Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:803 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

Dai Fondi europei un ”raggio di sole” verso un Sud coperto di “nuvole”

La Svimez (l’Associazione per lo sviluppo industriale del Mezzogiorno) ha affermato che la spesa dei Fondi europei della programmazione 2014-2020, se attuata, senza ritardi, può veramente aiutare il Mezzogiorno, a mettersi al passo con la crescita economica che, già, si sta sviluppando nelle Regioni del Nord Italia. E qui, noi diciamo: bene i Fondi europei per uno sviluppo del Mezzogiorno; ma lo Stato non può essere indifferente, demandando all’Europa le proprie responsabilità relative alla assegnazione e alla gestione dei Fondi europei, in particolare, ai ritardi dovuti alla burocrazia statale. Ancora, noi pensiamo che la ripresa del Sud è possibile e il Rapporto dello Svimez è una ulteriore spinta di fiducia. In realtà, dai Fondi europei un “raggio di sole”, per la crescita, può arrivare verso un Sud coperto di” nuvole”, nella gestione della spesa. Vediamo come. I Fondi europei, come “raggio di sole”, devono essere il sostegno di un progetto che guarda al Mezzogiorno come baricentro di un’Europa fortemente mediterranea e come laboratorio della modernità. In sostanza, i problemi di decrescita del Mezzogiorno, ovvero, “le nuvole”, non solo si devono risolvere, nell’immediato, stanti le persistenti disparità dal Nord del Paese, ovvero, la storica “Questione meridionale”, ma, ci deve essere, anche, una corretta spesa dei Fondi europei, con una partecipazione attiva degli stessi cittadini, consapevoli, meridionali.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI