Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 24 Settembre 2018

Emergenza immigrazione

È tornata l'emergenza migranti a Udine. Da quando si è riaperta la rotta balcanica, il flusso migratorio in Friuli Venezia Giulia e nel capoluogo friulano è ripreso con vigore Migranti, Udine chiama Salvini: "Sono troppi, intervieni"

Come riporta il Messaggero Veneto, il numero degli ospiti all'ex caserma Cavarzerani è aumentato all'improvviso da 200 a 318, sfiorando il limite delle 320 presenze stabilito dal nuovo bando per la gestione della struttura di accoglienza. "Nell'ultima settimana gli arrivi sono raddoppiati - ha sottolineato il presidente del comitato provinciale della Croce Rossa, Sergio Meinero -. Prima dieci, ieri quattordici e se andrà avanti così sicuramente sforeremo nelle prossime ore il numero consentito".

Secondo l'intesa Viminale-Anci, a Udine dovrebbero essere presenti non più di 250 migranti. Invece in città ci sono circa 700 rifugiati, la maggior parte collocati con il sistema Aura (Accoglienza Udine richiedenti asilo) che terminerà a dicembre sec ondo il volere della nuova giunta

Intanto una barca diretta in Europa con a bordo 158 migranti, tra cui 34 donne e nove bambini, è stata intercettata ieri dalla guardia costiera della Libia al largo della città di Khoms. Lo ha reso noto la stessa guardacoste libica. I migranti, hanno sottolineato, hanno ricevuto aiuti umanitari e assistenza medica e sono stati portati in un campo profughi a Khoms.

"Le badanti a causa dei restringimenti previsti per gli immigrati e dello stop dei flussi sono diminuite. Ho sollevato al presidente Conte la questione, proponendo di inserire nel decreto flussi non meno di 50 mila visti per motivi di lavoro. Le badanti non vengono più e questo comporta un problema per gli anziani. Senza di loro, senza l'assistenza domiciliare o senza la creazione di forme alternative di co-housing non possono piu stare a casa loro, c' é un tasso di mortalità in aumento". E' l'sos lanciato dal presidente della comunità di Sant'Egidio Marco Impagliazzo.

Nonostante la linea dura dell'Italia, le Ong sfidano il governo e tornano a scandagliare il Mediterraneo alla ricerca dei barconi carichi di migranti che cercano di lasciare la Libia per arrivare in Europa

A denunciarlo questa mattina è Matteo Salvini che pubblica sulle sue pagine social  la mappa delle navi delle organizzazioni non governative. Se sei - dalla Aquarius alla Iuventa, dalla Lifeline alla Sea-Watch3, dalla Sea Eve alla Seefuchs - sono ferme in vari porti (tre a Malta, una in Italia, una in Tunisia e una in Francia), due hanno ripreso il largo. Sono le spagnole Open Arms e Astral che navigano in acque internazionali tra la Sicilia e la Libia.

"Due navi di Ong spagnole sono tornate nel Mediterraneo in attesa del loro carico di esseri umani", ricorda quindi Salvini. Che le avverte. "Risparmino tempo e denaro, i porti italiani li vedranno in cartolina".

"L'Europa che poteva essere un'opportunità in questo momento su tanti fronti è un problema, pensiamo a migranti, banche, politica agricola, sanzioni alla Russia". Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini a margine dell'inaugurazione della nuova Questura di Fermo. "A Bruxelles hanno capito che finalmente in Italia c'è un governo disposto a tutto pur di difendere l'interesse nazionale - ha aggiunto -, ci saranno i sì da dire e li diremo, se per il bene del Paese dovremo dire dei no, siamo pronti a farlo".

La Spagna ha superato l'Italia per numero di arrivi di migranti dall'inizio dell'anno al 15 luglio: 18.016 quelli sbarcati sulle coste spagnole, lungo la rotta del Mediterraneo occidentale, rispetto ai 17.827 arrivati attraverso la rotta centrale dalla Libia all'Italia. Sono i dati diffusi oggi dall'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (Oim). 

In Spagna non si ferma intanto l'emergenza, con oltre 892 persone tratte in salvo nel solo fine settimana al largo delle coste andaluse. 

"L'Europa che poteva essere un'opportunità in questo momento su tanti fronti è un problema, pensiamo a migranti, banche, politica agricola, sanzioni alla Russia". Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini a margine dell'inaugurazione della nuova Questura di Fermo. "A Bruxelles hanno capito che finalmente in Italia c'è un governo disposto a tutto pur di difendere l'interesse nazionale - ha aggiunto -, se per il bene del Paese dovremo dire dei no, siamo pronti a farlo". Il ministro che ha definito "una buona notizia" il disgelo tra usa e Russia, vorrebbe ospitare il prossimo vertice Trump-PUtin "in Italia" e spera che riprendano le vendite delle eccellenze italiane, e marchigiane, in Russia, dopo le "sanzioni senza senso" che hanno portato "un danno economico non indifferente. Una follia chiudere mercati che amano il Made in Italy. Anche perché per assurdo l'Italia è quella che ci ha smenato di più mentre Usa, Germania e Francia hanno aumentato il loro business. C'è qualcosa che non torna".

Intanto come riferisce il quotidiano Il Giornale Il procuratore capo, Armando Spataro, ha inviato oggi il terzo sollecito - i primi due vennero mandati all'ex Guardasigilli Andrea Orlando, ma non avevano ottenuto risposta - ad Alfonso Bonafede, dal momento che il fascicolo di indagine è stato aperto per vilipendio all'organo giudiziario e per questo deve essere vagliato dal ministro competente, che può autorizzare o meno i pm a procedere.

Il caso risale al 2016, quando il leader della Lega, oggi vicepremier e ministro dell'Interno, parlò di "magistratura schifezza" durante un comizio. Allora Salvini si difese sostenendo che "ci sono tanti giudici che fanno benissimo il loro lavoro", ma che "purtroppo è anche vero che ci sono giudici che lavorano molto di meno, che fanno politica, che indagano a senso unico e che rilasciano in 24 ore pericolosi delinquenti". "Finché la magistratura italiana non farà pulizia e chiarezza al suo interno, l’Italia non sarà mai un Paese normale", aveva sottolineato.

Dal ministero assicurano che, come su altri fascicoli inerenti fatti analoghi, "è in corso un'istruttoria e il Guardasigilli - che conosce la situazione, il quadro legislativo a cui fa riferimento la procedura con tutte le relative tempistiche - è pienamente consapevole delle prerogative connesse al suo ruolo".

La Boldrini torna in cattedra: "Salvini cinico e disumano : "Questo governo dà indirettamente la libertà di sparare al grido "Salvini Salvini", di pestare un dipendente di colore "perché adesso c'è Salvinì; è composto da oltre 60 membri di cui solo 11 sono donne. Stiamo andando indietro di decenni: siamo diventati i Sauditi d'Europa", ha tuonato l'ex presidente della Camera. Che poi ha aggiunto: "Questo governo non ha più pudore, né remore, né tabù: quello che pensavamo che non si potesse mai dire o sentire, invece viene detto e noi siamo ad ascoltarlo. C'è una vera e propria caccia al migrante che rimette in discussione il principio più antico del soccorso in mare. Questo governo vuole mirare a scoraggiare il soccorso. 'Fate finta di non vedere, perché poi sono affari vostri'".

Per rincarare la dose del suo attacco, la Boldrini si è accodata alla petizione lanciata dal leader di Possibile, Giuseppe Civati, per chiedere una mozione di sfiducia contro il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. "Un’ottima iniziativa di partecipazione per raccogliere voci in disaccordo con le scelte ciniche, razziste, disumane, oltre che inconcludenti di Matteo #Salvini. Mi adopererò per dare seguito alla richiesta in Parlamento", ha motivato l'ex presidente della Camera.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI