Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 03 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:100 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:238 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:320 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:374 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:370 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:540 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:574 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:753 Crotone

Studenti del Verga di Modica allietano i pazienti dell'ospedale

Un gruppo di giovani musicisti in giro, ieri pomeriggio, per le corsie e i reparti dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Musica anche al pronto soccorso. Più volte il gruppo si è fermato e ha incominciato a intonare melodie celebri che hanno catturato l’attenzione dei pazienti, dei familiari degli stessi oltre che dei medici e degli operatori sanitari. E’ stato un pomeriggio speciale quello di ieri che, idealmente, si è ricollegato all’iniziativa di sabato 8 febbraio quando l’associazione Cantus Novo, al termine della santa messa, ha tenuto un concerto. Ieri, l’appuntamento promosso dall’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, denominato “La cura tra le note. Musica e melodie nei reparti dell’ospedale Giovanni Paolo II”, ha rappresentato il secondo capitolo di questo viaggio musicale che ha visto per protagonisti alcuni studenti dell’istituto superiore liceo musicale Giovanni Verga di Modica diretti dal maestro Giovanni Giaquinta, lo stesso direttore di Cantus Novo. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con l’Asp di Ragusa. “Che dire – sottolinea il direttore dell’ufficio, don Giorgio Occhipinti – una sensazione meravigliosa e speciale. Avere la possibilità di ascoltare musica suonata dal vivo, e poi in maniera così attenta e melodiosa, in un luogo dove di solito è la sofferenza a farla da padrone, ha fatto da giusto contrappunto a quella che deve essere l’attenzione di tutti nei confronti dei pazienti, di chi è malato e chi sta attraversando un momento particolare per quanto riguarda la salute. I pazienti sono persone che hanno bisogno della massima attenzione e che, soprattutto, devono essere curati con la maggiore umanità possibile. Ecco, l’umanizzazione delle cure, è questa la frontiera verso cui si protende sempre di più nel futuro. Voglio ringraziare i ragazzi e il maestro Giaquinta perché sono stati meravigliosi. Un’esperienza straordinaria che speriamo di ripetere al più presto”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI