Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 23 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:464 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1217 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1954 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1485 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1464 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1431 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1703 Crotone

Senza casa, confronto positivo

"L'entrata in vigore dell'art.5 D.L. n. 47 del 28/03/2014 non lascia margini di manovra alle amministrazioni comunali, infatti la norma dice testualmente che "chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza nè l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge."
Non ci sono possibilità discrezionali da parte del Comune di Palermo sull'applicazione di tale legge che, non essendo affatto un deterrente alle occupazioni abusive, tuttavia rischia concretamente di amplificare il disagio sociale."

Lo dichiara Giusto Catania, assessore alla Partecipazione e ai Servizi Demografici del Comune di Palermo che oggi ha incontrato sull'argomento, presso la sede di Palazzo monumentale di Piazza Giulio Cesare, il "Comitato Prendo casa" e una delegazione di cittadini senza dimora.

"Si è trattato di un incontro pacifico: non vi è stata alcuna occupazione degli uffici comunali che, anzi, hanno svolto la propria attività senza alcuna interferenza - continua l'assessore Catania - inoltre abbiamo ribadito l'impegno del Comune, manifestato in più sedi dal Sindaco Leoluca Orlando e dall'Assessore Agnese Ciulla, per affrontare e risolvere l'emergenza abitativa della città, anche attraverso un tavolo tecnico promosso dalla Prefettura, insieme all'Agenzia nazionale dei beni confiscati, la Regiona e altre istituzioni.
.
Infine - conclude Catania - ci siamo impegnati a verificare, anche con il supporto  degli altri Comuni d'Italia, gli effetti che questo decreto può produrre in riferimento ad eventuali violazioni dei diritti costituzionali in materia di istruzione e salute."

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI