Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:144 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:339 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:433 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:418 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:736 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:721 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:745 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:690 Crotone

Modica - Oltre le spighe, confronto tra dolce e salato

Oltre_le_spighe_1

Un confronto tra dolce e salato a base di farine ricavate dai grani antichi. A mezzogiorno “Oltre le spighe” ha ospitato il noto chef Accursio Capraro e il maestro pasticciere Antonio Pitino. Nel cuore di Modica, in pieno centro storico, si sono cimentati nella realizzazione di piatti di grande equilibrio e gusto. Lo chef Accursio ha preparato due primi piatti (uno con sugo di maiale e l’altro con fava cottoia e finocchietto selvatico) mentre il pasticciere Pitino ha realizzato dei buonissimi dolci (biscotti e bocconcini con crema). Entrambi hanno utilizzato le speciali farine realizzate con i grani della tradizione e, intervistatid a Mariacarmela Torchi, hanno spiegato che si trovano molto bene per la particolare consistenza e per la loro qualità. Stamani secondo momento di approfondimento, in collaborazione con la cooperativa Equa-azione di Ragusa, per presentare il progetto “La coorte del benEEssere” che mira all’agricoltura di qualitàe alla tutela della salute. A fornire i dettagli è stato Giovanni Iacono, presidente di Federsanità Anci Sicilia, che ha parlato della necessità di ripensare al nostro futuro guardando il passato, e dunque le tradizioni e la storia, come nel caso della riscoperta dei grani antichi. “Si tratta di un progetto che come Federsanità Anci Sicilia stiamo portando avanti in un’ottica di prevenzione primaria, in collaborazione con le Asp di Enna e Catania, i Comuni del Val Demone e il Gruppo Agroalimentare Italiano – ha spiegato Iacono - Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’86% dei decessi, il 77% della perdità della qualità della vita e il 75% della spesa sanitaria sono dati correlati a malattie che hanno gli stessi fattori di rischio, come le malattie cardiovascolari, il diabete e alcune tipologie di cancro. Obesità, alimentazione e stili di vita influiscono in modo determinante. Attraverso questo progetto abbiamo avviato uno studio che permetterà di confermare, anche sotto l’aspetto scientifico, gli effetti salutistici dell’utilizzo del grano duro e di alcuni prodotti della dieta tradizionael siciliana. Insomma un ritorno al passato, come nell’uso dei grani antichi, per guardare positivamente al futuro”. E sulla qualità del grano si sono soffermati gli altri relatori tra cui Francesca Alessandrello, cooperatrice di Equa-azione che ha ribadito come “lo sviluppo dell’agricoltura di qualità, fatta da prodotti tipici mediterranei, fanno emergere la comprovata funzione salutistica. Il grano siciliano è un prodotto d’eccellenza che grazie al nostro microclima lo rende privo di tossine, sano, bionaturale perché coltivato senza pesticidi e ancora oggi molito a pietra come nella tradizione. Ciò preserva le qualità del grano”. Processi che sono salvaguardati dai contadini-custodi e da produttori che sono tornati ai metodi di coltivazione più antichi, in un totale rispetto della madre terra, come ribadito da Antonio Mancuso, presidente del Gruppo Agroalimentare Italiano: “L’obiettivo è adesso quello di far comprendere ai consumatori questa scelta legata al rispetto della terra e dell’ambiente. Una scelta etica che ci permette di riprendere in mano il nostro futuro attraverso prodotti salutistici, realizzati come si faceva una volta”. La manifestazione “Oltre le spighe” prosegue fino a domani, domenica 24 aprile, con l’ultima intensa giornata che si svilupperà nell’atrio comunale dalle 9,30 alle 20, con il percorso delle degustazioni, prodotti d’eccellenza, la mostra-mercato con pane e companatico, i laboratori del pane, il mercatino dell’artigianato e l’ultimo speciale “Vicolando Vicolando”, ovvero la passeggiata culturale animata che porta turistici e visitatori a scoprire i vicoli di Modica. Per gli amanti del cioccolato sarà possibile visitare anche il “Dammusu ro ciucculattaru” e il museo del cioccolato. Ieri pomeriggio spazio per l’ambito sociale con l’incontro dal titolo “Il pane come dono” che si è svolto all’interno della chiesa di SanPietro. Attraverso il racconto di padre Vittorio, missionario in Africa a Mali, e di suor Giovanna, missionaria in Cina ad Hong Kong, due luoghi dove per povertà e cultura il pane è assente, si è parlato del pane come recupero dei valori che esso rappresenta ovvero la condivisione e l'accoglienza. Padre Antonello ed il prof. Maurilio Assenza della Caritas invece hanno puntato l'attenzione sul pane come dono di Dio che non va sprecato. Domani, in occasione della festa di San Giorgio, “Oltre le spighe” rifocillerà i portatori offrendo loro del buonissimo pane di casa. Per informazioni sulla manifestazione e per prenotazioni è possibile contattare il numero 3392032427 o visitare la pagina facebook di Oltre La Luna Coe.

Oltre_le_spighe_2

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI