Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:248 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:224 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:445 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:575 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:982 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1072 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2412 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2666 Crotone

Convegno sui centri storici promosso dal'associazione Pericentro

La legge regionale 13/2015 risulta fondamentale per fare ripartire il centro storico di Ragusa. E’ quanto emerso ieri sera a conclusione del convegno sul tema, tenutosi nella sala ex Ideal, promosso dall’associazione Pericentro per approfondire una questione che merita la massima attenzione. Ad introdurre i lavori il presidente dell’associazione, Peppe Calabrese, a cui hanno fatto eco i saluti istituzionali dei presidenti dell’Ordine degli architetti, Salvatore Scollo, e del Collegio dei geometri, Salvatore Mugnieco. Molto qualificato il parterre a cominciare dalla relazione dell’ing. Franco Poidomani che la legge l’ha scritta, evidenziando come la stessa possa essere migliorata e chiarendo, però, che si tratta di una norma cruciale per ridare nuovo smalto a un centro storico che ha bisogno di ripartire con il piede giusto. Il soprintendente Calogero Rizzuto ha voluto mettere in evidenza l’importanza dei centri storici nelle città perché è proprio qui, ha spiegato, che si sviluppa oltre il 70% del Pil, almeno per quel che concerne la materia di attrazione turistica. Il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, ha riferito la propria esperienza nel realizzare quanto previsto dalla legge ovvero la perimetrazione e la distinzione tra le varie tipologie di abitazioni. L’architetto Giuseppe Cucuzzella ha elogiato il lavoro dell’on. Nello Dipasquale, che ha dato l’input politico per fare nascere la norma, dando parola alle esigenze dei centri storici. Cucuzzella ha parlato di una legge importante che comunque può essere perfezionata facendo sì che la stessa possa essere applicata anche in città come Ragusa dove esiste un Ppe dei centri storici che rischia di imbalsamare la città antica. L’on. Nello Dipasquale, che è il padre della legge, ha messo in luce le varie tappe dell’iter, sottolineando come è nata la stessa e le difficoltà che ci sono state nel riuscire a farla diventare norma vera e propria. Dipasquale ha spiegato che sono state accolte le proposte di miglioramento e ha garantito, essendo stato il primo firmatario della stessa, il proprio impegno sin da subito per perfezionarla. Si sono poi registrati gli interventi dell’on. Giorgio Chessari e del prof. Giorgio Flaccavento che si sono detti concordi circa le scelte da attuare per fare in modo che i ragusani possano rivivere il centro. Chessari ha detto che sono stati spunti fondamentali i contenuti del lavoro normativo portato avanti dall’on. Dipasquale, puntando alla possibilità di avere abitazioni con standard abitativi moderni oltre ad ottenere il nulla osta a poter demolire, ricostruire e accorpare quelle case fatiscenti in edilizia povera (T1) dove nessuno oggi si sogna di abitare. “Sono soddisfatto – dice Calabrese – per la piena riuscita di questo appuntamento convegnistico. Ringrazio il direttivo di Pericentro e lancio sin da ora un prossimo appuntamento sui problemi concernenti le periferie e le contrade, allo stato attuale prive dei più elementari servizi. Questa associazione nasce per contribuire al miglioramento del nostro territorio partendo dalle periferie ma ponendo il centro sotto i riflettori. Faremo la nostra parte. Sino in fondo”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI