Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 13 Novembre 2018

Intervista a Haris Koudounas dell'Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale

Il direttore dell’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale Haris Koudounas, ospite del giornalista della stampa estera Giorgio Lambrinopulos, intervistato in esclusiva per il Corriere del Sud. L’intervista è dedicata alla prima presentazione dell’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale in Italia avvenuta sabato 10 maggio ore 10,00 presso il Museo Omero di Ancona.

Cosa è l’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale?

E’ una fondazione scientifica costituita ad Atene nel mese di Marzo 2017. Non governativa e senza fini di lucro, dove i suoi membri sono persone di grande levatura scientifica ed accademica, ispirati da una visione comune, che vogliono valorizzare il carattere culturale della Grecia con il sostegno e la collaborazione di personalità riconosciute nel campo delle scienze, lettere arti diplomazia. Con tante sedi nel territorio ellenico e altre tante all’estero ambisce di costruire il ponte del glorioso passato della Grecia culla della Civiltà, della filosofia e della democrazia con il presente, creando ogni giorno nuove possibilità di dialogo con le nuove generazioni. Non escludendo la prima e concentrandosi sulla seconda cerca di trovare attraverso i tantissimi settori della diplomazia culturale l’armonia e la sintesi di entrambe due epoche, l’antica e questa nostra attuale.

Come sarà svolta Cosa la giornata del 27 maggio presso il Museo Omero?

Nella prima parte dell’evento io come direttore dell’istituto per l’Italia ed il fondatore e presidente dell’istituto dr. Petros Kapsaskis che verrà da Londra – il 20 maggio è stata inaugurata la sede in Gran Bretagna dell’Istituto- presenteremo il nostro istituto.

Nella seconda parte avremo modo di captare i messaggi della diplomazia culturale. Avremo tre interventi con il titolo generale “Un viaggio nella diplomazia culturale”, e si affronterà il tema della Diplomazia dei Musei, della Diplomazia Economica e della Diplomazia del Mare.

Interverranno: Il Prof. Aldo Grassini, Presidente Museo Tattile Statale Omero; Il Dott. Gianfranco Iacobone, Vicepresidente dell’Accademia Marchigiana; Il Dott. Carlo Giacomini, Vicedirettore Archivio di Stato di Ancona. In questa occasione verrà presentata per la prima volta al pubblico, la riproduzione del più antico documento conservato presso l’Archivio di Stato di Ancona, vale a dire la Crisobolla, un privilegio rogato a Costantinopoli per la Communitas di Ancona che Andronico II Paleologo, Imperatore Bizantino, concesse alla città nel 1308. Al termine l’Orchestra giovanile Marche Sotto la direzione del Maestro Stefano Campolucci, l'orchestra si è esibita, oltre che nei maggiori centri della Regione, anche a Gerusalemme, Betlemme, Sarajevo, Mostar, Assisi, Varese, Lugano, Venezia, Rijeka, Zagabria, accompagnerà i partecipanti su musiche del ‘700. Giovani musicisti iscritti nelle migliori scuole marchigiane ed in Conservatorio, nonché di musicisti diplomati e concertisti

L'Orchestra Giovanile delle Marche nasce nel 2012. In programma musiche di Leclair, Rameau, Mozart, Hendel, Vivaldi.

Qual’ è stata la necessità di fondare ad Atene l’istituto Ellenico della Diplomazia Culturale?

Tutto parte dall’esigenza di valorizzare e diffondere la Cultura Ellenico nel mondo e nello stesso tempo di conoscere la Diplomazia Culturale come un mezzo potente per l’unione fra i popoli.

Ma prima ancora esiste una questione d’identità. Definire oggi la nuova identità Ellenica è priorità del nostro Istituto.

Rappresento l’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale in Italia perché credo con vivacità che una nuova identità Ellenica può diventare un canale di comunicazione universale! Non dimentichiamo che la cultura greca è stata da sempre un prodotto che è stato esportato in tutto il mondo.

Ma come questa nuova identità greca può diventare un canale di comunicazione universale?

La risposta penso che si trova in un’altra domanda! Come oggi il cittadino greco può creare e produrre cultura nella sua vita quotidiana!

Siamo certamente convinti che questo modello che proponiamo è valido per tutti e potrà essere realizzato con tre parole chiavi:

Educazione ed Etica (dove all’interno della nostra etica ci sono i nostri Valori, i nostri Principi). Due parole che non valgono solo per i cittadini greci ma anche per i cittadini di mondo intorno a noi, per gli Italiani, e visto che Italia e Grecia sono portatori di messaggi linguistici, culturali ed umanistici da migliaia di anni è sottinteso che devono collaborare utilizzando le chiavi dell’educazione e della cultura per risolvere le grandi problematiche che caratterizzano oggi l’Uomo. Queste poi due parole chiavi ci inducono ad una terza parola: Il dovere.

Assumere la responsabilità del presente nella nostra società guardando però il nostro futuro, le nuove generazioni.

Ed ecco che siamo difronte a dover intrepretare la nostra vita quotidiana tramite una innovazione presente nel nostro Istituto. Introdurre quindi nuove tipologie di diplomazia nei vari settori è un passo nuovo per poter andare oltre i soliti meccanismi della quotidianità sia nella vita politica di un paese sia a quella di politica estera quando le relazioni tra diversi paesi si bloccano e rimangono per tanto tempo ferme senza passi di crescita. Le nuove tipologie sono: La Diplomazia dei Musei, del Mare, del Teatro, della Musica, della Salute, la Diplomazia Economica, della Gastronomia etc.

Come vuole affrontare l’istituto della Diplomazia Culturale il tema delle nuove generazioni?

Per noi il tema dei giovani è molto importante. Negli ultimi cinque anni in Grecia più di 220.000 giovani ben istruiti sono fuggiti all’estero non potendo trovare una occupazione in Grecia, ma questo è anche un fenomeno che incontriamo ultimamente anche in Italia.

Negli ultimi tempi appunto sia i greci che gli italiani si sono spinti facilmente all’estero per conoscere nuove strade o per trovare altre vie personali di carriera o spirituali. Purtroppo, negli ultimi anni specialmente in Grecia, le necessità di sopravvivenza e le condizioni economiche svantaggiose non danno ora la possibilità, come prima, di poter andare in un altro paese e rimangono quindi in Grecia, in un paese che mancano purtroppo le basi e le infrastrutture per poter trovare un lavoro equivalente dello studio eseguito.

Comitati qualificati del nostro istituto sia in Grecia che all’estero stanno studiando il fenomeno eseguendo approfondite analisi sociologiche, geopolitiche ed antropologiche per poter offrire alle problematiche della nostra società nuove opportunità ai giovani e contribuire consegnando una importante chiave di lettura attraverso la diffusione di ogni aspetto della diplomazia culturale. Devo dire che la diplomazia culturale non è conosciuta né in Grecia né in Italia. Ultimamente in Italia ma soprattutto in Grecia grazie al nostro Istituto sta facendo i primi passi ma è davvero poco. In Grecia non si insegna alle università e non esistono istituzioni o enti che si occupano della divulgazione dell’arte di trattare le questioni di politica internazionale per conto dello stato.  L’ obiettivo della nostra sede di Atene è di diffondere tutti gli aspetti della Diplomazia culturale e di sviluppare delle attività riguardanti la produzione della cultura ellenica, per poi promuoverla e divulgarla all’estero tramite le sedi dell’Istituto nel mondo.

Quali sono i prossimi programmi dell’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale?

La priorità della sede italiana dell’Istituto che si trova ad Ancona, è di contribuire a restringere le relazioni e i rapporti con l’Italia con le istituzioni e le associazioni di categoria, con le università, vari istituti ed accademie attraverso la cultura, l'arte, la lingua, i progetti scientifici, auspicando in possibili nuove strade di comunicazione, quando le strade tradizionali sono chiuse. Le nostre

prossime iniziative dello IEDC sono: Organizzare Conferenze, seminari e incontri di approfondimento su diversi temi di carattere storico, religioso, spirituale, sociale e sulla cultura imprenditoriale; organizzare incontri musicali con artisti greci contemporanei, mettendo quindi le culture musicali a confronto; Promozione della cultura e della letteratura nella Grecia contemporanea: incontri quindi con poeti, scrittori ellenici di oggi; Creare una nuova frontiera delle arti visive con una rassegna internazionale di cortometraggi; Inoltre individuare nuovi percorsi turistici alternativi per il turismo industriale, turismo religioso, percorsi ed itinerari che possono essere sia culturali che scientifici.

Infine, instaurare dei comitati scientifici con studiosi e accademici italiani che si interessano della cultura ellenica, proteggere e conservare tracce, documenti, stampe, scritti di cultura greca, premiare chi per tati anni ha protette, conservato e diffuso la cultura greca in tantissime strutture di carattere culturale nel territorio italiano.

La Grecia, e l'Italia sono Paesi portatori di messaggi culturali umanistici ed universali.

Noi cercheremo di contribuire al meglio puntando sulla collaborazione per costruire ponti culturali i quali non dipendono da una limitata diplomazia dei governi - stati ma dall’etica e dai valori forti di una Diplomazia Culturale.

Grazie

Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale

L’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale è una Fondazione scientifica civile e non governativa costituita ad Atene il 25 marzo 2017.  La Fondazione dell’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale si è resa necessaria per una nuova valorizzazione della cultura greca, ovvero per la creazione di una nuova identità culturale. L’interesse predominante dell’Istituto consiste nella valorizzazione della cultura, nella promozione della cooperazione e nella creazione della fiducia reciproca al fine di instaurare delle relazioni di vicinanza emotiva con i cittadini di altre nazioni che potranno continuare ad esistere a prescindere dagli avvicendamenti dei governi. L’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale con sede centrale ad Ancona, desidera svolgere nel territorio italiano un ruolo importante nella vita culturale contribuendo all'evoluzione dell’immagine della Grecia, rafforzando e sostenendo i suoi giovani artisti e creando l’humus culturale, importante elemento d’identità di ogni cittadino Europeo contemporaneo. Per l’attività e la realizzazione degli scopi dell’istituto Ellenico della Diplomazia Culturale sono state create le seguenti Sezioni della Ricerca Scientifica (S.R.S):

1. Diplomazia del Melodramma 2. Diplomazia del Horodramma 3. Diplomazia della Salute 4. Diplomazia della Comunicazione e dei Media 5. Diplomazia dei Musei 6. Diplomazia del Teatro e del suo insegnamento 7. Diplomazia Economica 8. Diplomazia del Mare 9. Diplomazia Ecclesiastica 10. Diplomazia dello Sport 11. Diplomazia del Turismo Culturale 12. Diplomazia del Turismo Medico 13. Diplomazia Parlamentare 14. Diplomazia del “Brand Name” 15. Diplomazia Pubblica 16. Diplomazia Culturale 17. Diplomazia Congressuale 18. Sound Diplomacy

Haris Koudounas

Accademico, scrittore, poeta, ricercatore storico e docente di sistemi della decodificazione della lingua greca. È amministratore unico dello “Studio di Consulenze & Interpretariato” con sede ad Ancona e si occupa di: Consulenza legale ed infortunistica nel territorio italiano per gli automobilisti ed autotrasporti ellenici; Consulenza per le ricerche di mercato e le strategie di comunicazione tra Italia e la Grecia. Tra le cariche ricoperte annovera: Consigliere del Commissario Straordinario presso International Emergency Management Organization e Consigliere delegato presso Accademia Angelico Costantiniana nonché Direttore dell'Istituto Ellenico di Diplomazia Culturale per l’Italia.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI