Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:210 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:193 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:411 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:544 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:961 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1052 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2393 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2645 Crotone

Castellammare del Golfo - Recuperato in mare un ceppo d’ancora romana di 120 chili

recupero ancora 2

«Un altro importante ritrovamento che ha grande valenza culturale, storica ed artistica. Ringraziamo l’associazione “SiciliAntica”, la capitaneria di porto, la lega navale e tutti coloro che hanno reso possibile il recupero dell’antico ceppo di ancora in piombo, che sarà poi esposto al castello arabo normanno con gli altri reperti, almeno altri 4, ritrovati in questi due anni di intensa attività dall’associazione. “SiciliAntica” opera a titolo di volontariato, restituendoci alcuni dei tanti tesori custoditi nel nostro mare». Lo affermano il vicesindaco Salvo Bologna e l’assessore alla Cultura Marilena Barbara,  dopo il recupero, avvenuto questa mattina, di un ceppo d'ancora in piombo, di epoca romana, ritrovato e recuperato in zona “Punta pedale”.
L’ancora, alta circa 17 centimetri, lunga 133 e del peso di circa 120 chilogrammi, è  stata trasportata a terra dal pontile della lega navale che ha messo a disposizione la sede. Recuperati anche tre puntali e un collo d’anfora. I sommozzatori dell’associazione “SiciliAntica” avevano individuato il sito di interesse archeologico e dopo la segnalazione, la soprintendenza del Mare ha effettuato un’indagine subacquea. Roberto La Rocca e Antonella Testa, dei Beni Archeologici della soprintendenza del mare,  hanno coordinato e condotto le operazioni di ricognizione poi è stato programmato il recupero del ceppo d’ancora romana in piombo, avvenuto oggi. «Il buon esito di tali operazioni -ha spiegato il presidente di SiciliAntica, Ignazio Sottile-si deve alla nostra costante collaborazione con la locale sede della capitaneria di porto. Un ringraziamento  a Sandro Curatolo che con il suo catamarano ha garantito l’assistenza in mare».

Recupero ancora romana

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI