Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 13 Novembre 2018

Progetti concreti per ridurre il divario Nord-Sud

In primis, diciamo che l’Ocse, ha puntato i riflettori sulle annose disparità economiche regionali italiane; il Rapporto dell’Ocse emette un verdetto impietoso: “Le già ampie disuguaglianze economiche regionali sono aumentate negli ultimi sedici anni, nel senso, che le regioni più povere del Sud, hanno perso, ancora, terreno di crescita”.  Nel corso del 2018, il Mezzogiorno ha confermato la sua posizione di area geografica sottosviluppata, più vasta e popolata d’Europa. Nel particolare, è il lavoro, su tutti, il tasto davvero dolente, con il Tacco d’Italia che, nello specifico, segna una ulteriore battuta d’arresto: alle spalle del tasso di disoccupazione dei giovani della Calabria, pari al 55,7%, tra i più alti dell’intera Ocse, spicca, infatti, con livelli superiori al 50%, il dato che affligge la Puglia, in coda alla classifica, insieme, a Campania e Sicilia. Ancora, la salute intesa come aspettativa di vita, è al top italiano nella provincia di Trento, mentre la Campania è sul lato opposto della graduatoria. A questo punto, noi diciamo che l’Italia ed il Mezzogiorno, oggi, non hanno, assolutamente bisogno di promesse politiche, teoriche, mentre, a nostro modesto avviso, per combattere questo divario Nord-Sud d’Italia, in evidente crescita, la sfida, a Roma, in Parlamento, deve puntare a risposte straordinarie e a progetti concreti, per lo sviluppo dell’intero Paese.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI