Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 26 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1247 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1282 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1557 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2255 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2661 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2729 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2501 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3538 Crotone

Srr ed Aro, il futuro nell’ambito della gestione rifiuti in Sicilia

Due mesi, gli ultimi rimasti, per far fede a quanto imposto dalla legge regionale 9 del 2010. Gli ATO al 30 settembre concludono la loro vita, al loro posto arrivano le SRR (Società per la Regolamentazione dei Rifiuti) e le ARO (Aree di Raccolta Ottimale).

A che punto siamo nel catanese? Costituta, da qualche settimana la SRR “Catania area metropolitana”, della quale fanno parte 28 Comuni (in esso sono compresi tutti i Comuni dell’ATO Simeto Ambiente (escluso Adrano), si va avanti, ora per l’organizzazione, nel dettaglio, del servizio.

Entrano qui in gioco le ARO che, come prevede la normativa, possono essere costituiti dai Comuni in formula singola o associata.

Il Dipartimento regionale dei Rifiuti ha emanato, appena pochi giorni fa, uno schema di convenzione per quelle realtà territoriali che scelgono di unire le loro forze, creando piccoli consorzi per la gestione del servizio rifiuti.

Non ancora chiaro quali Comuni sceglieranno questa formula, e quali propenderanno per la formula singola o associata.

Si corre perché in questo frangente occorre redigere il piano d’ambito e poi, bisogna pensare a bandire la gara o più gare d’appalto per la gestione dell’attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Il sistema ha bisogno di tornare ad essere svolto cancellando il carattere di eccezionalità di questi mesi. Molti Comuni, infatti, stanno gestendo l’attività dietro ordinanza sindacale contingibile ed urgente, con servizi affidati a nuove ditte dopo aver provveduto ad effettuare gare esplorative.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI