Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Con il reddito di cittadinanza percepito due tunisini finanziavano il terrorismo

Hanno percepito indebitamente il reddito di cittadinanza - per un importo di circa 12mila euro - che sarebbe stato usato anche per finanziare attività di terrorismo islamico. Per questo motivo due cittadini tunisini sono stati denunciati dalla Guardia di finanza di Bologna.

I due, secondo le indagini dei militari, sarebbero responsabili di aver finanziato un pericoloso 'foreign fighter' islamico iscritto nelle liste antiterrorismo del Belgio, e localizzato in Tunisia, fino allo scorso mese di aprile. I soldi sarebbero stati trasferiti attraverso un servizio di 'money transfer' in provincia di Ferrara.

Nel corso delle indagini, riporta l'agenzia Ansa, finalizzate all'individuazione dei redditi utilizzati per i versamenti al presunto terrorista, i militari della Guardia di finanza hanno accertato che gli indagati percepivano il reddito di cittadinanza, dichiarando posizioni reddituali e lavorative false. Ora dovranno anche restituire i circa 12 mila euro percepiti indebitamente. I due cittadini tunisini sono stati anche denunciati per il reato di invasione di terreni o edifici. Dal 2011 occupavano un alloggio popolare pur non avendone alcun titolo.

Il caso dei due tunisini ne ricorda un altro. Nel giugno scorso, sempre a Bologna, la procura chiede il rinvio a giudizio di quattro stranieri accusati di aver finanziato il terrorismo jihadista internazionale e di aver favorito l'immigrazione clandestina. Tre avrebbero raccolto e inviato in Somalia denaro destinato all'acquisto di armi e munizioni per i gruppi terroristici Al Shabaab e Onlf (Ogaden national liberation front), attivi proprio in Somalia e in Etiopia. Tra le somme nel mirino degli investigatori anche 6.915,40 euro che uno dei tre aveva "procacciato" ottenendoli dal welfare francese, approfittando dello status di rifugiato.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI