Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 01 Maggio 2017

"Black Island"…

Apr 20, 2017 Hits:313 Crotone

"Maria Taglioni…

Apr 20, 2017 Hits:337 Crotone

A San Leonardo di Cutro s…

Apr 18, 2017 Hits:386 Crotone

Wecar Crotone perde in ca…

Apr 12, 2017 Hits:459 Crotone

A gonfie vele il gemellag…

Apr 04, 2017 Hits:773 Crotone

Santa Spina a Umbriatico…

Apr 01, 2017 Hits:699 Crotone

La Stampa Estera premia "Perfetti sconosciuti" e "Lo chiamavano Jeeg Robot"

Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti vince come miglior film, prevalendo nella sfida diretta su Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, comunque premiato come miglior commedia, alla 56/a edizione dei Globi d'oro 2016, assegnati a Palazzo Farnese dall'Associazione Stampa Estera in Italia.

Il Globo alla carriera va a Roberto Benigni e Nicoletta Braschi, definiti nella motivazione del premio "la coppia più popolare del cinema italiano di oggi. Fuori dagli schemi in tutto, loro due non raccontano la cultura, la fanno".

Un altro riconoscimento speciale, il Gran Premio della Stampa Estera, è assegnato a Fuocoammare di Gianfranco Rosi. Nella gara fra gli interpreti, vince come miglior attrice l'esordiente Ondina Quadri per Arianna di Carlo Lavagna, mentre tra gli attori il premio va Elio Germano per Alaska di Claudio Cupellini. Migliore opera prima è L'attesa di Piero Messina. Il Globo d'oro per la sceneggiatura va a Ivan Cotroneo e Monica Rametta per Un bacio.

Ma vediamo come e andata la serata nella splendita Ambasciata Francese :  Grandi protagonisti della serata anche Roberto Benigni e Nicoletta Braschi ai quali va il Globo alla carriera, definiti nella motivazione del premio «la coppia più popolare del cinema italiano di oggi. Fuori dagli schemi in tutto, loro due non raccontano la cultura, la fanno». Un altro riconoscimento speciale, il Gran Premio della Stampa Estera lo riceve Fuocoammare di Gianfranco Rosi, «un'opera forte che è un grido di rivolta di fronte a una tragedia continua ormai percepita con rassegnazione, come una sorta di normalità».

Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti vince come miglior film, prevalendo nella sfida diretta su Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, comunque premiato come miglior commedia, alla 56esima edizione dei Globi d'oro 2016, assegnati a Palazzo Farnese dall'Associazione della Stampa Estera in Italia.

La commedia action/fantasy di Mainetti (che come Perfetti sconosciuti, era in testa per numero di candidature, quattro), è stato scelto come miglior film «perchè confronta per la prima volta il mondo coriaceo della periferia romana con la carica esplosiva della 'science fiction»'. Mentre il film di Genovese è stato premiato per essere «una commedia tagliente, che, fedele alla tradizione italiana, svela vizi e virtù del terzo millennio» si spiega nella motivazione.

Nella gara fra gli interpreti, vince come miglior attrice l'esordiente Ondina Quadri per Arianna di Carlo Lavagna, mentre tra gli attori il premio va Elio Germano per Alaska di Claudio Cupellini. Migliore opera prima è L'attesa di Piero Messina.

Il Globo d'oro per la sceneggiatura va a Ivan Cotroneo e Monica Rametta per Un bacio.

Inoltre Fabio Zamarion vince il Globo per la migliore fotografia con La corrispondenza di Giuseppe Tornatore e Carlo Crivelli per la musica di Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio. Infine il Globo d'oro come miglior cortometraggio va a Tra le dita di Cristina K. Casini e quello come miglior documentario If Only I Were That Warrior di Valerio Ciriaci.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI