Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Entra nel vivo la battaglia tra i candidati a Sindaco di Roma

Alfio Marchini, candidato sindaco di Forza Italia, a margine di un'iniziativa elettorale davanti il monumento dedicato ad Alcide De Gasperi, a due passi da piazza San Pietro dichiara "L'unico voto utile è a noi. Votare Giachetti significa votare la Raggi. Mandare al ballottaggio Giachetti significa regalare la città al Movimento 5 Stelle". "I grillini si candidano con un contratto che li obbliga a prendere ordini da Milano- ha aggiunto Marchini- Questo è antidemocratico. I romani vogliono un romano che risponde ai romani e non a un direttorio".

E' stato depositato ufficialmente al Consiglio di Stato l'appello contro la sentenza con la quale nella tarda serata di ieri il Tar del Lazio ha confermato l'esclusione delle liste di appoggio alla candidatura di Stefano Fassina a sindaco di Roma per le consultazioni del 5 giugno prossimo. La terza sezione del Consiglio di Stato, presieduta da Luigi Maruotti, deciderà lunedì sull'appello proposto. L'udienza è stata fissata alle 12.

"Apprendiamo con rammarico la sentenza del Tar del Lazio che esclude le nostre liste dalla competizione elettorale a Roma. Non ci fermiamo qui. Siamo convinti delle nostre ragioni e ricorreremo al Consiglio di Stato". Lo ha dichiarato Stefano Fassina, candidato Si-Sel a sindaco di Roma.

E' confermata l'esclusione della lista Sinistra per Roma Fassina Sindaco dalle elezioni amministrative del 5 giugno. Lo ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha respinto il ricorso della lista.

Riguardo l’esclusione di Fassina e il destino di quei voti, Marchini ha invece detto: “Già non so se tutti quelli che hanno votato Pd continueranno a farlo. Quindi immaginare cosa faranno gli elettori di Fassina è chiromanzia. Credo però che molti finiranno per non votare e questo non è un bene. Tutto serve in questo momento meno gente che non vota".

Dal tema della sicurezza in città a quello degli animali fino al voto dei giovani: sono questi alcuni dei temi che il candidato sindaco a Roma, Alfio Marchini ha trattato in un Forum con l'Ansa. Ma a far discutere è stata l'affermazione dell'imprenditore di non aver "nulla contro il riconoscimento dei diritti civili" ma che se sarà sindaco non celebrerà unioni gay. "Ogni sindaco è chiamato ad applicare la legge, se il Parlamento domani deciderà di approvare la legge sulle unioni civili, mi auguro che i sindaci, primi cittadini, diano il buon esempio e rispettino la legge", è la replica del ministro Maria Elena Boschi.

Meloni, competitor a destra di Marchini, sul tema se la cava con una battuta appunto di destra: "Unioni gay? Dubito mi chiederanno di celebrarle comunque se ci sarà una legge andrà rispettata". Tace invece Virginia Raggi che però in passato disse che pur essendo cattolica e sposata in Chiesa di non trovare nulla di strano nel regolare convivenze stabili" anche per gli omosessuali. Di lei Marchini dice "e' solo una brillante presentatrice televisiva che recita un copione e che scappa dai confronti. Un candidato sindaco che si impegna a farsi validare da altri le proprie decisioni lascia il tempo che trova".Intanto :

Alle prossime elezioni comunali di giugno si tornerà a votare con ogni probabilità in due giorni, domenica 5 e lunedì 6 giugno (con ballottaggi il 19 e 20 giugno). A quanto si apprende, infatti, nel Consiglio dei ministri di oggi sarà presentato un decreto legge che va in questo senso, così come il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha già proposto di fare.

No ad estendere anche al lunedì la possibilità di votare, sia alle Amministrative che poi al referendum di ottobre sulla riforme, raddoppiando i giorni per cercare di contrastare l'astensionismo. Ad esprimere tale contrarietà è l'ex presidente del Consiglio Enrico Letta, che tra le varie misure della spending review introdusse anche il giorno unico per le tornate elettorali. "Mi chiedo proprio il senso di questo cambiamento. Costa molto", dice letta a Repubblica. "Dovunque in Europa si vota in un giorno solo".

L'ultima volta che gli italiani hanno votato in due giorni è stato in occasione delle Europee, nel giugno 2014: quella volta - fu un election day che vide rinnovare anche amministrazioni comunali e provinciali - si andò alle urne il pomeriggio di sabato 6 giugno e tutta la giornata di domenica 7 giugno. La nomina degli scrutatori, la ripartizione degli appositi spazi destinati alle affissioni di propaganda elettorale, gli adempimenti che devono compiere gli italiani temporaneamente all'estero per poter votare, la stampa delle schede, sono le principali scadenze previste per i prossimi giorni, che vedranno per l'esattezza 1.343 comuni andare al voto, di cui 149 superiori ai 15 mila abitanti e 1.194 mila inferiori.

Tra questi ci sono 7 capoluoghi di regione - Bologna, Cagliari, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste - e complessivamente 26 comuni capoluogo per un totale di 13,4 milioni di cittadini chiamati alle urne. Nei comuni del Trentino Alto-Adige, dove le elezioni si sono svolte l'8 maggio, il ballottaggio è previsto per il 22 maggio in due comuni, Bolzano (capoluogo) e Ville d'Anaunia, comune di nuova istituzione nato il 1 gennaio 2016 per fusione dei comuni di Nanno, Tassullo e Tuenno.

Solo nel Comune di Ayas, in Valle d'Aosta, si voterà il 15 maggio. E dunque, procedono serrati i lavori della "macchina elettorale": fino a lunedì 16 maggio le commissioni elettorali comunali, in pubblica adunanza, alla presenza dei rappresentanti di lista della prima sezione del Comune, se designati, procedono alla nomina degli scrutatori per ogni sezione elettorale del Comune, scegliendoli fra i nominativi compresi nell'albo degli scrutatori, in numero pari a quello occorrente; alla formazione di una graduatoria di ulteriori nominativi compresi nell'albo, per sostituire gli scrutatori in caso di rinuncia o impedimento; alla nomina degli ulteriori scrutatori, scegliendoli nelle liste elettorali del Comune.

Nei 2 giorni successivi a quello in cui è stata ricevuta la comunicazione relativa alle candidature ammesse per le elezioni comunali, poi, le giunte comunali - ricevuta comunicazione delle candidature ammesse per le elezioni comunali - ripartiscono gli appositi spazi destinati alle affissioni di propaganda elettorale in sezioni ed assegnano queste ultime sia a coloro che partecipano alla competizione con proprie candidature, gruppi o liste, sia a coloro che non prendono parte direttamente alla consultazione ma che abbiano egualmente presentato domanda per eseguire le affissioni. Sempre in questi giorni, gli elettori temporaneamente all'estero per motivi di servizio o missioni internazionali che hanno inoltrato la dichiarazione di voto per corrispondenza all'estero, possono revocarla. Da lunedì e fino al 3 giugno c'è tempo per stampare le schede di votazione, controllare i quantitativi, confezionare i pacchi di schede sezione per sezione e recapitarli ai Comuni interessati alle elezioni.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI