Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:789 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1449 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:974 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1676 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2431 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1944 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1931 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1885 Crotone

Ultimatum Ue: L'Italia ha due giorni per trovare 3,4 miliardi

Mercoledi arriverà l'atteso rapporto sul debito e il 'rapporto paese', che tornerà a puntare il dito, tra l'altro, sui problemi delle banche e sul ritardo di competitività.Noto è però che, al netto di quello che succederà a Bruxelles tra oggi e mercoledì, i tempi dell'intervento italiano potrebbero dilatarsi rispetto alle richieste dei commissari Ue ed arrivare a ridosso della presentazione del prossimo Documento di Economia e Finanza. Il rischio è altrettanto noto: l'Italia potrebbe incappare nella 'censura' Ue ed essere sottoposta a procedura di infrazione. Il tutto con un aggravio notevole di costi soprattutto sul fronte dei tassi.

Tutto è possibile, non c'è ancora nulla di definito. Ma di certo non ci sarà l'aumento delle accise sulla benzina": così una fonte di governo descrive lo 'stato dell'arte' sugli interventi che l'esecutivo sta studiando per recuperare i famosi 3,4 miliardi che Bruxelles chiede a Roma di mettere ulteriormente sul piatto per salvaguardare l'equilibrio dei conti. Un equilibrio che da oggi il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan andrà ad assicurare ai partner Ue durante la riunione dell'Eurogruppo.

Dall'Italia non arriveranno nuovi dettagli alla Commissione sulla manovra entro mercoledí, data di pubblicazione del rapporto sul debito. Rispondendo a chi gli chiedeva se ci si può aspettare nuovi dettagli entro mercoledí, il ministro ha detto "non credo, tutte le informazioni sono state già anticipate nelle winter forecast in cui, nella scheda italiana, si prende atto dell'impegno del Governo a fare un aggiustamentone. Quindi mi aspetto che questo sia il messaggio".

"L'aggiustamento è strutturale e quindi anche eventuali miglioramenti delle stime, che si possono peraltro prevedere, non hanno impatto sull'aggiustamento strutturale": lo ha detto il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan a chi gli chiedeva se l'entità della manovra chiesta della Ue (3,4mld) possa cambiare

Oggi, al di la dell'ufficialità, gli incontri di Padoan saranno tutti dedicati a spiegare alla Commissione e agli altri stati europei, soprattutto la Germania, il dettaglio della correzione dello 0,2% del deficit, come richiesto dall'esecutivo europeo. La lettera ufficiale inviata da Roma non è sufficiente.

Escluso che Bruxelles sia disposta a concedere sconti rilevanti. Si era parlato di una riduzione della manovra da 500 milioni grazie alla crescita del Pil 2016 superiore alle aspettative, ma la Commissione non è disposta a concedere ricalcoli.

Ma ad aggravare la situazione italiana sarebbe l'aumento dei tassi di interesse. I rendimenti sui titoli di stato italiani sono in crescita a causa dell'instabilità dello scenario internazionale. Il rapporto dovrebbe toccare anche questo nodo, anche se le responsabilità in questo caso non sono da attribuire a scelte del governo. Le ricadute economiche delle vicende politiche internazionali, dalla Brexit alle incertezze negli Stati uniti, potrebbero essere dei «fattori rilevanti» per giustificare l'aumento continuo del debito pubblico italiano.

L'unica speranza per l'Italia è che a Bruxelles si facciano delle valutazioni politiche e ci venga concesso un trattamento di favore. Uno dei timori maggiori nella Commissione europea e tra gli stati membri è che l'Italia diventi politicamente inaffidabile e l'esecutivo europeo non vorrebbe incentivare l'instabilità. A nostro favore potrebbe giocare anche la situazione greca. Oggi Atene cercherà di ottenere dall'Ecofin la terza tranche di aiuti, ma le premesse non sono incoraggianti. Troppi focolai di instabilità nel sud Europa finirebbero per rafforzare chi vuole una Unione a due velocità. Altro scenario che la Commissione vuole evitare.

Una nota positiva arriva dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. Visitando i comuni colpiti dal terremoto ha annunciato che dall'Europa ci sarà «un aiuto concreto, fino a 2 miliardi per la ricostruzione». L'auspicio di Tajani è che si facciano soprattutto «opere di prevenzione ambientale dai terremoti e dai disastri naturali».

"Gli italiani porteranno ancora pazienza, perchè noi italiani siamo così, siamo persone per bene. Ma tutto ha un limite. Il limite è settembre, quando i parlamentari, dopo tutta questa farsa, si intascheranno finalmente la pensione. A quel punto la pazienza sarà esaurita. Ci sarà l'armageddon dei partiti". E' quanto si legge in un post sul blog di Beppe Grillo dal titolo "La pazienza degli italiani ha un limite #LasciatemiVotare", ribadendo il voto a giugno. Il post si chiude sulla falsariga di "L'italiano" di Toto Cutugno.

"Se è vero che la pazienza è la virtù dei forti - premette il post - gli italiani sono i più forti del mondo. Stanno dimostrando una calma incredibile nei confronti del governo e del partito che il governo ce l'ha in mano: il Pd. Pensate per un attimo a quello che stiamo subendo. Il Paese sta sempre peggio: disoccupazione, povertà, debito pubblico, imprese che chiudono, licenziamenti, pensioni da fame, giovani che fuggono.Uno scenario apocalittico. Da quando è iniziata la legislatura, durante la quale si sono succeduti tre premier che non hanno avuto alcuna legittimazione popolare, il Pd di governo si è occupato solo di salvare le banche demolendo i risparmiatori, di fare favori alle lobby del gioco d'azzardo e del petrolio, di fare tagli alla sanità e alla scuola, di abolire i diritti dei lavoratori, di fare una riforma costituzionale dannosa e giustamente bocciata dagli italiani, di fare una legge elettorale antimovimento5stelle salvo ripudiarla quando si sono resi conto che così non era e infine vederla demolita dalla Consulta. Quattro anni buttati al cesso".

"Quattro anni - insiste - di megastipendi a deputati e senatori che hanno lavorato solo per i propri partiti pigiando bottoni a chiamata. Quattro anni di rimborsi elettorali: 45,8 milioni di euro solo per il Pd. Dopo il 4 dicembre hanno detto che sarebbero andati via e che si sarebbe votato e invece ecco Gentiloni. E dagli italiani pazienza. Gentiloni doveva essere temporaneo e invece ora il Pd lo ha blindato garantendo che arriverà fino al 2018. E ancora pazienza. In questi giorni si sta consumando la scissione del Pd. Mentre il Paese si disintegra, il presidente del Consiglio si trastulla insieme al partito di governo in una spartizione di poltrone e poteri personali. L'italiano guarda, forse impreca, ma porta ancora pazienza, si rimbocca le maniche e continua ad andare avanti, ha altro a cui pensare; 'la troveranno una soluzione' pensa, 'mi lasceranno votare prima o poi'. Non sarà così. I mesi che ci attendono saranno devastanti. Il Pd non ha nessuna soluzione per il Paese, pensano alle banche degli amici, alle multinazionali che li finanziano e alle poltrone di parenti e colleghi. 

Gli italiani porteranno ancora pazienza, perchè noi italiani siamo così, siamo persone per bene. Ma tutto ha un limite. Il limite è settembre, quando i parlamentari, dopo tutta questa farsa, si intascheranno finalmente la pensione. A quel punto la pazienza sarà esaurita. Ci sarà l'armageddon dei partiti. L'italiano vorrebbe evitare di perdere le staffe, "lasciatemi votare" pensa "lasciatemi votare e fatemi scegliere il futuro che voglio per il Paese. Non tirate troppo la corda" Non provocate oltre il popolo. Si può andare al voto a giugno approvando la proposta del M5s per la legge elettorale a marzo e ad aprile sciogliere le camere. Se andate oltre (con le vostre beghe, con un premier invisibile, per prendervi la pensione) gli elettori se lo ricorderanno". Quindi i "versi" sulla falsariga della canzone di Cotugno: "Lasciatemi votare/con la matita in mano/lasciatemi votare/un programma serio e sano/Lasciatemi votare/perché ne sono fiero/ sono un italiano/un italiano vero".

Beppe Grillo, oggi a Roma, e Virginia Raggi potrebbe tenersi nel tardo pomeriggio in Campidoglio oppure domani mattina. Al centro dell'incontro potrebbe esserci anche la posizione del M5S sullo Stadio della Roma a Tor di Valle.

E proprio sul vincolo potrebbe aprirsi un nuovo capitolo. Il decreto ministeriale, annunciato dal ministro Dario Franceschini e in via di pubblicazione, prevede l'unificazione della soprintendenza a direzione di Margherita Eichberg (quella all'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma che ha avviato l'iter di vincolo) con quella per l'area centrale di Roma attualmente guidata da Francesco Prosperetti. Proprio lui potrebbe 'ereditare' il procedimento avviato per vincolare l'Ippodromo di Tor di Valle. Tutti elementi che i pentastellati dovranno ben valutare, magari anche con il supporto dell'Avvocatura capitolina, prima di definire una volta per tutte la linea del Campidoglio.

Intanto Davide Casaleggio, a Roma da ieri sera con Beppe Grillo, ha lasciato alle 8 di questa mattina l'albergo che lo ospita per recarsi al Senato dove ha avviato una serie di incontri per la messa a punto del programma elettorale del M5s. Grillo è invece ancora in albergo dove ha ricevuto parte dello staff della comunicazione.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI