Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Ottobre 2021

Sepolcri, cinque conferenze dell'Opera di Santa Croce

L'Opera di Santa Croce mette in calendario un ciclo di cinque conferenze, coordinato da Carlo Sisi, dedicato ai Sepolcri che si terrà dal 1 ottobre al 5 novembre 2015, nella Sala del Cenacolo del Complesso monumentale fiorentino.

Dopo oltre 700 anni di vita, l'Opera di Santa Croce continua a svolgere il suo ruolo centrale nella gestione e nella valorizzazione di un patrimonio - crocevia politico e culturale della storia del Paese - che appartiene al F.E.C. (Fondo Edifici Culto del Ministero dell'Interno) e al Comune di Firenze.
Basilica francescana, municipio religioso della città, tempio delle "itale glorie", sacrario europeo, Santa Croce è il complesso monumentale che costituisce il deposito d'ispirazione di una memoria per il mondo. Un concreto "ipertesto di storia dell'arte" che spazia dal Duecento al Novecento.

E' in questa chiave di lettura  che nasce il progetto dei cinque incontri attraverso i quali ripercorrere gli eventi e i protagonisti del XIX secolo, ponendo soprattutto in evidenza i nuclei tematici che consentono, oggi, di evocare le principali componenti della civiltà toscana e nazionale dell'Ottocento.

Gli interventi, affidati a relatori specialisti di elevata caratura scientifica, riguardano infatti gli ambiti della politica, della letteratura, della scienza, della musica e dell'arte, con l'obiettivo di unire ai profili degli 'illustri', a cui sono dedicati i monumenti, la descrizione dei contesti entro i quali gli stessi si trovarono ad agire.

Il primo intervento (giovedì 1° ottobre), affidato a Alberto Mario Banti, illustra, in chiave di prefazione, la Firenze risorgimentale e postunitaria quale si può ricostruire dall'osservatorio del pantheon e dall'episodio cruciale del collocamento della statua di Dante di fronte alla basilica. Seguono i contributi più specifici di Carlo Sisi (8 ottobre) sugli artisti sepolti e sullo stile e sui significati dei monumenti funebri, di Fulvio Conti (15 ottobre), rivolto ad analizzare le presenze scientifiche a partire dall''exemplum' di Galileo, di Quirino Principe (22 ottobre) sul mondo musicale, che in Santa Croce ha riflessi di particolare rilevanza.
Conclude la serie di conferenze il contributo di Corrado Bologna (5 novembre), che dal monumento all'Alfieri passerà in rassegna le memorie ispirate al tema foscoliano dei sepolcri di Santa Croce.
Il ciclo di conferenze si avvale, come supporto iconografico, della campagna fotografica commissionata appositamente dall'Opera di Santa Croce ad Arrigo Coppitz.

Negli anni in cui Ugo Foscolo concepiva e pubblicava il carme dei Sepolcri, la chiesa di Santa Croce offriva al visitatore elevati esempi di "bello sepolcrale" in cui la memoria degli illustri della storia era affidata a monumenti (Michelangelo, Galileo, Alfieri) destinati a sollecitare pensieri morali, civili, artistici. Alla trasfigurazione poetica foscoliana corrispondeva infatti la struttura di un pantheon concepito quale luogo del culto della memoria esteso dall'individuo alla società, ma anche una sequenza di sculture funebri che, per il tramite della forma, celebravano il trionfo di un genere innovato dal commovente classicismo di Antonio Canova.

A questa unione di contenuti patetici e traslati affettivi si atterranno, per almeno due decenni, i monumenti sepolcrali di Santa Croce, che sempre più venivano popolando le navate della chiesa frequentate, come rifugio per la meditazione e le immaginazioni sublimi, da eccezionali visitatori quali Madame de Staël, Chateaubriand, Byron, Stendhal, Lamartine.
Il linguaggio dei simboli e lo stile elevato che contraddistinguono, in special modo, il percorso sepolcrale fra neoclassicismo e temperie purista (si vedano i monumenti funebri di Mihail Skotnicki, di Sofia Zamoyska, di Giulia Clary Bonaparte, della contessa d'Albany, solo per citarne alcuni), avrà un seguito nei monumenti celebrativi collocati in chiesa dopo l'Unità, quando nella piazza antistante veniva eretto il monumento ad un Dante sdegnato che ben rappresentava, in funzione di preludio, il concetto esemplare e patriottico ricavabile dalla visita al pantheon di Santa Croce.

Tale illustre concentrazione di memorie fu il movente delle numerose e pressanti richieste di cittadini e di stranieri al fine di ottenere luoghi di sepoltura nella chiesa o entro il recinto del convento: il chiostro prospiciente la Cappella de' Pazzi cominciò così, dai primi anni dell'Ottocento, a popolarsi di lapidi e monumenti tanto che, nelle guide e nei giornali del tempo, si citava il 'Chiostro dei Morti' come meta indispensabile a completare l'itinerario iniziato all'interno della chiesa. Vi si potevano ammirare la tomba di Francesco Sabatelli, ove l'angelo della morte appare a quello della pittura per annunciare l'ultimo tempo del giovane artista; la statua di Virginia De Blasis di Luigi Pampaloni, commovente omaggio al celebre soprano rappresentata genuflessa per invocare un fiore alla sua tomba, come aveva fatto interpretando per l'ultima volta la Beatrice di Tenda di Vincenzo Bellini; il busto della pittrice Ida Botti Scifoni, molto apprezzata alla corte lorenese; le memorie del botanico Giorgio Gallesio e dei musicisti Bartolomeo Cristofori e Pietro Nardini; l'avello neogotico immaginato per la sepoltura del pittore Giuseppe Sabatelli; l'effigie medusea di Girolamo Segato ideata da Lorenzo Bartolini per ricordare la scienza pietrificatrice del celebre egittologo bellunese. Per ciascuno di essi la lapide o il monumento proponevano la sintesi di una vicenda terrena ricostruibile ora con le notizie circostanziate raccolte dall'epigrafista, ora attraverso allegorie e simboli (la fiaccola spenta, la corona funeraria, l'urna lacrimale, la farfalla, il seme del papavero, il serpente ctonio) che la civiltà della Restaurazione sapeva ancora correttamente leggere ed interpretare.

Il Chiostro dei Morti subirà nel tempo radicali modifiche sia in concomitanza con i lavori della nuova facciata della chiesa (inaugurata nel 1863), sia al tempo degli interventi postunitari che mirarono a rendere più spettacolare l'accesso alla Cappella dei Pazzi; interventi che non solo rispettarono ma arricchirono il percorso del sepolcreto spostando e aggiungendo monumenti secondo un preciso disegno ornamentale. Risale invece ai primi anni Sessanta del secolo scorso la decisione di rimuovere dal chiostro lapidi e sculture che furono smantellate con fredda sistematicità cancellando così persino le tracce dell'itinerario di memorie che aveva fatto di Santa Croce un insostituibile approdo poetico e sentimentale.
Il ciclo di conferenze che si svolgerà fra ottobre e novembre 2015, vuole ripercorrere gli eventi e i protagonisti che nel corso del XIX secolo hanno contribuito a configurare l'organismo celebrativo e memoriale del pantheon di Santa Croce, ponendo soprattutto in evidenza i nuclei tematici che consentono, oggi, di evocare le principali componenti della civiltà toscana e nazionale dell'Ottocento. Gli interventi, affidati a specialisti di elevata caratura scientifica, riguardano infatti gli ambiti della politica, della letteratura, della scienza, della musica e dell'arte, con l'obiettivo di unire ai profili degli 'illustri' la descrizione dei contesti entro i quali gli stessi si trovarono ad agire.
Il primo intervento (giovedì 1° ottobre), affidato a Alberto Mario Banti, illustra, in chiave di prefazione, la Firenze risorgimentale e postunitaria quale si può ricostruire dall'osservatorio del pantheon e dall'episodio cruciale del collocamento della statua di Dante di fronte alla basilica. Seguono i contributi più specifici di Carlo Sisi (8 ottobre) sugli artisti sepolti e sullo stile e sui significati dei monumenti funebri, di Fulvio Conti (15 ottobre), rivolto ad analizzare le presenze scientifiche a partire dall''exemplum' di Galileo, di Quirino Principe (22 ottobre) sul mondo musicale, che in Santa Croce ha riflessi di notevole rilevanza; conclude la serie di conferenze il contributo di Corrado Bologna (5 novembre), che dal monumento di Alfieri passerà in rassegna le memorie letterarie ricavabili dal sepoltuario.
Il ciclo di conferenze si avvale, come supporto iconografico, della campagna fotografica commissionata appositamente dall'Opera di Santa Croce ad Arrigo Coppitz.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI