Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Febbraio 2024

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:241 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:216 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:438 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:569 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:977 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1068 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2408 Crotone

Book Baby Boom: una nuova…

Ott 25, 2023 Hits:2660 Crotone

Prestito per ristrutturazione casa: cosa sapere e qual è l'iter per richiederlo

Se hai bisogno di ristrutturare la tua casa ma non sai come fare, forse un prestito potrebbe fare al caso tuo. Grazie ai prestiti finalizzati a finanziare ristrutturazione in casa potranno finalmente essere effettuate tutte le modifiche necessarie a rendere le abitazioni a norma e confortevoli, in base alle esigenze. In questo modo, la spesa sarà dilazionata nel tempo.

Come funziona

I prestiti per la ristrutturazione di immobili sono usufruibili da parte di chi ne abbia bisogno e possono essere richiesti nelle sedi degli enti convenzionati che offrono questa opportunità. Solitamente le caratteristiche dei finanziamenti di questo tipo prevedono la copertura di costi inerenti a diversi tipi di lavori che possono essere effettuati, che vanno dal rifacimento degli impianti essenziali quali ad esempio di riscaldamento o idraulici, alla risistemazione delle zone interne dell'abitazione.

Lo scopo di questo strumento è infatti anche quello di creare e fornire a chi lo necessiti, uno strumento flessibile o comunque utile per le ristrutturazioni in casa. Si tratta di una modalità con cui è possibile effettuare i pagamenti della cifra da investire tramite diverse rate distribuite in un arco di tempo più o meno lungo, da preventivare a seconda dei lavori che devono essere eseguiti nella struttura interessata.

Dove e iter richiederlo?

I soggetti che forniscono questo tipo di servizio sono diversi, solitamente sono istituti specializzati il cui personale è qualificato per effettuare ed analizzarei preventivi dei lavori strutturali. Resta infatti, di grande importanza, la necessità di affidarsi a professionisti qualificati in materia e che abbiano una esperienza in ambito di credito al consumo, con particolare attenzione all'assistenza fornita sia nelle fasi iniziali che in quelle finali del progetto. Tra questi da prendere in considerazione c’è sicuramente il prestito per la ristrutturazione casa Compass, nota società presente su tutto il territorio nazionale da decenni.

Dopo aver scelto e selezionato accuratamente l'ente presso il quale si ha intenzione di rivolgersi per la richiesta di prestito, il procedimento da seguire è pressoché simile. In primo luogo, bisogna presentare un piano di lavori che si ha intenzione di intraprendere, individuando le stanze o le zone della casa interessate nella ristrutturazione e capire quale sia, anche approssimativamente il budget di spesa da affrontare.

In secondo luogo, il colloquio con l'esperto addetto dell'istituto presenterà al cliente tutte le alternative esistenti in base alle esigenze presentate. I documenti che devono essere presentati insieme alla richiesta sono: documento di identità incorso di validità, codice fiscale, permesso di soggiorno per i soli cittadini non nati in Italia e un documento di reddito.

Bonus statale per ristrutturazione casa

A tal proposito, è interessante precisare come, attualmente sono presenti ed è possibile richiederli, dei bonus per la ristrutturazione della casa, in base a quanto previsto dalla legge di bilancio e che sono stati stanziati con fondi utilizzabili fino al dicembre del 2024. Così come è stato già fatto in passato, il bonus di cui si discute prevede una detrazione IRPEF del 50 % sulle spese che sono state sostenute al fine della ristrutturazione e prevedono un limite di spesa massimo che arriva a circa 96.000 euro per immobile.

 

In altri termini, si dà la possibilità di recuperare la metà delle spese effettuate. Per ottenere il diritto a ricevere il rimborso sarà necessario allegare alla dichiarazione dei redditi tutti i documenti e le spese che dimostrino l'effettuazione dei lavori e le spese sostenute, e il recupero della cifra, se confermato verrà erogato in 10 rate che saranno corrisposte in 10 anni che vengono conteggiati a partire dall'anno in cui i lavori sono stati effettuati.

 

Per concludere, il bonus può essere richiesto anche se i lavori sono stati pagati tramite un finanziamento e sono previste alcune condizioni da rispettare, quali ad esempio, la supervisione dei lavori da parte di un tecnico e l'obbligo di comunicazione costante sull'andamento dei lavori.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI