Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 25 Settembre 2018

Aeroporto: "Questa p…

Set 24, 2018 Hits:153 Crotone

Lega: Per Sculco e per i …

Set 24, 2018 Hits:170 Crotone

Le creazioni di Affidato …

Set 21, 2018 Hits:308 Crotone

Maria Taglioni: Beatrice …

Ago 28, 2018 Hits:1089 Crotone

Grande concerto al Museo …

Ago 28, 2018 Hits:1001 Crotone

Forever young: Enzo Fogli…

Ago 06, 2018 Hits:2410 Crotone

Giornate del Cinema Lucan…

Lug 31, 2018 Hits:2263 Crotone

Investimenti pubblici per le imprese del Mezzogiorno

In primis, diciamo che una boccata di ossigeno per le imprese del Mezzogiorno è giunta il 6 ottobre scorso: in concreto si tratta del Pes-Piano export Sud II, gestito e coordinato dall’Ice-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Stiamo parlando di un programma di sostegno di oltre 50 milioni, a valere sui Fondi del Pon Imprese e Competitività, del periodo 2014-2020, ad opera del Ministero dello Sviluppo Economico. La sfida ha una duplice finalità: 1) quella di trasformare aziende potenzialmente esportatrici, in esportatori abituali; 2) quella di incrementare la quota di esportazione, sul totale nazionale, ascrivibile alle Regioni del Mezzogiorno. Le piccole e medie imprese localizzate nelle Regioni meno sviluppate del Sud (Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia) potranno disporre della gran parte dei suddetti Fondi, ovvero, l’88%, rispetto a quelle localizzate nelle Regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) che hanno fatto registrare un Pil Pro-capite migliore, compreso tra il 75% e il 90% della media europea. Ancora, il focus degli interventi ministeriali è concentrato sui comparti considerati prioritari: l’agro-alimentare, vini, moda, mobilità, arredo, costruzioni, l’alta tecnologia e l’energia i quali, saranno sviluppati tutti, secondo la logica della filiera. E dulcis in fundo, diciamo che stando agli ultimi dati dell’Istat, in termini di export, questi settori hanno inciso, nel 2016, per oltre 22 miliardi di euro, con un’incidenza sul dato nazionale pari al 9,3%; una percentuale questa, in crescita, rispetto all’8,7% del 2015.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI