Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:226 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:203 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:423 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:555 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:968 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1059 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2400 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2652 Crotone

Netanyahu: 'Vogliamo riavviare i negoziati di pace il prima possibile

'Vogliamo riavviare i negoziati di pace il prima possibile, senza - ha detto Netanyahu - nessun ostacolo. Dobbiamo metterci in una capanna e
cercar di porre fine a questo conflitto tra palestinesi e israeliani. Questo e' il nostro obiettivo. Questo e' lo sforzo del segretario di stato John Kerry, che io penso abbia il sostegno consistente e costante da parte dell'Europa e sono sicuro che l'Italia dara' il suo supporto''. Netanyahu ha poi detto che Israele sta fronteggiando nella regione ''sfide significative alla sicurezza''. Per questo ha citato come la prima immediata quella degli Hezbollah ''che e' una delle preminenti organizzazioni terroristiche del nostro tempo'' Organizzazione che ''ora sta partecipando al macello di civili siriani con il regime di Assad''. Netanyahu ha poi detto che e' importante che ''l'Europa designi Hezbollah come organizzazione terroristica.Se Hezbollah non e' un'organizzazione terroristica - ha aggiunto - non so che cosa sia un'organizzazione terroristica''. Il premier israeliano ha poi sottolineato che c'e' un interesse comune con l'Italia sul fatto che l'Iran ''non sviluppi armi nucleari o capacita' di armi nucleari'' e per questo ha sollecitato che siano aumentate le sanzioni ''perche' questa e' l'unica cosa che puo' procurre risultati se accompagnata con una credibile minaccia militare''.Intanto Il premier Enrico Letta e' giunto allo Yad Vashem, il museo dell'olocausto di Gerusalemme. ''Sono onorato di essere qui''. Al suo
arrivo il premier, accolto dal direttore del museo, ha salutato Hanna Weiss, sopravvissuta di Auschwitz.

"La shoah è una ferita aperta che squarcia la terra di Gerusalemme e ci ci riguarderà per sempre. L'antisemitismo è un cancro dell'umanità e una minaccia la pace di tutti i popoli". Lo ha detto il premier Enrico Letta a Gerusalemme citando il cardinal Martini che disse 'non basta essere contro bisogna essere per il popolo ebraico'.

"Non dobbiamo e non vogliamo mai abbassare la guardia" soprattutto "in un momento in cui si affacciano i germi dell'antisemitismo nella nostra amata Europa". Lo ha detto il premier Enrico Letta, al termine della visita al memoriale dell'olocausto a Gerusalemme.

"Le nostre relazioni bilaterali sono al loro massimo": lo ha detto il premier Enrico Letta incontrando il primo ministro israeliano Benyamin
Netanyahu. "E' un rapporto importante non solo per la cultura, ma anche perché vogliamo imparare da voi sulla creazione delle start up e sulle aziende innovative", ha affermato ancora Letta. "Pace, pace". Così il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha salutato in italiano il collega Enrico Letta al termine dell'incontro con la stampa. A sua volta Letta ha risposto con le stesse parole.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI