Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 24 Novembre 2020

Ue alla Grecia: insoddisfatti del livello dei progressi raggiunto, Borse in calo

La Grecia avrebbe approcciato informalmente il Fondo monetario internazionale a Washington chiedendo di dilazionare i pagamenti dovuti a maggio, ma si sarebbe vista chiudere la porta in faccia. Lo scrive il Financial Times, secondo cui il Fmi avrebbe suggerito ad Atene di non fare alcuna richiesta specifica per una dilazione nei pagamenti, pari a quasi un miliardo di euro in due tranche il prossimo mese.

Se Angela Merkel, secondo le solite indiscrezioni che non trovano conferme ufficiali,avrebbe preparato un piano per tenere Atene ancorata all'euro anche in caso di default sul debito, il suo ministro Wolfgang Schaeuble non perde occasione per agitare le acque.

Il titolare delle Finanze di Berlino ha fatto sapere al governo di Tsipras, da New York, che è ora di smetterla di alimentare false speranze e di impegnarsi piuttosto nelle riforme. Ma anche che al prossimo incontro dei ministri delle Finanze, il 24 aprile, non ci sarà ancora un accordo.

Ormai molti analisti lo davano per certo, ma Schaeuble è il primo a uscire allo scoperto con questo pensiero netto: l'effetto è far ripartire il ticchettio dell'orologio per Atene.

Le lancette indicano il probabile default e cerchiato di rosso c'è il 12 maggio: entro quel giorno Tsipras dovrà rimborsare il Fmi con 747 milioni e probabilmente l'incontro della vigilia, un Euro gruppo dell' 11 maggio, potrebbe essere l'ultima occasione buona per non fallire.

Che la situazione finanziaria sia tesa è testimoniato anche dal tentativo dei funzionari ellenici, riportato dal Ft, di chiedere al Fondo un dilazionamento dei rimborsi. Richiesta che sarebbe stata rispedita al mittente dall'organismo di Washington. Come non bastasse, dalla Ue il portavoce del presidente Jean-Claude Juncker fa sapere che "il lavoro prosegue ma non siamo soddisfatti del livello di progressi raggiunto finora: deve intensificarsi".

Su questo stallo si muove la Bce, con il governatore Mario Draghi che ha tranquillizzato i mercati sull'efficacia e la durata del Quantitative easing: il governatore ha scartato  l'ipotesi di uno stop anticipato al programma, rilanciata da qualcuno, o di difficoltà a reperire titoli acquistabili sul mercato.

Il lavoro prosegue ma non siamo soddisfatti del livello di progressi raggiunto finora": lo ha detto il portavoce del presidente Jean Claude Juncker, aggiungendo che "il lavoro deve intensificarsi".
In vista dell'Eurogruppo di Riga del 24 aprile i negoziati devono essere più intensi per cercare di fare passi avanti veri, ha spiegato il portavoce. I contatti "sono in corso" a tutti i livelli, ma il Brussels Group non si riunirà fisicamente. Si tratta di "un processo interattivo, come risultato dobbiamo raggiungere uno 'staff level agreement' (accordo tecnico, ndr) che consenta di convocare una riunione dell'Euro Working Group" che poi potrebbe passare la palla ai ministri per lo sblocco degli aiuti, ha precisato. La trattativa, a partire da oggi, potrebbe anche avere qualche progresso ai 'piani alti' visto che "ora i massimi livelli politici sono tutti a Washington e speriamo ancora che queste interazioni a tutti i livelli produrranno i progressi che vorremmo vedere".Intanto :

Il rendimento pagato dai titoli di Stato triennali greci vola (+158 punti base) al 26,18%, massimo dal 2012, mentre il decennale sale di 30 punti base al 12,40%, massimo dall'aprile 2013, in un mercato in allerta sull'ipotesi 'Grexit'. Lo spread decennale è a 1.225 punti base.

L'euro torna sopra quota 1,07 verso il dollaro: la moneta unica scambia a 1,0719 rispetto al dollaro. Si allarga invece lo spread Btp-Bund: il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi si attesta a 128 punti base, con il rendimento del decennale italiano all'1,36%.

La prima fase del collocamento del Btp Italia, chiusa ieri per la clientela retail, ha raccolto ordini per un controvalore complessivo di quasi 5,4 miliardi. Nella seconda fase, quella per gli istituzionali,si sono aggiunti altri 4 miliardi di raccolta ...

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI