Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:234 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:434 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:516 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:492 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:808 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:797 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:815 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:757 Crotone

Cara Crotone, Dieni (M5S): Fare chiarezza su motivi rivolte

“Ogni volta che scoppia una rivolta al Cara S. Anna sembra che le motivazioni vengano sbrigativamente archiviate. E’ giunto il momento di domandarsi se dietro le scuse di facciata non ci sia di più” è con questo interrogativo che la deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni commenta la notizia dell’ultima rivolta presso il Centro di accoglienza crotonese.

“Il settimanale l’Espresso solo un paio di settimane fa con un’inchiesta ha scoperchiato la questione della gestione, spesso molto remunerativa , di questi  centri. Nello specifico di questo argomento si è occupata anche l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara che si è concentrata sul sistema del cosiddetto pocket money, un contributo erogato dallo Stato ma che è valida solo all’interno delle strutture di accoglienza per acquistare i beni che vengono venduti dallo stesso ente gestore. Quando leggo quindi le dichiarazioni del vicepresidente della Misericordie Leonardo Sacco secondo il quale la rivolta è scoppiata perché gli immigrati chiedono ‘il wi-fi libero nella struttura, denaro in luogo dei pocket money e avanzano lamentele per la presenza nel menu di portate, come le lasagna, a loro non gradite’ la prima domanda che mi pongo è se le motivazioni elencate non siano, nei fatti, un modo per spingere l’opinione pubblica ad un sentimento di indignazione, senza andare più in profondità. La prima impressione, infatti, è che si tratti di richieste esigenze, se non addirittura arroganti. Se consideriamo però che il wi-fi diventa l’unico modo per comunicare con casa, che i prezzi delle uniche merci acquistabili vengono definite dai gestori e che le problematiche in materia di cibo possono discendere anche da motivazioni religiose, il comportamento dei richiedenti asilo appare assai meno esigente.”

“L’attenzione sulle strutture di accoglienza” continua la deputata calabrese “ va mantenuta alta. L’inchiesta Mafia capitale ci ha dimostrato che l’immigrazione può essere un business. Fermo restando che nessuno mette in dubbio il fatto che il caso di Crotone sia lontano anni luce dagli scandali romani, è tuttavia indispensabile vigilare affinchè la gestione dei centri come quello di Isola Capo Rizzuto resti sempre e anzitutto un servizio e non un facile sistema di guadagno.”

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI