Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Aprile 2021

Casa: finalmente sbloccate le graduatorie per l’edilizia popolare

Svolta decisiva nella maniera di affrontare i problemi della casa a Catania con la decisione dell’assessore all'Armonia e al Welfare Fiorentino Trojano di convocare un tavolo di trattative unico con la partecipazione di rappresentanti della Prefettura, dello Iacp (Istituto autonomo case popolari) e dei sindacati degli inquilini Sunia, Sicet, Uniat e Assocasa.
“Il tavolo di trattative – ha detto Trojano – si è rivelato un completo successo e ha consentito di superare in poche ore, grazie a un confronto finalmente franco e aperto, tutte le contrapposizioni che da oltre un decennio impedivano incontri congiunti e propositivi tra i soggetti interessati alla soluzione dei problemi legati alla politica della casa e degli alloggi nella nostra città”.
Tra i primi, importantissimi, risultati del tavolo di trattative, c’è stato quello di trovare una soluzione all’annoso problema del blocco delle graduatorie delle case popolari del 2006 e del  2009, dovuto al mancato esame delle istanze a causa appunto della continua diatriba tra Comune e Iacp sulla competenza relativa alle graduatorie. 
“Siamo arrivati a risolvere il problema – ha spiegato l’assessore Trojano – utilizzando il metodo della trasparenza e della chiarezza degli obiettivi nell’interesse primario dei cittadini. Abbiamo prima di tutto proceduto a una chiara definizione delle competenze degli enti interessati, che è emersa proprio dal confronto svoltosi durante la riunione. È stato dunque stabilito che l’Istituto autonomo case popolari metterà a disposizione dell'Ufficio Casa del Comune di Catania l'esperienza dei propri funzionari. Questi ultimi collaboreranno alla redazione delle graduatorie relative agli anni 2006  e 2009”.
Durante l'incontro è stata confermata la consegna da parte del Comune di 64 alloggi per il 2014 e di un’altra ventina  - già appaltati - per il 2015. È stata inoltre analizzata la questione della disponibilità attuale degli alloggi di edilizia residenziale pubblica ed è emerso che, con ogni probabilità, i tempi per la ristrutturazione delle due torri di Librino - con oltre 140 alloggi di proprietà dello Iacp – si allungheranno rispetto al previsto.
“C’è stata poi – ha detto l’Assessore – una convergenza completa di tutti i partecipanti alla riunione, sulla decisione proposta dall’Amministrazione comunale di procedere alla riapertura del Bando di manifestazione d'interesse sul Social Housing, che prevede l'ndividuazione e la presentazione di progetti sull'abitare sociale. Sull’argomento, peraltro, forniremo successivamente ulteriori particolari”.
Il Bando permette di individuare contenitori edilizi urbani da utilizzare per realizzare, con fondi provenienti da Stato, Regione e privati, appartamenti per i cosiddetti “nuovi poveri”, coloro cioè che, pur non essendo in stato di indigenza, hanno una limitatissima capacità economica.
“Sulla tematica dell'abusivismo infine – ha concluso Trojano -, vista la complessità della tematica, che coinvolge peraltro diverse istituzioni,  è stato deciso di dedicare una riunione ad hoc del tavolo, volta a individuare specifiche iniziative al riguardo”.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI