Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:226 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:203 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:423 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:555 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:968 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1059 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2399 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2652 Crotone

La vendetta di Oreste

La tragedia degli italiani profughi dalle terre giuliano dalmate nel primo dopoguerra è stata per troppi anni tenuta nascosta e viva solo nel ricordo dignitoso di chi aveva vissuto quegli anni. Caratteri schivi, riservati, non hanno mai fatto manifestazioni o proclami e c’è voluta la caduta del Muro di Berlino per far cadere anche questo nostro “muro” della memoria. È del 2004 la legge che stabilisce che il 10 febbraio è il “Giorno del ricordo delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale” e, quindi, la lettura di un giallo che parla di quelle storie incuriosisce. La vendetta di Oreste, appena pubblicato da Fazi editore, in maniera molto delicata, inserisce, in un racconto giallo, le vicende che hanno caratterizzato gli anni delle persecuzioni degli italiani fino all’esodo e anche oltre. Autore del giallo il professor Giovanni Ricciardi che insegna greco e latino in un liceo di Roma e che ha inventato la figura del commissario Ottavio Ponzetti, un Maigret all’italiana che con grande umanità risolve intrigate vicende. Sono già otto le storie che il commissario riesce a risolvere, per lo più ambientate a Roma e quest’ultima si tinge di venature storiche e ambientazioni nelle terre istriane. Il giallo si interseca con la storia di quegli orribili anni: il 1943, l’ingresso delle truppe titine a Trieste nel 1945, le foibe, le divisioni tra zona A e zona B, la consegna di Pola alla Jugoslavia (1947) con l’inizio dell’esodo massiccio, le storie degli operai comunisti di Monfalcone, la vicenda di Maria Pasquinelli fino a parlare dell’isola Calva, Goli Otok, il Gulag di Tito e delle sue atrocità.  Un modo veramente originale per far rivivere vicende dimenticate attraverso una trama avvincente. Sicuramente quanti hanno a cuore la storia e specialmente le storie dei vinti, anche se non amano il genere, apprezzeranno questo originale “giallo storico”.

Giovanni Ricciardi

La vendetta di Oreste

Fazi Editore, 2019

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI