Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:795 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2614 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2189 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2127 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1722 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1349 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1260 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1512 Crotone

Incontro Draghi Salvini

Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega Matteo Salvini. Dopo gli incontri di ieri con Enrico Letta e Antonio Tajani, prosegue il giro dei leader della maggioranza dal presidente del Consiglio. Tra le questioni affrontate ieri: le riforme del Pnrr, da approvare nei tempi, in primis la giustizia; la campagna vaccinale e l'allerta sulle varianti Covid, compresa la situazione economica del Paese. E gli argomenti di oggi sono gli stessi. E appena terminato il vertice, il leader leghista prende subito la parola per mettere le cose in chiaro dopo il pressing da parte di alcune Regioni, categorie e forze politiche sull'idea del commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo di imitare Parigi. Favorevoli i parlamentari del Pd, mentre la leader di FdI, Giorgia Meloni, parla di "follia anticostituzionale" e di "idea raggelante". E' la stessa posizione di Salvini, che commenta: "Non scherziamo".

"L'idea di utilizzare il green pass per poter partecipare alla vita sociale è raggelante, è l'ultimo passo verso la realizzazione di una società orwelliana. Una follia anticostituzionale che Fratelli d'Italia respinge con forza. Per noi la libertà individuale è sacra e inviolabile",scrive su Twitter il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Nessun modello francese, non devi tirare fuori la siringa o un tampone per andarti a bere un cappuccino o mangiare una pizza. Se ci sono eventi particolarmente affollati, lo stadio, ci può essere una richiesta di controlli sacrosanta". Lo dice Matteo Salvini al termine dell'incontro avvenuto a Palazzo Chigi con Mario Draghi. "Il modello francese non è un modello. E il vaccino deve essere una scelta consapevole, non un obbligo".

"Incontro molto utile, totale condivisione su come andare avanti nei prossimi mesi: bisogna accelerare sulle riforme, la riforma della giustizia è da approvare entro l'estate. E aggiunge: "Chiunque si metterà di traverso sulle riforme, che sia Conte, che sia Grillo o che sia qualche corrente del Pd, avrà nella Lega un avversario perché la situazione economica è positiva, la situazione sportiva è positiva, e la smettano gli allarmisti di professione. 

La Lega c'è". Salvini poi ha detto: "Ho chiesto la riapertura di locali da ballo e discoteche, sono disponibili a riaprire già da questo fine settimana rispettando i protocolli del caso". E ha aggiunto: "Ho sottoposto al presidente ciò che è stato avanzato dalle regioni: cambiare i criteri di colori ed eventuali chiusure, quindi passare dal numero dei contagi a quello dei ricoveri e delle terapie intensive, che fortunatamente è sotto controllo". "Ci potranno essere più contagi? Sì, ma questo non vuol dire che ci saranno più ricoverati e morti".

Se Letta si ostina a non ascoltare niente e nessuno affossa la legge. La Lega ha raccolto le indicazioni di associazioni, del Santo Padre, di gay, lesbiche, insegnanti... votiamo tutti insieme, sarebbe un bel segnale. Togliamo dal testo quello che divide: bambini, gender nelle scuole, censura, bavaglio, negazione della libertà di pensiero e parola, e la legge viene approvata al Senato e alla Camera entro l'estate" ha detto Salvini. 

"Se Letta insiste con l'ideologia non fa il bene di gay, lesbiche e trans che dice di voler difendere - insiste il leader della Lega -: lo abbiamo visto oggi in Aula sul voto su una sospensiva, 136 a 135, immaginatevi cosa succede al primo emendamento che verrà votato. 

Noi continuiamo a ripetere: c'è una mediazione che mette d'accordo il 99 per cento del Parlamento, approviamo questa legge e passiamo ad altro". Si vota a ottobre Sulle amministrative Salvini dice: "Fare le elezioni a settembre vuol dire presentare le liste a ferragosto, non scherziamo. Si vota il 10 ottobre" spiega in merito alla richiesta di alcuni sindaci di svolgere a settembre il voto per le elezioni comunali.

 

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI