Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Febbraio 2023

Meloni: gli italiani chiedono di difendere i confini

In tema di sicurezza e contrasto all’immigrazione illegale, gli italiani si sono espressi alle urne, scegliendo il nostro programma e la nostra visione - scrive ancora Meloni su Facebook - Negli ultimi anni abbiamo assistito a una gestione inadeguata del fenomeno, che ha prodotto grandi ed evidenti disagi: hotspot al collasso, sbarchi aumentati, Forze dell’Ordine allo stremo. E il tutto ha portato a un crescente clima di insicurezza generale. Il nostro obiettivo è difendere la legalità, la sicurezza e la dignità di ogni persona. Per questo vogliamo mettere un freno all’immigrazione clandestina, evitare nuove morti in mare e combattere i trafficanti di esseri umani".

Esprimiamo il nostro sentito apprezzamento per la decisione della Francia di condividere la responsabilità dell'emergenza migratoria, fino ad oggi rimasta sulle spalle dell'Italia e di pochi altri Stati del  Mediterraneo, aprendo i porti alla nave Ocean Viking - si legge in una nota di palazzo Chigi - È importante proseguire in questa linea di collaborazione europea con gli Stati più esposti per la loro collocazione geografica, così da trovare una soluzione condivisa e comune, per fermare la tratta degli esseri umani e gestire in modo legale ed equilibrato il fenomeno migratorio che ha assunto dimensioni epocali. L'emergenza immigrazione è un tema europeo e come tale deve essere affrontato, nel pieno rispetto dei diritti umani e del principio di legalità".

"Sui giornali ho letto stamattina titoli surreali, distanti dalla realtà. Ad esempio non è dipesa dal governo la decisione dell'autorità sanitaria di far sbarcare tutti i migranti presenti sulle navi ong, dichiarandoli fragili sulla base di possibili rischi di problemi psicologici. Scelta, quella dell'autorità sanitaria, che abbiamo trovato bizzarra. Siamo solo all'inizio del lavoro e c'è ancora molto da fare, anche per contrastare decenni di propaganda immigrazionista che si è sedimentata ad ogni livello e che sovrapporre il piano della protezione ai profughi con il controllo dei flussi migratori. Piani diversi che non vanno mescolati". Così il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nel corso dell'assemblea con i gruppi parlamentari di FdI, secondo quanto si apprende.

"Il tema della difesa della legalità vale anche per l'immigrazione: con la sinistra al potere, si è tollerata e alimentata una situazione di totale illegalità ma nio lavoriamo perché le cose cambino. Il governo italiano sta rispettando tutte le convenzioni internazionali e il divieto imposto a queste navi ong di sostare in acque italiane, oltre il termine necessario ad assicurare le operazioni di soccorso e assistenza dei soggetti fragili, è giustificato e legittimo". Ha sottolineato il premier nel corso dell'assemblea con i gruppi parlamentari di FdI, secondo quanto si apprende.

"A bordo di queste navi non ci sono naufraghi ma migranti: le persone sono salite a bordo in acque internazionali trasbordando da altre unità navali di collegamento e la nave che li ha presi in carico è attrezzata ed equipaggiata per ospitarli e provvedere a tutte le loro esigenze di accoglienza. Giuridicamente, dunque, non parliamo di 'naufraghi', qualifica che ricorrere invece in regime di Sar", ha sostenuto.

"Abbiamo approvato anche la norma sulla produzione di gas nazionale perché è finito il tempo dei no a tutti i costi: quello che serve all'Italia va fatto e vogliamo aiutare le aziende in difficoltà", ha detto la premier. "Altro tema prioritario è quello dell'energia: in due settimane abbiamo trovato 30 miliardi per calmierare e coprire il costo delle bollette ma la partita si giocherà soprattutto a livello europeo", ha aggiunto Meloni nel corso della riunione con i gruppi Fdi.

"Quello che continua a stupirmi è che una intera parte d'Italia remi contro l'interesse nazionale italiano. Questa è una cosa alla quale non riuscirò mai ad abituarmi. La sinistra sembra felice di vedere l'Italia attaccata e possibilmente umiliata, ma noi invece lavoriamo per una Italia rispettata a livello internazionale", ha affermato la premier.

"Il tema della legalità che consideriamo un tratto distintivo di questo Governo: bisogna tornare a rispettare le regole e questo vale per ogni ambito. È finita la repubblica delle banane in cui si vessano i cittadini e che piace tanto alla sinistra: si può fare tutto, nel rispetto delle leggi e nel rispetto degli italiani che le leggi le rispettano". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni, nel corso dell'assemblea dei gruppo di Fdi.

Mentre la Commissione Europea ribadisce che c'è il "dovere morale e legale di salvare le persone in mare, in base alle leggi internazionali" e che "bisogna minimizzare il tempo che passano in mare”, in Italia cresce lo scontro politico. L'opposizione attacca "l'inumanità" del governo e Matteo Salvini replica: "Questi sono viaggi organizzati, bisogna stroncare questo traffico di esseri umani". Parole cui fa seguito la precisazione del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi su quella che è la linea del Viminale. "Ci stiamo comportando con umanità ma anche con fermezza sui nostri principi e in tal senso improntiamo le prossime azioni. 

"In queste prime due settimane al governo dell'Italia abbiamo già dato dei segnali importanti e smentito i pronostici e la narrazione di una sinistra anti-italiana che parlava di 'Italia isolata' con Fratelli d'Italia alla guida del Paese - ha spiegato il presidente del Consiglio -  Non è così e lo abbiamo visto: siamo stati accolti a Bruxelles con il rispetto e il riguardo normali per uno Stato fondatore dell'Unione Europea e quando c'è il rispetto c'è anche la disponibilità a trovare soluzioni comuni. Abbiamo visto che nei confronti del nostro esecutivo c'è molta attenzione, curiosità e voglia di capire quale sarà la linea che l'Italia intende intraprendere".

Stiamo lavorando sia sui tavoli europei che nazionali" sottolinea il ministro ribadendo che l'Italia non farà "mancare a nessuno l'assistenza umanitaria", con i migranti rimasti a bordo delle navi che sono "costantemente monitorati". Ed inoltre, aggiunge, "stiamo accogliendo anche altre navi che arrivano con eventi Sar". Il riferimento è ai 500 migranti salvati al largo della Sicilia da due motovedette e un rimorchiatore italiani e già sbarcati a Pozzallo ed Augusta. Per il ministro della Giustizia Carlo Nordio, la "selezione tra i migranti" che possono scendere dalle navi "non è fatta in base ai loro interessi, ma a quelli degli scafisti che li portano". Il leader del M5s Giuseppe Conte replica che il governo "scoprirà presto che il tema dei flussi migratori", va affrontato "senza facili slogan o esibizioni muscolari a danno di persone e famiglie disperate”.

Dopo la Rise Above in Calabria, sono stati fatti sbarcare a Catania anche tutti i migranti presenti sulla nave Geo Barents e sulla Humanity 1: per quelli che erano rimasti a bordo gli ispettori dell'Usmaf avevano riscontrato l'alto rischio psicologico. E il presidente del Consiglio Giorgia Meloni interviene su Facebook: "I cittadini ci hanno chiesto di difendere i confini italiani e questo Governo non tradirà la parola data". Intanto la Francia "si prepara ad aprire il porto di Marsiglia alla nave Ocean Viking, o nella notte fra mercoledì e giovedì o nella giornata di giovedì". Lo ha riferito all'Ansa una fonte del ministero dell'Interno francese. L'imbarcazione, con 234 persone a bordo, nei giorni scorsi aveva chiesto un porto sicuro anche a Spagna, 

Oggi al porto di Reggio Calabria sono sbarcate le 89 persone che si trovavano a bordo della Rise Above. "Se vi volete fermare all'esegesi delle espressioni burocratiche fate pure, ma non accettiamo lezioni da nessuno dal punto di vista del rispetto dei diritti umani", ha replicato il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi a chi gli chiedeva conto dell'espressione "carico residuale" usata in riferimento ai migranti rimasti a bordo delle navi ong a Catania. E a chi gli chiedeva una replica a chi ha definito illegale la selezione dei migranti ha risposto: "Ci sono ricorsi in atto, si deciderà nelle sedi competenti". In tarda serata La Francia ha denunciato ancora il "comportamento inaccettabile" dell'Italia riguardo alla vicenda che ha coinvolto la nave Ocean Viking.

Fonte varie agenzie

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI