Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 09 Marzo 2021

A Riccione exploit di Enzo Foglia

image2Può una città di mare bella come Crotone non avere nuotatori di livello nazionale? Assolutamente no! E infatti gli atleti di grande classe ce li abbiamo eccome. E hanno scelto un palcoscenico dal fascino straordinario come quello di Riccione per dimostrare i loro valori. Anche quest’anno, dal 24 al 28 giugno, è stata Riccione mania con quasi 4 mila atleti iscritti e 13 mila gare disputate oltre alle staffette (quasi mille). La bandiera della nostra città è stata tenuta alta da Gabriella Latini, Franco Garofalo, Antonio Rodio, Antonio Liperoti, Antonio Pignata (medaglia di bronzo nei 400 sl), Daniele Paonessa (campione italiano nei 200 sl) e dalla punta di diamante, Enzo Foglia che ci ha concesso gentilmente un’intervista.

Professore Foglia, dopo anni di inattività agonistica e di lavoro silenzioso come istruttore di nuoto per i giovani, ora ci ha provato gusto. L’anno scorso, sempre a Riccione, arrivò primo nei 100 rana e secondo nei 50 rana, ma quest’anno ha quasi superato se stesso rischiando persino di essere l’atleta più medagliato di questa prestigiosa manifestazione. Infatti ha vinto i 100 rana col tempo straordinario di 1,25.70 e poi anche i 200 rana (3,10.01).

È vero, ma sono arrivato secondo per un solo centesimo nei 50 sl col tempo di 30,32 e poi, ancora, ho conquistato un oro con la mistaffetta mista (2 uomini e 2 donne ndr), nuotando la mia frazione a rana, un argento con la staffetta maschile 4x50 (sempre frazionista a rana) e un bronzo con la staffetta maschile 4x50 sl.

image7

Caspita, quindi ben 6 medaglie! Peccato per quel centesimo nei 50 sl; avrebbe potuto vincere anche in quella che non è la sua specialità.

Sì, credo di essere entrato in vasca senza la necessaria convinzione non essendo questa la mia gara preferita. Però, non ho rimpianti, posso ritenermi davvero molto soddisfatto.

I risultati sono davvero incredibili, soprattutto se pensiamo che nella sua categoria (60-65), quest’anno è “salito” qualche atleta più giovane con una differenza di età di ben 4 anni che probabilmente pensava di avere vita più facile.

Evidentemente non è stato così. In teoria avrei dovuto avere meno chances, in pratica... ho vinto.

Ma a cosa è dovuto questo exploit rispetto all’anno scorso?

Ci tengo a sottolineare che sono presidente della Nuoto Libertas Crotone, ma ho gareggiato con la Flaminio Sporting club di Roma. L’anno scorso ho seguito un allenamento “fai da te”, al massimo facevo 2 mila metri per tre volte alla settimana. Quest’anno invece ho svolto un allenamento con carichi diversi anche se sempre per tre volte alla settimana; a una certa età anche il riposo è allenamento. Devo ringraziare l’allenatore romano e l’allenatrice della nostra Libertas crotonese che hanno collaborato per permettermi di arrivare a questi livelli.

Quindi è arrivato a questo appuntamento in grande forma.

Veramente non è proprio così. Dopo un anno di allenamento negli ultimi giorni sono incorso in una contrattura all’adduttore sinistro; ho temuto di non poter partecipare, ma grazie a terapie e riposo il problema è rientrato. Anzi, credo che probabilmente sia stato meglio perché il fisico è arrivato più riposato all’evento.

image9

Rispetto allo scorso anno come ha gestito le emozioni?

Molto meglio; mi sono sentito veramente a mio agio e poi devo ringraziare i compagni del Flaminio Sporting che mi hanno supportato, dagli spalti mi incoraggiavano, c’era proprio un tifo da stadio. Insomma ho gareggiato in un clima goliardico e questo mi ha rasserenato, mi ha tolto ogni tensione pre-gara.

Un cruccio, però, credo che dobbiamo averlo. Come mai i nostri giovani non riescono ad emergere? Come mai per molti della vostra generazione invece non esiste l’andare in pensione?

Penso che i giovani di oggi difficilmente saranno disposti a fare i sacrifici che abbiamo fatto noi. Manca la passione per ogni cosa dalla quale poi scaturisce l’impegno, la volontà, la perseveranza, la rinuncia e sono proprio questi valori che ti permettono di ottenere risultati nella vita, in qualsiasi campo.

Papa Francesco, recentemente, nel suo viaggio a Torino, incontrando i giovani ha affermato «che è brutto vedere un giovane “fermo”, che vive [...] come un vegetale. [...] Ma sapete che a me danno tanta tristezza al cuore i giovani che vanno in pensione a 20 anni! [...] quello che fa che un giovane non vada in pensione è la voglia di amare, la voglia di dare quello che ha di più bello lʼuomo, e che ha di più bello Dio». Lei sicuramente non è andato in pensione a 20 anni.

Ne sono convinto anch’io. Oggi molti giovani vivono in un mondo virtuale, quello di internet, non sanno cosa sia la vera amicizia e il rispetto. E comunque io ancora oggi non ho intenzione di andare in pensione. Voglio vivere la vita in pienezza come ho sempre fatto. È questo che dà il gusto e la gioia di vivere.

Devo dire che la sua gioia è contagiosa. Allora cosa possiamo dire ai giovani?

Di praticare lo sport che ti fa acquisire un maggiore senso di responsabilità, migliora l’autostima e lo spirito di squadra, quindi ti predispone all’amicizia, quella vera.

Considerato che non ha intenzione di andare in pensione, ha mai pensato di partecipare agli europei o ai mondiali?

Sì, ma è un po’ difficile. L’impegno economico sarebbe gravoso sia per la società che per noi atleti e, ad ogni modo, stiamo facendo un pensierino non tanto per i Mondiali in Kazan, ma per gli Europei a Londra del prossimo giugno 2016. Per me sarebbe una grande opportunità dovendo gareggiare per il primo anno nella categoria 65-70.

Beh, allora in bocca al lupo mister palombella!

image11

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI