiarato: “Noi stiamo facendo tutto quello che possiamo, salvo, sapete, l’azione massima”. E il riferimento è stato, ovviamente, a un’opzione militare. “Ci sono molte persone che vorrebbero che lo facessimo”, ha aggiunto il capo della Casa Bianca, dicendo che fra le opzioni possibili ci sono alcune che “non voglio neanche nominarle perché sono molto severe”.

Le parole di Trump entrano come un martello in una crisi che ormai sembra arrivata a una svolta. E che rischia di deflagrare in un altro scontro internazionale. L’ennesimo di un mondo che vede ormai come una costante le tensioni fra i poli del pianeta, con Russia, Stati Uniti e Cina che guidano “dalla regia” una serie di conflitto a bassa o media intensità in diversi parti del globo. L’America Latina non da eccezione e Caracas è un altro di questi laboratori di Guerra fredda del XXI secolo, con Maduro da un alto e Juan Guaidò sostenuto apertamente da Washington.

La sfida fra Russia e Usa secondo "occhi della guerra", è ormai evidente. Ieri, in una telefonata bollente fra Mike Pompeo e Sergei Lavrov, il ministro degli Esteri russo ha accusato Washington di ingerenze nella politica venezuelana, denunciando “l’influenza distruttiva” degli Stati Uniti sul Venezuela. Per il ministro russo, “l’ingerenza di Washington negli affari del Venezuela è una flagrante violazione del diritto internazionale” e “questa influenza distruttrice non ha nulla a che vedere con la democrazia” ribadendo che il futuro del Venezuela lo deciderà solo “il popolo venezuelano”.Accuse dirette e moto precise cui ha risposto Pompeo, che, come lo stesso Lavrov, non ha usato mezzi termini.

Intanto a casa nostra durante l'incontro alla Casina Pio IV in Vaticano, papa Francesco ha attaccato frontalmente quegli Stati che "attuano le loro relazioni in uno spirito più di contrapposizione che di cooperazione". Anche in questo caso quello che il Pontefice ha in mente è proprio la gestione degli sbarchi e degli arrivi. Secondo Bergoglio, le frontiere degli Stati "non sempre coincidono con demarcazioni di popolazioni omogenee" e "molte tensioni provengono da un'eccessiva rivendicazione di sovranità da parte degli Stati, spesso proprio in ambiti dove essi non sono più in grado di agire efficacemente per tutelare il bene comune". Da qui la sua "preoccupazione" per il riemergere, "un po' dovunque nel mondo", di "correnti aggressive verso gli stranieri, specie gli immigrati, come pure quel crescente nazionalismo che tralascia il bene comune". Il rischio, a detta di Bergoglio, è "compromettere forme già consolidate di cooperazione internazionale".

In vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio, il Santo Padre auspica che il Vecchio Continente non perda "la consapevolezza dei benefici apportati da questo cammino di avvicinamento e concordia tra i popoli intrapreso nel secondo dopoguerra". "Lo Stato nazionale non può essere considerato come un assoluto, come un'isola rispetto al contesto circostante", ha sottolineato il Pontefice. "Nell'attuale situazione di globalizzazione non solo dell'economia ma anche degli scambi tecnologici e culturali, lo Stato nazionale - ha continuato - non è più in grado di procurare da solo il bene comune alle sue popolazioni. Il bene comune è diventato mondiale e le nazioni devono associarsi per il proprio beneficio. Quando un bene comune sopranazionale è chiaramente identificato, occorre un'apposita autorità legalmente e concordemente costituita capace di agevolare la sua attuazione". E le sfide che vorrebbe mettere sul campo spaziano dal cambiamento climatico alle "nuove schiavitù". "Un visione cooperativa fra le Nazioni - ha infine concluso - può muovere la storia rilanciando il multilateralismo, opposto sia alle nuove spinte nazionalistiche, sia a una politica egemonica".

Secondo il Giornale Papa Francesco è tornato a ribadire il proprio no al "nazionalismo conflittuale" che "alza muri". Durante l'udienza ai partecipanti l'Assemblea Plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, che si terrà fino a domani alla Casina Pio IV in Vaticano, ha duramente bacchettato quei partiti e movimenti che si fanno portavoce di istanze sovraniste e ha chiesto maggiore accoglienza per gli immigrati che partono alla volta dell'Occidente. "Uno Stato che suscitasse i sentimenti nazionalistici del proprio popolo contro altre nazioni o gruppi di persone verrebbe meno alla propria missione - ha tuonato - sappiamo dalla storia dove conducono simili deviazioni. Penso all'Europa del secolo scorso".

Il tema dell'assemblea plenaria è "Nation, State, Nation-State" e papa Francesco ha ancora messo al centro l'emergenza immigrazione criticando apertamente la posizione dei partiti di destra che, una volta al governo, hanno deciso di chiudere i confini agli ingressi illegali. Per il Santo Padre è "compito dell'autorità pubblica proteggere i migranti e regolare con la virtù della prudenza i flussi migratori, come pure promuovere l'accoglienza in modo che le popolazioni locali siano formate e incoraggiate a partecipare consapevolmente al processo integrativo dei migranti che vengono accolti". "Il modo in cui una nazione accoglie i migranti rivela la sua visione della dignità umana e del suo rapporto con l'umanità. Ogni persona umana è membro dell'umanità e ha la stessa dignità. Quando una persona o una famiglia è costretta a lasciare la propria terra va accolta con umanità", ha spiegato nell'udienza alla plenaria ribadendo che gli obblighi verso i migranti vengono declinati su quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. "Il migrante - ha, quindi, aggiunto - non è una minaccia alla cultura, ai costumi e ai valori della nazione che accoglie. Anche lui ha un dovere, quello di integrarsi nella nazione che lo riceve".

Intanto Luigi Di Maio presenta, a Roma, il programma del M5S in vista delle europee del 26 maggio, Matteo Salvini vola a Budapest per incontrare il primo ministro ungherese, Viktor Orban. "Vado in Ungheria per costruire una nuova Europa", annuncia il leader della Lega che incontrerà anche il ministro dell'Interno, Sandor Pinter.

Un Partito popolare europeo che distolga lo sguardo da sinistra, stracciando l'alleanza degli ultimi anni con i socialisti e che si rivolga invece verso destra, verso il nuovo gruppo sovranista a cui sta lavorando Salvini. A quella che sembra una missione impossibile, visti gli orientamenti attuali a Strasburgo e Bruxelles della dirigenza del Ppe, mirano il leader del Carroccio e un peso "massimo" dei futuri equilibri europei come Orban, recentemente sospeso dal Ppe proprio per le sue posizioni estremiste. Oggi Salvini è appunto in visita istituzionale a Budapest e, in qualità di ministro dell'Interno, avrà un bilaterale con l'omologo Pinter. Ma non è un mistero che il vero motivo del viaggio è mettere sul tavolo del leader di Fidesz le future alleanze in vista del voto del 26 maggio.

Ieri, come riferisce il giornale nel corso di un comizio elettorale a Tivoli, Salvini ha spiegato che la visita da Orban servirà "a costruire un'Europa diversa che protegga i confini e la nostra cultura". "Dipende dagli elettori, dipende da come voteranno i cittadini italiani - ha continuato il vice premier - se scelgono la Lega, quello che stiamo facendo in Italia lo faremo in Europa ovviamente alleandoci con tutti tranne che con la sinistra". L'ultimo incontro ufficiale tra i con il premier ungherese risale allo scorso agosto, a Milano, nella sede della prefettura. "Salvini ha un ruolo politico importante, noi abbiamo interesse a consolidare con lui un buon rapporto - ha spiegato ieri Orban in una intervista alla Stampa - la gente qui lo vede come un compagno della stessa sorte, subiamo entrambi attacchi, ma lui è l'eroe che ha fermato per primo le migrazioni dal mare, noi sulla terra".

 

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI