Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

Avviato il concorso internazionale “ibla grand prize”

baronessa-e-moltisanti

 

Inizia il concorso internazionale “Ibla Grand Prize” e arrivano tante novità. Esibizioni dinnanzi la giuria dalle 11 alle 23 di tutti i giorni all'interno della sala Falcone Borsellino di Ragusa Ibla. E poi il ritorno dei concerti nella vicina piazza Pola nei giorni di venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 a partire dalle ore 21. Ed ancora due iniziative speciali, il concerto in piazza Municipio a Pozzallo alle ore 21 di sabato 13 luglio, dedicato alla comunità dei pozzallesi all’estero, e l'atteso evento di domenica 14 luglio alle ore 21 a Villa Crisione (sulla Ragusa-mare) con il concerto di beneficenza per raccogliere fondi in favore dell'associazione Pro Madagascar. Ma l’evento nell’evento è rappresentato dall’esibizione di una delle concorrenti all’interno della messa delle ore 18 di domani, giovedì 11 luglio, all’interno della chiesa di San Giuseppe. Sono state le suore di clausura del vicino convento a chiederne la presenza all’organizzazione. Ad esibirsi sarà la giovane e bravissima artista francese Claire Iselin, una tra i 150 concorrenti di questa ventiduesima edizione del concorso che ha preso il via ieri sera con l’esibizione dei primi artisti in concorso. Provengono da tutto il mondo e fino al 18 luglio si alterneranno dinnanzi la giuria internazionale presieduta dal maestro Marcello Abbado. Una selezione durissima che alla fine vedrà stilare la classifica finale e dunque l’individuazione dei “top winners”, cioè coloro che grazie alla Fondazione Ibla, che organizza il concorso, potranno esibirsi nei principali teatri delle più importanti capitali del mondo. Tra questi anche la Carnegie Hall di New York dinnanzi ad un pubblico americano selezionatissimo. L’avvio di una carriera che per questi promettenti giovani rappresenta sicuramente una grande occasione, ottenuta proprio grazie alla partecipazione al concorso Ibla Grand Prize. Un vero e proprio ponte culturale, come più volte ha spiegato il direttore artistico del concorso, il maestro Salvatore Moltisanti, che saluta positivamente la presenza, già fin dalla prima giornata, di bravissimo concorrenti alcuni dei quasi si sono esibiti all’arpa, al pianoforte, al violoncello e al violino, stupendo molti dei componenti della giuria. A fianco del concorso, pur se dall’America, c’è la baronessa Mariuccia Zerilli Marimò, da sempre chairwoman della Ibla Foundation. La Marimò, che è la donna italiana più famosa di New York, ha sempre rilanciato il nome di Ragusa Ibla quale meta culturale e turistica nel corso dei tanti incontri con importanti personalità americane, favorendone la divulgazione e la promozione non solo nella Grande Mela ma anche in varie città degli Stati Uniti d’America. Un ruolo importante, il suo, che l’ha sempre vista in prima linea per sostenere la cultura e, in questo caso, i prossimi vincitori dell’Ibla Grand Prize. E quest’anno importante anche il ruolo dell’Amministrazione comunale di Ragusa, con in testa il sindaco Federico Piccitto, che ha supportato l’evento favorendo un maggiore ritorno tra la gente con i concerti open in piazza Pola.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI