Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 16 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:116 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:335 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:472 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:641 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1514 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1394 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5057 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1786 Crotone

Vilma Campitelli e Antonella Barbarossa regalano sensazioni e atmosfere di tempi passati

Mai, come Domenica 24 febbraio avevamo avuto la sensazione e la piacevole consapevolezza, che l’Auditorium del liceo musicale “ O stillo “ fosse e si rivelasse un vero salotto artistico d’altri tempi.

Le due artiste Vilma Campitelli, Flauto e Antonella Barbarossa, pianoforte sono state capaci di regalare, al numerosissimo pubblico presente, formato in prevalenza da giovani studenti futuri musicisti, sensazioni e atmosfere di tempi passati

La scelta di un programma fatto di pezzi brevi ma molto intensi sotto il profilo dell’impatto emotivo, brani che parlavano al cuore prima che all’udito, supportati da una esecuzione a dir poco perfetta, è stata la carta vincente che ha tenuto inchiodati in sala tutti gli astanti, rapiti al punto che anche un respiro più intenso avrebbe certamente disturbato.

Un duo Campitelli- barbarossa, che sembrava respirare insieme, fuse in una simbiosi artistica la cui esecuzione sembrava scaturire da un unico elemento.

Un duo, la cui esecuzione era pensata non in forma metodologica, ma individuando per ogni partitura la trasposizione strumentale più adatta.

Una ricchezza timbrica rivelatrice dove ogni nota rivela un caleidoscopio di sensazioni non banali ma solo di servizio

Piani sonori delineati dal dialogo fra i due strumenti che creavano armonie antiche e ancestrali.

Rotondità di suono che plasmavano molteplici cambi d’umore delle melodie presentate

L’antico e il moderno in un dualismo sempre più pregnante nello scavare in fondo all’anima

Il programma, dicevamo che partiva da composizioni del ‘700 per concludersi con la presentazione ed esecuzione di una prima assoluta della compositrice Eva  Lopszyc (“Preghiera degli angeli”) comprendeva:

T. Paradis – “Sicilienne” (trascriz. per flauto e pianoforte di P.Paubon), G. Tailleferre – “Pastorale”, A. Casella – “Barcarola”, L. Boulanger – “Nocturne”, M.Ravel – “Pasvane pour une infante defunte”, C.Bolling - dalla Suite California: “California” (tema principale), “Love Theme”.

Una vera e unica serata nella quale la musica ha scavato nell’animo di tutti coloro che erano presenti certamente un solco profondo e indelebile.

Alla fine del concerto una breve presentazione di uno degli ultimi lavori della flautista Vilma Campitelli il  “Compendium Musicae Flauta”

Un catalogo colossale per flauto di compositrici. Ossia quasi tutto quello che esiste nei tre continenti di tutte le composizioni al femminile partendo dal flauto per arrivare ad organici fino a 12 elementi

Un’opera unica nel suo genere che rende giustizia ad una realtà artistica al femminile spesso trascurata, non conosciuta o ignorata.

Una serata dove la musica, nei più alti livelli, è stata la vera protagonista.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI