Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 09 Giugno 2023

Book Baby Boom: partita l…

Mag 04, 2023 Hits:1210 Crotone

Al via il progetto Book B…

Apr 22, 2023 Hits:1571 Crotone

Il "Ciliberto" …

Apr 22, 2023 Hits:1711 Crotone

Crotone in Fiore abbelisc…

Apr 22, 2023 Hits:1540 Crotone

Giovanissima si, ma con e…

Apr 05, 2023 Hits:1616 Crotone

Il progetto “Book Baby Bo…

Mar 31, 2023 Hits:2016 Crotone

Daniel Dramisino, virtuos…

Mar 25, 2023 Hits:1693 Crotone

Il futuro del Ragusa Calcio è appeso a un filo

“Bisognerebbe che invece di chiudere la porta in faccia alla squadra più che alla società, come è accaduto nella giornata di mercoledì con i battenti serrati dello stadio di contrada Selvaggio, l’Amministrazione comunale si attivasse con urgenza per capire che cosa sta accadendo in seno al Ragusa calcio. Prima che sia troppo tardi”. E’ quanto sostiene il consigliere comunale di Territorio, Angelo Laporta, che, sollecitato da alcuni tifosi, oltre a potere vantare un passato di calciatore, interviene sull’argomento che in queste ultime ore sta tenendo banco nelle vicende sportive della città. “Siccome abbiamo compreso che questa dirigenza è evanescente – prosegue Laporta – propongo di convocare un tavolo che, anche attraverso il coinvolgimento del Coni, che è tenuto a monitorare le vicende del movimento sportivo, faccia il punto della situazione e, soprattutto, decida, se possibile unanimemente a questa dirigenza, di attivare un percorso condiviso per superare la difficile situazione. Non è possibile leggere sui giornali che ci sono tifosi che, avendo a cuore le sorti della squadra di calcio della loro città, si sono autotassati per pagare il ristorante ai calciatori. E la società che fa? Perché nessuno ha pensato di verificare le referenze di queste persone? E’ mai possibile che ci si trovi impelagati in una situazione del genere? Siamo così certi che non si possano trovare altre soluzioni, che non ci siano altri imprenditori, magari ragusani, che vogliano gestire la squadra anche con il supporto dell’amministrazione comunale? Da quello che andiamo sentendo, il calcio, a Ragusa, sembra destinato verso il baratro. E ritengo che si debbano fare tutti gli sforzi possibili e inimmaginabili per evitare questa situazione di sfacelo. Perché la squadra di calcio è un patrimonio dell’intera città, una realtà che consente di promuovere il nome di Ragusa a tutte le latitudini”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI