Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 28 Settembre 2021

Via libera dell'Ecofin al Piano di resilienza dell'Italia

Via libera dell'Ecofin al Piano di resilienza dell'Italia e di altri Paesi, con i primi fondi del Recovery che saranno disponibili già a fine mese.Oltre a quello dell'Italia l'ok è arrivato per quelli di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

Gli Stati membri potranno ora stipulare convenzioni di sovvenzione e accordi di prestito che consentiranno un prefinanziamento fino al 13% dell'importo totale". Per l'Italia si parla di una cifra di 25 miliardi in arrivo già tra luglio e agosto.

Il presidente di turno dell'Ecofin, il ministro sloveno Andrej Šircelj, ha parlato di decisioni che "rappresentano un importante passo avanti nella ripresa economica europea", poiché "consentiranno agli Stati membri di utilizzare i fondi non solo per uscire dalla crisi Covid-19, ma anche per creare un'Europa resiliente, più verde e più digitale, innovativa e competitiva per le prossime generazioni dell'Ue". Per il commissario Paolo Gentiloni, sarà decisiva l'attuazione dei piani nazionali: "Siamo tutti impegnati a farlo funzionare, ma quello che succederà nei prossimi, mesi, anni è la parte decisiva di questo programma straordinario e senza precedenti".

Le previsioni economiche della Ue sull'Italia "ci hanno smentito in meglio", ma comunque si tratta "di un rimbalzo rispetto ai 9 punti persi l'anno scorso, quindi dobbiamo tenerne conto, ce ne restano altri 4 da recuperare. Nel terzo trimestre dell'anno prossimo torneremo ai livelli di crescita pre-crisi": lo ha detto il ministro dell'economia Daniele Franco al termine dell'Ecofin. "Ci aspettiamo il versamento nelle prossime settimane, luglio o prima parte di agosto", e verrà fatto "in un'unica soluzione. Ci aspettiamo 25 miliardi tra qualche settimana", ha aggiunto.

La vittoria della nazionale di calcio agli europei, dei Maneskin all'Eurovision e il secondo posto di Berrettini a Wilbledon "sono segni di dinamismo e creatività del Paese che dovrebbero estendersi alla sfera economica": lo ha detto il ministro dell'economia Daniele Franco. "Per un Paese come il nostro che ha avuto per anni un problema di dinamismo e difficoltà di innovazione, creatività, e carenza di fiducia, queste notizie che non hanno a che fare strettamente con l'economia possono dare fiducia nel Paese e del Paese", ha aggiunto.

Cosi i ministri dell'economia e delle finanze dei 27 Stati membri hanno dato intanto il via libera ai Pnrr di dodici Paesi. Oltre a quello dell'Italia l'ok è arrivato per quelli di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna. "Tutti i 12 Stati membri hanno chiesto un pre finanziamento dai fondi loro assegnati. Le decisioni adottate oggi dal Consiglio costituiscono l'ultima tappa prima che gli Stati possano concludere convenzioni di sovvenzione e accordi di prestito con la Commissione e iniziare a ricevere fondi per attuare i rispettivi piani nazionali", scrivono i ministri nel comunicato finale.

Per il presidente di turno dell'Ecofin, il ministro sloveno Andrej Šircelj, le decisioni di oggi "rappresentano un importante passo avanti nella ripresa economica europea", poiché "consentiranno agli Stati membri di utilizzare i fondi non solo per uscire dalla crisi Covid-19, ma anche per creare un'Europa resiliente, più verde e più digitale, innovativa e competitiva per le prossime generazioni dell'Ue".

"E' un giorno importante, abbiamo 12 Pnrr che devono essere approvati ed è la vera partenza del Recovery plan e del Next generation EU. Nelle prossime settimane il pre-finanziamento arriverà a questi 12 e credo sia importante che l'approvazione finale arriva esattamente quando la ripresa è in corso, perché rafforzerà la fiducia nei mercati, nei Paesi e consentirà a investimenti e riforme di cominciare": lo ha detto il commissario all'economia Paolo Gentiloni entrando all'Ecofin. "Siamo tutti impegnati a farlo funzionare, ma quello che succederà nei prossimi, mesi, anni è la parte decisiva di questo programma straordinario e senza precedenti", ha aggiunto.

Fonti agi e ansa

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI