Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 25 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:514 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1248 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1983 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1514 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1492 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1461 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1735 Crotone

Villa Bellini vandalizzata

1370938327376

Il Giardino Bellini è (e forse visto come vanno le cose resterà per sempre) l’emblema della trasfigurazione e del declassamento dei beni culturali e paesaggistici della città e conseguentemente della pessima gestione e conservazione dovuta principalmente ad una profonda insensibilità ed ignoranza istituzionale che direttamente o indirettamente va a vantaggio della speculazione e contro gli interessi della collettività e della storia culturale e artistica della città. Un marchio di infamia – afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia - SOS beni Culturali - che rischia di restare indelebile se non si cercherà di ripristinare i luoghi della ‘Villa’ scempiati (per cui da tempo abbiamo chiesto alle autorità competenti che vengano riportati al loro antico splendore anche a prima della fantomatica ‘riqualificazione’ del Giardino costata peraltro ai cittadini decine di milioni di euro ma come sempre senza esito) a partire dallo sventramento che ha stravolto la collina sud del Giardino dove è stato aperto con l’intervento delle ruspe un enorme cratere cementificato trasformato , in quanto si presterebbe visto lo sconcio architettonico, in un contenitore di rifiuti e di scritte di vernice. Stravolgimento che ne ha cancellato le sue antiche vestigia e l’identità architettonica e botanica e che sicuramente rischia di declassare il Giardino Bellini, considerato fino a poche decine di anni fa tra i più bei giardini storici d’Europa rimasti integri nei secoli trascorsi grazie alla lungimiranza delle istituzioni pubbliche. Per non parlare del padiglione della musica ri-restaurato per l’ennesima volta dopo pochi anni dal precedente restauro o che tale doveva essere e il tutto nel massimo silenzio delle istituzioni responsabili locali Ma quante volte è stato pagato dai cittadini tale restauro in pochi anni? Così come tanti altri aspetti del Giardino: Casina e labirinto ipogeo del Principe Biscari, mosaici dei segni zodiacali della collina nord e così via, rimasti non restaurati e nel degrado come invece avrebbe previsto l’appalto finanziato dall’U.E.! Ovvero quando il ‘vandalismo’ istituzionale supera di gran lunga quello di incivili ignoti!

Aspetto prioritario per chi deve gestire il patrimonio culturale ma quasi del tutto assente in Sicilia grazie in prevalenza al legame ‘politico’ tra istituzioni politiche e soprintendenze ai beni culturali in quanto ancora oggi il responsabile di tale istituzione viene nominato dalla Governo regionale ed ovviamente, se non in casi rari, a seconda della loro vicinanza politica al Presidente o all’Assessore competente di turno e , comunque, fino a quando questo non pestare i piedi ad altri politici o istituzioni (come per dire: chi riesce a restare al suo posto non avrebbe mai rischiato di pestare i piedi a qualcuno che conta).

Da tempo si chiede alle istituzioni regionali spesso più che sorde, così come è stato realizzato in questi mesi a livello nazionale dal Ministro ai Beni Culturali per quanto attiene siti archeologici e musei statali, che l’incarico di Sovrintendente o di responsabili dei musei regionali venga espletato tramite selezione internazionale che tenga conto dei titoli accademici acquisiti ed alle esperienze in altre strutture consoni e di livello internazionale il tutto, ovviamente, esaminato da una commissione di esperti superpartes distanti anni luce da manipolazioni politiche e dalla stessa Regione.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI