Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 29 Novembre 2021

"Remain" o "Leave" fa tremare l' Europa

Seggi aperti stamattina nel Regno Unito dalle 7.00 ora locale (le 8.00 in Italia) e fino alle 22.00 per il referendum sulla Brexit, destinato a decidere della permanenza o meno di Londra nell'Ue.

 

All'addio inglese Bruxelles potrebbe anche sopravvivere, ma alle sue conseguenze di certo no. Lo chiamano «effetto domino» ed è il vero incubo degli «euroburocrati» e di tutti gli ultimi aficionados di quest'Unione Europea. Un effetto capace di replicare su scala continentale il malessere britannico e generare tanti altri «exit» nazionali capaci in pochi anni di sgretolare e distruggere dalle fondamenta gli assetti di Bruxelles.

Al voto sono chiamati circa 46,5 milioni di elettori. Il quesito e' secco: "Il Regno Unito deve rimanere un membro dell'Unione Europea o uscire dall'Unione Europea?". E le alternative sono due: "Remain" o "Leave", dentro o fuori. Gli ultimi sondaggi indicano un testa a testa.

In caso di Brexit  in Italia il primo a piangere sarebbe il premier Matteo Renzi costretto a far i conti con una valanga «Brexit» pronta a travolgere lui ed il referendum istituzionale del prossimo ottobre. In Francia, invece, i primi a ridere e ad approfittarne per lanciare la loro sfida all'establishment sarebbero Marie Le Pen ed il suo Front National. La data fatale sarebbe in questo caso quella delle elezioni presidenziali del prossimo aprile affrontate al grido di «Fuori dall'Europa». Un grido capace di ammaliare non solo la destra tradizionale, ma anche buona parte di quella sinistra nazionalista delusa da Hollande e dal socialismo d'Oltralpe. Ma l'effetto domino va anche analizzato alla luce di un altro potente catalizzatore rappresentato dal problema migranti. Da questo punto di vista neppure la Cancelliera Angela Merkel può dirsi tranquilla.

Grazie alla sua decisione di aprire le porte ad un milione di profughi in arrivo dalla rotta balcanica le forze della destra anti sistema, riunite sotto l'etichetta di «Alternativa per la Germania» sono già cresciute, stando ai sondaggi, ben oltre il 15%. Un addio inglese all'Europa regalerebbe ulteriori energie sia alla destra estrema sia ai verdi, confinando i partiti della «Große Koalition» della Cancelliera ben sotto il 50 per cento in occasione delle elezioni federali che si svolgeranno tra l'agosto e l'ottobre del 2017. In Austria dove lo scorso maggio il candidato del Partito della Libertà (Fpo) Norbert Hofer ha perso per un soffio le elezioni presidenziali l'effetto sarebbe pressoché scontato.

Anche perché la formazione di destra ha già auspicato l'organizzazione di una consultazione sulla falsariga di quella britannica. Nella vicina repubblica Ceca è invece lo stesso premier socialdemocratico Bohuslav Sobotka a prevedere «un dibattito sul possibile ritiro dall'Unione da qui a qualche anno» in caso di uscita inglese. Più a nord le paure di un contagio capace d'innescare un referendum simile a quello britannico riguardano soprattutto la Danimarca e la Svezia i due paesi che - al pari di quanto fatto dalla Gran Bretagna con la sterlina - sono entrati nell'Unione Europea tenendosi ben strette le rispettive «corone» locali. In un paese come la Svezia dove già oggi - stando ai sondaggi- la percentuale degli elettori decisi a restare in Europa cala dal 42 al 32 per cento in caso di uscita inglese, l'effetto Brexit rischia di rivelarsi devastante.

I giochi sono chiusi, il futuro dell'Europa è ora affidato agli umori e ai malumori dei britannici. Gli elettori sono chiamati a rispondere 'Leave' o 'Remain' al referendum sull'Ue. Dentro o fuori, tertium non datur, come ha avvertito in queste ore il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. Le ultime cartucce di una campagna elettorale al veleno, più emotiva che ragionata, sono state sparate. In primo luogo dai due dioscuri-rivali dei Tory: il premier David Cameron, 'campione' di Remain, e l'ex sindaco di Londra Boris Johnson, l'uomo bandiera dei Leave sui media, ma anche il pretendente ombra alla poltrona di Downing Street.

«L'angoscia più grande - ammette lo stesso presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk - è che un eventuale risultato negativo finisca con il rafforzare i partiti euroscettici in tutto il resto dell'Europa». Angoscia giustificatissima visto che - a differenza dei normali incubi - l'effetto domino non è solo tremendamente reale, ma anche misurabile. Per capirlo basta consultare i sondaggi che da mesi testano gli umori dei cittadini dei 28 paesi dell'Unione Europea e valutano le loro reazioni all'approssimarsi della decisione dei sudditi di Sua Maestà. In Italia e Francia, stando ai rilevamenti Ipsos dello scorso maggio, il 58 e il 55 per cento degli elettori auspica lo svolgimento di un referendum simile a quello organizzato in Inghilterra. Ed il 48 ed il 41% rispettivamente si dice pronto a votare l'addio a Bruxelles. Tendenze destinate a venir inevitabilmente amplificate da un'eventuale vittoria dei «sì» nella consultazione d'Oltremanica. Le conseguenze a quel punto sono facili da immaginare. Il successo degli anti europei rappresenterebbe un autentico volano per le tesi della Lega di Matteo Salvini e dei Cinque Stelle, il movimento che da tempo propone - per bocca di Beppe Grillo - un referendum per l'uscita dell'Euro.

Cameron, colui che a questo referendum ha aperto le porte per calcoli di politica interna, ha rivolto i suoi appelli finali in una raffica di interviste sui giornali, ma anche fra la gente nel suo collegio elettorale nell'Oxford shire e fra i giovani di una scuola, la generazione che potrebbe avere più da perdere dal taglio netto: la Gran Bretagna - ha insistito come in un mantra - è e sarà "più prospera, più forte e più sicura" se resta "in un'Unione Europea riformata". Ma lui è pronto ad "accettare le istruzioni del popolo", ha aggiunto.

Due sondaggi dell'ultim'ora, diffusi nell'imminenza dell'apertura dei seggi per il referendum britannico sulla Brexit, danno il fronte del si' all'Ue (Remain) in vantaggio su quello del no (Leave): Yougov di un soffio, con il 51% contro il 49, mentre Comres piu' nettamente, 54% a 46. Poche ore fa altri due istituti avevano invece dato leggermente in testa Leave. I dati di un'ultima rilevazione, di Ipsos-Mori, completata oggi come impone la legge, sono attesi in mattinata.

Anche l'istituto demoscopico Ipos Mori da' il si' all'Ue (Remain) in vantaggio di misura sul no (Leave) in attesa dell'esito del referendum di oggi sulla Brexit. La rilevazione, completata ieri sera, ma diffusa oggi sui media, dice Remain al 52% e Leave al 48. Fra gli ultimi altri 4 sondaggi pubblicati ieri in Gran Bretagna, due (di Comres e Yougov) hanno pure dato Remain in testa, mentre altri due (Opinium e Tns) hanno accreditato un lieve vantaggio a Leave.

'84% dei scommettitori britannici punta su una vittoria del 'Remain' al referendum di oggi sulla permanenza del Regno Unito nell'Unione europea. Lo scrive il Financial Times online citando Betfair, uno dei colossi delle scommesse online. Un'ora prima, sempre secondo i bookmakers, la percentuale era del 78%. "Arrivano così tanti soldi in questo momento, con percentuali che oscillano non poco, ma le tendenza è fermamente per il Remain", ha detto all'Ft Naomi Totten di Betfair.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI