Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 18 Ottobre 2021

Decadenza di Berlusconi, tensioni sul voto in Giunta

Napolitano fa politica, e la nomina dei quattro senatori a vita, che sono una vergogna italiana, lo testimonia'' dichiara il segretario della Lega Nord, Roberto Maroni, a Udine.Il messaggio a Berlusconi e al Pdl e' chiaro - ha aggiunto -: 'se fate cadere il governo ne e' pronto un altro con il sostegno appunto dei senatori a vita'. Noi non siamo d'accordo, meglio andare al voto subito, perche' la sovranita' appartiene al popolo e non ai rappresentanti delle istituzioni''...cosi...

A pochi giorni dalla discussione in Giunta per le immunità del Senato sulla possibile decadenza di Silvio Berlusconi, continua il braccio di ferro tra chi vuole eliminare il Cavaliere e chi vuole dargli la possibilità di difendersi.

Nonostante qualcuno provi ad alzare i toni all'interno del Pdl, è lo stesso Silvio Berlusconi che invita alla prudenza.

In gioco non c'è solo la vita politica del Cavaliere, ma anche un governo di larghe intese formato con grande difficoltà dopo le elezioni di febbraio e in un momento critico per l'Italia, sia da punto di vista economico, sia da quello politico. Anche sul piano legale, la strategia è quella della prudenza. "Fino adesso non è stata fatta nessuna scelta, né in un senso né nell’altro. Non è stata presentata alcuna domanda di grazia al capo dello Stato, ma resta una delle ipotesi in campo", spiega l'avvocoato Franco Coppi, "Con il presidente Berlusconi non ne abbiamo parlato in questi giorni, ma non è escluso che decida in tal senso".

Non ho pronunciato nessun ultimatum, io ricordo che questo governo è stato voluto fortissimamente da me, e sono convinto che l'Italia abbia bisogno che il governo continui a governare'', ha affermato Silvio Berlusconi parlando con i cronisti. ''E addirittura - ha aggiunto - non sono d'accordo con certe critiche perche' questo governo sta anzi facendo cose egregie. Ricordo che questo governo è stato voluto fortissimamente da me, e sono convinto che l'Italia abbia bisogno che il governo continui a governare''. "Spero che il governo possa continuare", ma "è una cosa che rientra addirittura nell'assurdità che una forza democratica come il Pd pretenda che un' altra forza alleata possa restare a collaborare al tavolo del governo se gli si sottrae il fondatore e il leader". Così Silvio Berlusconi, parlando ai gazebo dei referendum radicali. Berlusconi si è quindi rivolto a Pannella, accanto a lui nel gazebo dove il Cavaliere ha firmato i 12 referendum promossi dai Radicali, diversi dei quali sulla giustizia: "Ti immagini cosa avrebbero fatto ai comunisti avessero sottratto De Gasperi alla Democrazia Cristiana? Ti immagini cosa sarebbe successo al contrario se la Dc avesse sottratto Togliatti?". Tra l'altro, ha aggiunto il leader del Pdl, "né Togliatti, né De Gasperi erano fondatori del partito come lo sono io della nostra forza politica. Quindi - ha concluso - io auguro a questo governo di continuare ad essere a palazzo Chigi e spero che il buon senso prevalga nella testa di chi, preso dalla voglia di eliminare l'avversario politico che per vent'anni si è messo sulla loro strada", perché "non possono lasciar prevalere questa tendenza anti democratica rispetto al bene e all'interesse del Paese". 'Le condanne sono soltanto politiche e sono tese a eliminarmi affinché la sinistra possa prendere definitivamente il potere'.
Da una parte il Pdl, che dice se cade Berlusconi cade Letta; dall’altra il Pd che promette in giunta un proprio atteggiamento compatto", riassume Pier Ferdinando Casini,
che ricorda come i meccanismi della Giunta siano diversi da quelli dell'Aula: "Non si ripropongono gli schieramenti della politica tradizionale. Mentre valuta la decadenza di un membro del parlamento la giunta è un organo giurisdizionale, e i membri devono agire secondo la propria coscienza. L’eventuale possibilità di adire alla Corte costituzionale per verificare la retroattività della legge Severino è per esempio un problema di primaria importanza su cui ciascuno si deve regolare in piena libertà, senza vincoli di partito. La giunta non è una caserma". Insomma, anche per il leader dell'Udc è meglio un approfondimento in più che chiudere in fretta la questione
Berlusconi è davvero in difficoltà per pensare di andare avanti. In Giunta faremo tutti gli approfondimenti necessari ma non perderemo tempo. La "Severino" é applicabile perché é costituzionale e comunque é in arrivo la rimodulazione delle pene accessorie da parte della Corte d'Appello (non dimentichiamo il processo Ruby e su compravendita Senatori). Non vedo via d'uscita per lui. Dovrebbe dimettersi. E poi forse il Capo dello Stato potrà analizzare meglio una richiesta di clemenza''. Così Rosy Bindi del Pd.

Bindi è intervenuta nel dibattito ''Silvio c'é. Anzi no'', svoltosi a Camigliatello Silano, in occasione della III edizione del premio ''Stelle del Sud'' organizzato dall'associazione culturale ASSUD.

A me non interessa se ci siano i presupposti per sollevare questioni alla Corte Costituzionale o alla Corte di Giustizia del Lussemburgo. A me interessa che il Pd garantisca i diritti di difesa anche ai suoi peggiori avversari''. Così Luciano Violante a Torino. Durante l'intervento di Violante, una simpatizzante Pd, una signora di una settantina d'anni, in modo visibilmente contrariato con Violante ha lasciato la sala quando l'ex presidente della Camera ha detto: ''Non bisogna fare di Berlusconi una vittima''.

"Non ho mai proposto lodi o salvacondotti. Ho detto che Berlusconi ha il diritto di difendersi. E noi dobbiamo rispettare questo diritto'': lo ha ribadito Luciano Violante oggi in un incontro organizzato nella sede del Pd a Torino. L'incontro è stato convocato per dargli modo di esporre la sua tesi a una platea di parlamentari, esponenti politici locali e militanti del partito.

Ma quali traditori...Ci sarà un voto compatto". Così, arrivando alla festa del Pd di Reggio Emilia, il segretario dei Democratici, Guglielmo Epifani, ha replicato a chi gli chiedeva se temesse dei 'traditori' sul voto relativo alla decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI