Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 10 Aprile 2021

Arte: inaugurata alle Quam di Scicli la mostra “Federico Severino_Close to the edge”

Sabato sera si è inaugurata la mostra “Federico Severino_Close to the edge” alle Quam di Scicli, in una galleria gremita di amici, curatori, collezionisti e artisti di tutta Italia. Un’atmosfera vivace, quasi di festa, già dalla mattina, in cui l’autore e il curatore Gabriele Salvaterra, hanno parlato per ore con i tanti visitatori, con i collezionisti guidandoli nella scelta delle opere da inserire nelle loro collezioni e con altri artisti. La tipica atmosfera che contraddistingue le Quam di Scicli in cui si va per respirare una vera vivacità culturale, in cui le persone sono felici e si innamorano dell’arte.

Ma il lavoro del curatore e della galleria che sta dietro a tutto questo, è proprio trovare autori eccellenti che, dopo un periodo di collaborazione, possono essere ‘scoperti’ e considerati un buon investimento dal grande pubblico.

Così scopriamo Federico Severino, un eccellente pittore, così come traspare dalle opere, che hanno stupito e meravigliato per la maturità, l’eleganza e l’innovazione, emozioni inattese nei lavori di un autore di appena 27 anni! Un autore catanese, seguito e sostenuto dai maestri Puglisi e Zuccaro, che ne sono stati il tramite per la stessa galleria, che utilizza prevalentemente il pastello a olio su tela, ma che annota i colori e le materie con il pastello sulle fotografie.

La tecnica di questo autore traduce intimamente e intensamente la sensazione dei suoi itinerari di montagna, e restituisce in modo diretto la geografia dell’orizzonte, in cui il cammino modifica l’orizzonte e con esso il punto di vista dello stesso paesaggio, passo dopo passo.

Così scrive il curatore Salvaterra (Mart Rovereto) nella presentazione in catalogo: “L’orizzonte non può essere raggiunto ma ciò che contiene invita a essere percorso, determinando un continuo spostamento e ri-orientamento degli stessi limiti visuali che impone”. Da qui la scelta del titolo “Close to the edge”, in cui ‘orizzonte’ è fine e inizio insieme, di un altro orizzonte, di un nuovo cammino o semplicemente della continua ricerca pittorica. È l’Etna il soggetto principale del suo lavoro e, prima ancora, dei suoi ‘viaggi’, in cui il fumo diventa pasta bianca e la lava trama di colori, prima fissato dallo scatto fotografico, e poi annotato con il pastello direttamente sulla foto, come si vede dalle diverse opere su base fotografica. Una mostra da non perdere, ad ingresso gratuito, fino al 19 novembre.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI