Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 22 Maggio 2018

Salvini chiede pre-incarico, il Colle pronto a un nuovo giro

Farò tutto il possibile fino all'ultimo minuto per dare un Governo che duri cinque anni agli italiani, per occuparci dell'emergenza del Paese che è il lavoro", ha detto Salvini. "Mi farò portatore nei prossimi giorni di trattative a Roma della diffusione della 'margherita Itala', perché è la più resistente, vince chi è più resistente, datemi tante 'margherite Itale', così vediamo di mettere in piedi questo Governo, che è un parto" ha aggiunto Salvini stamani a Genova in visita a Euroflora riferendosi al nuovo fiore che l'Istituto per la floricoltura ligure ha voluto dedicare a Italo Calvino.

"Noi siamo disponibili a prendere l'attuale legge elettorale e a mettere un premio di maggioranza che garantisca a chi prende un voto in più di governare, non vogliamo perdere due anni di tempo, l'unica modifica possibile è prendere questa legge elettorale aggiungendoci due righe sul premio di maggioranza".

"Non rispondo a insulti e sciocchezze su soldi e poltrone - ha detto Matteo Salvini a Luigi Di Maio -, per noi lealtà e coerenza valgono più dei ministeri. Voglio dare un governo agli italiani, se i grillini preferiscono litigare lo faremo da soli. Bloccare anche la partenza dei lavori delle commissioni parlamentari è da irresponsabili".

Il capo dello Stato Sergio Mattarella ha convocato per lunedì un nuovo giro di consultazioni per la formazione del governo. Le consultazioni si terranno in un unico giorno. Il capo dello Stato pressa i partiti: ""A distanza di due mesi - si sottolinea al Quirinale - le posizioni di partenza dei partiti sono rimaste immutate. Non è emersa alcuna prospettiva di maggioranza di governo. Nei giorni scorsi - si rileva - è tramontata anche la possibilità di un'intesa tra il Movimento 5 Stelle e il Pd. Il presidente Mattarella svolgerà nuove consultazioni, in un'unica giornata, quella di lunedì per verificare se i partiti abbiano altre prospettive di maggioranze di governo".

"L'auspicio è semplice: speriamo e auguriamo che presto si trovi un soluzione. Avevo già detto che assicuravamo preghiere al presidente Mattarella, mi pare che le dobbiamo aumentare ancora di più". Così ha risposto il sostituto della Segreteria di Stato vaticana, mons. Angelo Becciu richiesto dai cronisti di un commento sulla fase politica di stallo. "Noi - ha precisato - siamo spettatori, auguriamo e preghiamo che al più presto si trovi la soluzione migliore per il Paese".

L'Italia resta fanalino di coda d'Europa per la crescita, la più bassa dei 28 Paesi assieme a quella del Regno Unito. Per entrambi i Paesi il pil 2018 crescerà di 1,5%, per poi rallentare a 1,2% nel 2019. La più alta è quella di Malta (5,8% nel 2018 e 5,1% nel 2019) seguita da Irlanda (5,7% e 4,1%). E' quanto emerge dalle previsioni economiche di primavera della Commissione Ue

Gli sforzi strutturali fatti dall'Italia per il 2018 "sono pari a zero, questi sono fatti che emergono dalle nostre previsioni e possiamo anche trarne delle conclusioni in termini di sorveglianza dei conti ma non è una lezione da trarre oggi, ne parleremo nel pacchetto di primavera" del 23 maggio: lo ha detto il commissario agli affari economici Pierre Moscovici rispondendo a chi gli chiedeva se l'Italia avesse fatto lo sforzo di 0,3% che la Ue aveva chiesto al Governo.

lntanto inizia la direzione del Pd al Largo del Nazareno. Dopo le tensioni di ieri non è escluso che nella riunione possa esserci un voto anche se nelle ultime ore renziani e 'governisti' starebbero cercando di trovare una mediazione per evitare fratture.  Lo si apprende da diverse fonti Dem. Il testo, che confermerebbe la fiducia a Maurizio Martina, rischia però di non convincere una parte della minoranza del partito, che vorrebbe "chiarezza" sulla linea politica e circostanziare meglio il mandato di Martina, per evitare che Renzi continui a esercitare una guida di fatto del partito.

"Chiederemo il voto su un documento che affermi il No a Salvini e No a Di Maio. Voteremo sicuramente tutti anche la fiducia a Maurizio Martina fino all’assemblea" che dovrà essere convocata per decidere se eleggere un segretario o indire il congresso. È la linea affermata da fonti renziane qualificate, a ridosso della direzione. Se si andrà alla conta sul documento che dice no alle ipotesi di governo con M5S o Lega, i renziani sono convinti di avere già i numeri: 120 membri della direzione a favore, contro 80. Secondo fonti "governiste", invece, il fronte che sostiene Martina avrebbe 96 voti contro i 112 dei renziani: al netto delle assenze, sostengono, i numeri sarebbero sul filo e perciò una parte della minoranza contesta il voto dei venti membri della segreteria renziana, perché in grado di condizionare il risultato.

"Non credo ci sia questo punto all'odg, Martina non è in discussione, gode della fiducia di tutto il partito", sottolinea anche Lorenzo Guerini, coordinatore della segreteria nazionale del Pd, risponde a chi, a Radio Radicale, gli domanda se ci sarà oggi in direzione un voto pro o contro il segretario reggente Maurizio Martina.

Cosi resta in stallo la trattativa sulla formazione del governo a due mesi dal voto. Intanto continuano i botta e risposta tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il leader del Carroccio ribadisce di voler fare "di tutto" per tentare la formazione di un governo ma si dice anche a disposizione di un tavolo con i pentastellati sulle riforme. 

"Non è possibile nessun governo del cambiamento con Berlusconi e il centrodestra. Salvini ha cambiato idea e si è piegato a lui solo per le poltrone. Si torni subito al voto!", ha scritto su Twitter Di Maio postando una dichiarazione del leader leghista del 2012 in cui Salvini diceva "no a possibili assi tra Carroccio e il Cavaliere", "nessun leghista è disposto a puntare ancora su un'alleanza con Berlusconi".

Non resta che tornare subito al voto. Noi non abbiamo alcun problema nel farlo perchè ci sostengono i cittadini con le piccole donazioni. Altri invece si oppongono perchè, tra prestiti e fideiussioni, magari hanno qualche problemino con i soldi. Ma l'Italia non può rimanere bloccata per i guai finanziari di un partito. Al voto". 

"In questi 55 giorni i bugiardi Renzi e Berlusconi si sono sempre sentiti ma la verità è che anche Renzi e Salvini si sentivano - ha detto Luigi Di Maio durante la registrazione di Porta a Porta -. Se l'obiettivo era fare un governo Salvini-Berlusconi-Renzi dovevano dirlo subito. Salvini lo dica: se vuole andare al voto non è vero quello che sto dicendo ma se non vogliono andare al voto lo devono dire a tutti gli italiani". "A me è costato molto" offrire un contratto di governo al Pd, ma "il mio obiettivo era dare un governo al Paese". Poi Di Maio aggiunge: "Mi è costato perchè quello che pensavo del Pd lo penso tuttora. Secondo conosco i problemi del Pd e poi molti nostri attivisti e amministratori stanno combattendo il Pd nei territori". 

Poi il segretario della Lega Matteo Salvini, alludendo alle accuse lanciategli da Luigi Di Maio, ha detto: "Le mie sono scelte politiche dettate unicamente dalla coerenza, dalla lealtà e dal rispetto del voto degli italiani. Chiunque parli di soldi, prestiti, fideiussioni, regali e ricatti inesistenti a me e alla Lega, se finora è stato ignorato, da domani sarà querelato". 

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI