Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 02 Marzo 2024

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:123 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:411 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:380 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:600 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:706 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1086 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1176 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2507 Crotone

Giarratana - Conclusi i festeggiamenti in onore di sant'Antonio abate

Non è stata la stessa festa degli altri anni. Non c’è stata la processione. Ma non per questo l’affetto della comunità dei fedeli è venuto meno. Anzi, se possibile, limitatamente alle restrizioni attuate in questo periodo, l’attenzione è cresciuta, diventando più spirituale, scandagliando ancora meglio la figura di un personaggio caratterizzante il primo periodo della storia della cristianità. Giarratana ha festeggiato così, con una serie di celebrazioni eucaristiche nella basilica omonima, la solennità liturgica di Sant’Antonio abate.

Domenica, dunque, momenti che sono serviti per ricordare il messaggio, attraverso il proprio stile di vita, del padre del deserto. Così come non ha mancato di evidenziare il parroco, il sacerdote Mariusz Starczewski, durante l’omelia della messa solenne della mattina. “Un santo – ha detto padre Mariusz – che ha preso a cuore quello che il Signore dice nel Vangelo. Sant’Antonio è stata una persona che ha trascorso la propria vita calibrandola sulla parola di Dio, ponendola in rilievo come parola vera e autentica. Una scelta che Sant’Antonio ha maturato durante la propria maturità, quando una persona sa quello che vuole fare nella via, sperimentando la potenza del messaggio divino”. Il suono a festa delle campane delle chiese cittadine ha dato il segnale più evidente della giornata di letizia sotto il segno di Sant’Antonio abate. In serata, il seicentesco simulacro è stato ricollocato nell’apposita cappella, ma a porte chiuse, così come disposto nel decreto vescovile del giugno scorso. Il comitato ha ringraziato i cittadini che hanno contribuito alla buona riuscita della festa, oltre agli sponsor che hanno sostenuto la lotteria (già individuati i vincitori dei due numeri vincenti). Ringraziamenti anche alle autorità civili e militari. Nei giorni scorsi, l’impresa ecologica Busso Sebastiano aveva effettuato un’azione di pulizia straordinaria tutt’attorno alla basilica per assicurare una migliore accoglienza ai fedeli che hanno partecipato alle varie celebrazioni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI