Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:248 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:224 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:445 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:575 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:982 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1072 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2412 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2666 Crotone

Un solo uomo dietro gli attacchi jihadisti di Bruxelles e di Parigi

Dietro agli attacchi del 13 novembre 2015 e del 22 marzo 2016 ci sarebbe il volto di Atar, che sarebbe entrato in contatto con Abu Bakr al Baghdadi, prima che divenisse il "Califfo" dello Stato islamico, scrive oggi il quotidiano Le Monde quando si trovavano entrambi a Camp Bucca, una delle prigioni americane in Iraq, da molti considerata "l'università dei jihadisti".

"L'organizzatore degli attentati di Parigi e di Bruxelles è stato identificato": lo scrive oggi in prima pagina il quotidiano Le Monde, a pochi giorni dalle commemorazioni della strage parigina del 13 novembre. Gli inquirenti francesi e belgi - prosegue il giornale - hanno ormai un nome: Oussama Atar, alias 'Abou Ahmad'. Il jihadista belga di 32 anni. Atar avrebbe agito dalla Siria, per preparare l'attacco a Bruxelles e per ingaggiare due dei kamikaze che entrarono in azione a Parigi, gli iracheni che si fecero saltare in aria all'esterno dello Stade de France.

Oggi intanto la polizia tedesca ha arrestato "cinque uomini" che avrebbero reclutato giovani musulmani per l'Isis soprattutto in Bassa Sassonia e Nordreno-Vestaflia. Tra gli arrestati c'è un "predicatore" detto "senza volto" e considerato "il peggiore" in ambienti della sicurezza. 

Gli arresti, annunciati da numerosi media tedeschi, sono stati compiuti stamattina e sono stati favoriti "in maniera determinante" da indicazioni fornite da un esponente dell'Isis "di ritorno", precisa il sito della Sueddeutsche Zeitung. Il "predicatore senza volto", 32 anni, si fa chiamare Abu Walaa ma il suo vero nome è "Ahmad Abdelazziz A.".

Le indagini sono durate mesi (dall'autunno dell'anno scorso). I reclutatori sono sospettati di agire per conto dell'Isis e vengono accusati di sostegno ad organizzazione terroristica: avrebbero aiutato a livello logistico e finanziario giovani musulmani a recarsi all'estero per la "guerra santa". Alla fine di luglio c'erano state perquisizioni, tra l'altro in una moschea della periferia nord di Hildesheim, considerata un "importante luogo di incontro degli ambienti salafiti" a livello nazionale.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI